Utente 265XXX
È mai possibile che una presunta dccm provochi oltre ai dolori ai muscoli masticatori e del collo anche tensione ai muscoli elevatori delle narici e dolori al naso?

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Non vedo molte connessioni, teoricamente, fra i due eventi.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Utente 265XXX

Ho sbagliato un po ad esprimermi.
I muscoli in questione (oltre a masseteri, scom, trapezio, scaleni, digastrici, occipite)
Sono anche gli elevatori del labbro superiore o dilatatori delle narici, che sono
in tensione e lieve indurimento, la quale cosa provoca una pseudo nevralgia al naso.
Pesantezza agli occhi.
É indubbio che ci sono problematiche della occlusione, alcuni denti non si toccano ed altri toccano troppo (mi furono sbagliate delle ricostruzioni e delle capsule che sono corte)
Il bite da sollievo, ma non all'area nasale, anche se quando lo tolgo per mangiare, oltre ad avere difficolta ai masticatori, parte piu forte la costrizione e il peso al naso.
Questo consulto é per capire se ci sono casi simili visto che con questa sintomatologia anomala vengo preso per "matto" e perché neanche il neurólogo capisce cosa sia.
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Le informazioni che dai muscoli del viso (compresi muscoli della masticazione e degli occhi) vanno al cervello finiscono tutte nello stesso nucleo trigeminale (nucleo mesencefalico). Un malfunzionamento coinvolge tutti i muscoli suddetti.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#4] dopo  
Utente 265XXX

Grazie,
un mal funzionamento del nucleo trigeminale in se, oppure un malfunzionamento della bocca?
Poi ho queste domande:
Se rilasso volutamente la bocca e poi la chiudo, gli incisivi si toccano, invece se non la rilasso volutamente e chiudo si toccano (male) i posteriori.
In pratica ho due chiusure e secondo me i bite inferiori fatti finora non hanno tenuto conto di questa stranezza, ecco perché dopo un iniziale miglioramento, poi non hanno avuto successo.
venivano regolati con la chiusura número 2, inoltre questa chiusura numero 2 é quella che viene sulla poltrona del dentista in cui per gravita la mandibola va indietro e non in piedi perché in piedi la chiusura cambia (sara strano ma a me é cosi) la mandibola si sposta in avanti e quindi quello che é stato regolato sulla poltrona non corrisponde poi alla chiusura in posizione eretta e soprattutto a bocca rilassata in cui la mandibola se ne va ancora piu in avanti e gli incisivi toccano e io la devo portare indietro.
Posto che adesso porro tutti questi quesiti ad un nuovo dentista che finalmente pare sappia il fatto suo e che viene da esperienze iapnor.
Vorrei sapere gentilmente la vostra opinione in merito, come si fa a regolare il bite correttamente?
Reclinati in poltrona? Seduti dritti? In piedi?
Perché la mia bocca comunque anche in posizione eretta, anche se di poco in alcuni momenti chiude in un modo e in altri in un altro? Sono strano io? Io penso che questo anche se piccolissimo avanti e indietro (oltre al fatto di avere i posteriori che toccano male) mi stia distruggendo i muscoli.
Ma finora mi é stato detto che sono io che faccio la "parafunzione" e a voler completare il quadro relativo alla mia "colpa" non é possibile che i muscoli perinasali e cioé mimici c'entrino con la dccm, tanto che mi é stata data una terapia a base di rivotril che a parte farmi dormire di sasso non fa altro perché quando mi alzo, dopo 15 minuti o mezzora ripartono i problemi che incrementano costantemente fino a quando non sono costretto a dovermi stendere sul letto per farli scemare, da steso mi passa quasi completamente tutto.
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Lei ha fatto una diagnosi più precisa del dentista. E' ovvio che nel Suo caso c'è una chiusura di comodo (da sdraiato) che non corrisponde a quella in cui lei sta bene. E' necessario trovare quella. Una terapia alternativa potrebbe essere http://www.danieletonlorenzi.it/atm/stretching-mandibolare-contro-il-dolore-e-wellness-benessere-in-odontoiatria/ potrebbe riservarLe piacevoli sorprese.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#6] dopo  
Utente 265XXX

La domanda é proprio quella, ma questa posizione chiamiamola terapeutica,
Qual'é? Come la si trova? É quella da in piedi?
Ed é quindi cosí che poi si deve regolare il bite?
Ripeto, porro tutti questi quesiti al nuovo dentista, che mi é stato consigliato dall'osteopata, e che segue una associazione iapnor la quale mi spiegava l'osteopata trova una posizione in cui costruisce il bite dopo aver preso un impronta mentre viene fatta una elettromiigrafia e una stimolazione tens. Ma ho discusso con l'osteopata che se il bite viene costruito con quella impronta cosi trovata, le regolazioni poi comunque verranno fatte come sempre e cioé fai tac tac sulle cartine colorate e io faccio un tac tac da seduto, un'altro da reclinato e un altro ancora da in piedi, e stessa cosa accade quando mi fanno strisciare a dx e sx, la strisciata dei canini é piu indietro o piu in avanti anche se di poco a seconda del momento.
Secondo l'osteopata la posizione corretta é quella mentre si deglutisce, e cioé quella in cui sto da steso, ma per me sembra una posizione forzata e comunque dopo che ingoio la mandibola se ne va in avanti sola e di parecchio o quanto meno ció che basta a farmi urtare gli incisivi e a dover tornare forzatamente indietro per non stare appoggiato solo sugli incisivi.
E quando avevo il bite stessa cosa anzi peggio la mandibola se ne andava ancora piu in avanti trovando un appoggio piu ampio sulla parte anteriore del bite tanto che ho diciamo cosí litigato col dentista quando gli facevo notare come il mento se ne andasse tutto in fuori e rimanessi su incisivi e canini appoggiati al bite. Ma la risposta era che lo facevo apposta io... Invece no bastava un momento di disattenzione, di relax, spesso mentre ero alla guida e ascoltavo la música per ritrovarmi con il mento in avanti..
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nella vita normale si assumono diverse posizioni della bocca.
La bocca passa, in sostanza, da una posizione all'altra continuamente nelle sue varie funzioni.

Tutto il suo discorso si concentra sulla statica della bocca, ma non fa cenno alla funzione, al movimento e sopratutto alle parafunzioni.
E' comprensibile, per un paziente evoluto come lei, che si è molto interessato al fenomeno, fino a saperne più di un dentista medio.
Ma quando si analizzano i movimenti e la simmetria, tutto si fa più neboloso, difficile e oscuro.
Se lo sguardo si volge poi alle parafunzioni notturne, si entra in campi parecchio inesplorati, dove tutto quello che si conosce, bite, impronta presa dopo elettromiografia e tens, posizione di centrica retrusa o avanzata e via discorrendo diventano considerazioni marginali o quasi ininfluenti.

L'impressione che ho è che lei si sia concentrato su particolari importanti ma non per il suo caso.
Si da per esempoio per scontato la terapia con bite.
Terapia...
Ma di cosa?
DCCM è il sintomo, non la malattia.
Lei ha verosimilmente una malocclusione: denti che toccano troppo da una parte, che toccano troppo poco dall'altra.
Ma è sicuro che sia l'unica causa della DCCM?
Sono state esplorate altre possibili concause?

Da queste domande potrebbero derivarne risposte che possono portare strategie terapeutiche anche completamente diverse.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#8] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Il dubbio espresso dal dott Formentelli è assolutamente centrato: è normale che la bocca assuma posizioni diverse durante il giorno. Questo non è di per sè una causa di dccm e non è necessariamente il punto principale su cui concentrarsi per la valutazione del bite o in senso più ampio per valutare la strategia terapeutica
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it

[#9] dopo  
Utente 265XXX

Salve, e quali possono essere altre cause?
Si ho una malocclusione.
Chi dice che devo rimettere a posto i denti che mi sono stati appiattiti colpevolmente, chi dice che devo fare ortodonzia nel frattempo io ho solo pagato in denaro e in salute.
Dr Spinelli io sono pugliese, lei se la sente di vedermi, ma attentamente, seriamente, per capire una volta per tutte cosa si deve fare?

[#10] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prima cosa deve trovare un esatto ingranaggio tra i denti, in grado di essere soddisfacente in tutte le posizioni della giornata. Cose come questa http://www.danieletonlorenzi.it/atm/stretching-mandibolare-contro-il-dolore-e-wellness-benessere-in-odontoiatria/ possono aiutare. Altro senza visita è difficile da dire.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#11] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Le cause dei dccm sono quasi sempre multifattoriali, si cerca di individuare caso per caso quale siano i fattori eziologici più rilevanti.
I pazienti cerchiamo di visitarli tutti attentamente.
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it