Utente 379XXX
Gentili dottori, ho 32 anni e godo di buona salute a parte il problema che vengo a illustrare. Da parecchi anni, almeno da quando ero ragazzina, soffro di problemi all’articolazione della mandibola, cioè aprendo e chiudendo “scatta” in due volte prima da una parte poi dall’altra, e mi è sempre stato detto di stare attenta a sbadigliare, ma non ho mai affrontato il problema. 5 mesi fa, a causa di un’ infezione al secondo molare, dente già incapsulato e devitalizzato, ho iniziato ad avere saltuari fastidi alla gola dalla parte del dente malato. Lo stesso dente poco dopo mi è stato estratto e un paio di settimane dopo il fastidio alla gola (come di un corpo estraneo, a volte in fondo al palato, sempre da una parte sola, a volte un po’ più in basso sotto il linfonodo) ha iniziato a diventare più presente, prima qualche volte al giorno soprattutto la sera. Nei successivi 5 mesi ho masticato sempre dalla parte opposta al “buco” lasciato dal dente estratto. Da quando mi hanno messo il ponte, un paio di settimane fa, ho avuto un iniziale miglioramento di questo fastidio, durato un paio di giorni, ma poi un sostanziale peggioramento del fastidio, che è diventato cronico e mi sta veramente logorando perchè mi causa una sensazione di chiusura in gola da una parte. Alla visita semplice della gola tutto sembra a posto, i linfonodi non sono particolarmente reattivi. SIcuramente mi rivolgerò anche ad uno specialista otorinolaringoiatra, ma pensa che questo disturbo possa essere legato ai problemi alla mandibola? Premetto che la dentista in una delle ultime visite mi ha diagnosticato una lussazione della mandibola, ed io sentendomi le due arcate “storte”, non completamente appoggiate l’una sull’altra, continuo a fare un movimento inconscio di sfregamento tra le due. A questo si aggiungono contratture varie dei muscoli del collo sempre da quel lato e sensazione di orecchio tappato, e quando sbadiglio sento che l'arcata inferiore si sposta leggermente verso sinistra. Non so che pensare...prima di andare dall'otorino volevo capire se il problema fosse invece legato, appunto, ai problemi dell'articolazione e dei muscoli della mandibola.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Provi a leggere qui http://www.danieletonlorenzi.it/atm/gnatologo-gnatologia-ovvero-studio-dell%E2%80%99articolazione-temporomandibolare-atm/ (clicchi sopra "continua e apri") i meccanismi sono dovuti a una riduzione della "dimensione verticale". I denti inferiori sono più corti (di solito è così) legga "dimensione verticale" su https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html.
Controlli e ci dia altre informazioni
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 379XXX

Grazie dottore. Leggerò di sicuro il link che mi ha mandato. Non ho capito in che senso i denti inferiori potrebbero essere "più corti"... so che a me li hanno limati parecchio, e solo dalla parte sinistra (sempre quella dove ho il fastidio) prima per la capsula, poi per il ponte, ma non so se è questo che intendeva...

Grazie!

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nel paragrafo Dimensione verticale dell'ultimo articolo segnalato vede una foto di una bocca con una linea che parte dai denti anteriori e che si estende sopra i denti posteriori. Lo spazio che vede indica che i denti dietro sono "più corti" rispetto agli anteriori.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum