Utente 486XXX
Salve, sono una ragazza di 18 anni e da settembre sento un fastidioso rumore in entrambe le orecchie, un leggero fischio a volte simile al rumore che si sente quando ad esempio si sgonfia un pallone...e che se stringo i denti diventa più forte. inoltre mi capita di sentire una specie di scricchiolio quando deglutisco e quando sbadiglio è come se le mie orecchie si stappassero, anche se non sono tappate....il rumore che sento continuamente, aumenta se mi trovo in luoghi con musica ad alto volume o in cui c'è troppo casino.
ci sono giorni in cui mi danno fastidio alcuni rumori e mi è capitato alcune volte che l'orecchio (destro o sinistro) si tappasse e cominciasse a fischiare forte per alcuni secondi, massimo 1 o 2 minuti per poi smettere da solo. A tutto questo si aggiunge il fatto che ogni tanto sento nelle mie orecchie (non in tutte e due, o a destra o a sinistra) un solo tum, che a volte si presenta in una serie continua di questi tum per poi ''ovviamente'' smettere da solo.
A tutto ciò si aggiunge il fatto che ho la trombocitemia e sono in cura con cardioaspirina.
Sono stata da 3 diversi otorini che mi hanno dato spiegazioni diverse riguardo i miei sintomi e soprattutto l'acufene. Da tutti e tre gli otorini ho fatto sia l'esame audio-impedenzometrico che per tutte e 3 le volte è risultato nella norma, uno dei tre otorini mi ha rimosso del cerume a destra che secondo lui causava l'ovattamento e il conseguente fischio forte, ma il sintomo persiste.
Riguardo alle spiegazione un otorino mi ha detto che l'acufene può dipendere dalla circolazione non buona a causa della trombocitemia, l'altro otorino mi ha detto che non dipende da questo altrimenti ci sarebbero stati danni all'udito e l'altro ancora mi ha detto che potrebbe dipendere dalla cardioaspirina che rende il sangue più fluido e quindi è come se lo sentissi circolare...inoltre mi hanno detto che potrebbe dipendere dalla membrana sottile(causa anche del fatto che in macchina, ad esempio, mi si tappano le orecchie) oppure dai denti del giudizio che dovrebbero nascere. Sono confusa.... In ogni caso, mi hanno detto che non posso fare nulla... Poi sono stata da un medico per vedere se è un qualcosa legato alla mandibola e avendo fatto anche una panoramica ai denti non è risultato nulla.
Spero vivamente in un vostro aiuto, perchè sinceramente non so più cosa fare, vorrei capire se questi sintomi possono essere tutti legati tra loro, da cosa dipende l'acufene, se può dipendere dalla trombocitemia e se c'è qualcosa che posso fare per eliminare o almeno diminuire questi fastidi. Attendo risposte, grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Vedo che ancora non ha avuto risposta, le giro il link sugli acufeni che dà anche indicazioni sui diversi trattamenti: https://www.medicitalia.it/salute/otorinolaringoiatria/142-acufeni.html
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Grazie Dr.ssa per il link. Leggendo ho notato che si parla di farmaci ototossici e la cardioaspirina lo è. A tale proposito, visto che dalla visita otorinolaringoiatrica non è risultato nulla, lei crede che possa essere la cardioaspirina la causa del mio acufene?
Se così fosse come mai in presenza di forti rumori, il fastidio all'orecchio aumenta?

[#3] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ha consultato tre otorinolaringoiatri e da quello che ho capito nessuno ha rilevato danni organici all'udito, anche se non hanno escluso che i problemi di circolazione causati dalla trombocitemia e dalla terapia con la cardioaspirina possano essere implicati.
In questi casi l'atteggiamento del paziente che, comprensibilmente esasperato dall'acufene, presta attenzione al rumore, sperando che vada via, peggiora la situazione. Ci sono tecniche, come dice l'articolo, che "insegnano" ai centri uditivi cerebrali a distogliere l'attenzione dal tinnitus. Non è facile, non è semplice, ma si può fare.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, credo che quello che dicono i Colleghi Otorinolaringoiatri, cioé che "gli acufeni sono la loro tomba" rappresenti in qualche modo la realtà nel senso che si tratta di una patologia molto ostica al trattamento.
Vale forse la pena di prendere in considerazione anche una possibilità spesso trascurata.
L''acufene può essere un sintomo di una disfunzione dell''Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell''intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall''intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale (probabilmente il suo caso), quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Sul funzionanento dell''ATM può avere qualche ulteriore informazione visitando il mio sito internet.
Il conflitto con il condilo mandibolare può riguardare anche la Tromba di Eustachio, e partecipare a sostenere il problema anche per questa via, come forse accade anche nel suo caso ("causa anche del fatto che in macchina, ad esempio, mi si tappano le orecchie").
Probabilmente, infatti, lei presenta una disfunzione tubarica, cioè un cattivo funzionamento di quei tubicini (la tromba o tuba di Eustachio) che mettono in comunicazione il retrobocca con l’orecchio medio, e servono ad aerarlo e a compensare eventuali sbalzi di pressione fra le due superfici del timpano. All’interno della tuba può ristagnare del muco . Il funzionamento della tuba è stimolato dai movimenti del condilo mandibolare e dai muscoli coinvolti nella deglutizione.
Scrive anche " Poi sono stata da un medico per vedere se è un qualcosa legato alla mandibola e avendo fatto anche una panoramica ai denti non è risultato nulla".
Non è certo con una panoramiche che si ffirmula una diagnosi in un problema come il suo.
Le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e sopratutto di dirapporti fra questa e l'Orecchio: non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità.
Le suggerirei anche di dare un''occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell''ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1348/Acufeni-e-disfunzioni-dell-Articolazione-Temporo-Mandibolare-ATM
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#5] dopo  
Utente 486XXX

Grazie ad entrambi per la risposta
ho letto l'articolo, ma oltre l'acufene e quello che ho descritto precedentemente non ho altri sintomi come dolori facciali, dolori cervicali, lombosciatalgia ecc...
riguardo alla disfunzione tubarica di cui mi ha parlato, c'è qualcosa che posso fare?

[#6] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Certo: disfunzione tubarica e acufene possono essere due aspetti dello stesso problema.
Come già le scrissi, dovrebbe farsi visitare anche da un dentista che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e sopratutto di di rapporti fra questa e l'Orecchio.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com