Utente 488XXX
Salve, sono una ragazza di 30 anni e da 2 ho iniziato ad avere problemi piuttosto rilevanti. Il primo episodio, severo, che mi ha portato persino al ricovero e ad una lunga convalescenza risale al luglio 2016, quando sono arrivata al ps con vomito, violenti vertigini (anche ad occhi chiusi), diplopia, nistagmo e una lieve ipoacusia, che sono durati diversi giorni. Prima di allora, ad aprile, avevo riscontrato sintomi simili però più attenuati insieme ad un dolore pulsante all'orecchio dx, al punto che con un paio di giorni di riposo ero riuscita a rimettermi. Ho effettuato una nuova visita dall'otorino lo scorso anno, per la sensazione di ovattamento sempre allo stesso orecchio e acufeni, e mi ha prescritto una terapia a base di cortisonici. Questa volta, è da un mese che il senso di ovattamento è peggiorato e alle vertigini, si sono sommati altri sintomi, quali difficoltà nella deglutizione, sensazione di corpo estraneo in gola, rigidità cervicale, vista traballante e tensione oculare sempre sul lato dx. Poichè avverto un click all'atm sia in apertura che in chiusura, questi sintomi possono ricollegarsi alla disfunzione atm? Ho consultato 2 dentisti diversi, uno dei quali in parte ha escluso che la disfunzione dell'atm possa manifestarsi con così spiccati sintomi vestibolari. Motivo per il quale mi ha incoraggiata a sottopormi alla RM (che ho evitato in questi anni per claustrofobia). Intanto dall'otorino non sono più tornata e lui stesso,lo scorso anno, mi aveva prescritto RM encefalo con mdc. Il centro privato che ho contattato mi ha consigliato direttamente RM condotti uditivi. Qualcuno di voi può consigliarmi se convenga fare entrambe o sulla base dei miei sintomi esplorare l'orecchio interno è piu conveniente? Considerate che il costo per RM encefalo e condotti uditivi interni è piuttosto elevato. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, E' probabile che lei presenti una disfunzione tubarica. La Tuba (o Tromba di Eustachio) è quel tubicino che mette in comunicazione il retrobocca con l''orecchio medio (cassa timpanica), e serve ad aerarla e a mantenere l’equilibrio pressorio fra le due superfici del timpano. Quando per vari motivi (ad esempio sbalzi di quota) l’equilibrio si altera, si ha una sensazione di “ovattamento” come quella da lei riferita.
La tuba può essere "intasata" non solo dal catarro, ma anche compressa dall'esterno: a volte siamo infatti di fronte anche ad un conflitto che si instaura fra la tuba e il condilo della mandibola, dovuto a sua volta alla malocclusione dentaria con malposizione mandibolare.
Anche l’acufene e la vertigine può essere un sintomo di una disfunzione dell''Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell''intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall''intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca.

https://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1348/Acufeni-e-disfunzioni-dell-Articolazione-Temporo-Mandibolare-ATM
https://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1408/La-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica

Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici, o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
Qualche ragguaglio in più sui rapporti fra ATM e orecchio può trovarlo visitando il mio sito internet.
Comunque, Poiché scrive "avverto un click all'atm sia in apertura che in chiusura", il mio sospetto è rinforzato.
Le consiglierei quindi di consultare anche un dentista-gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e soprattutto nei rapporti fra ATM ed orecchio: si sinceri bene di questa competenza spoecifica.
Le consiglio anche di dare un'occhiata agli articoli qui sotto linkati.
Cordiali saluti ed auguri

https://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1934-nodo-gola-bolo-isterico.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 488XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta. In merito alla RM saprebbe darmi qualche consiglio, in quanto preferisco a questo punto sgombrare il campo da qualsisi altro tipo di dubbio e seguire, laddove tutto risulti negativo, l'iter diagnostico dallo gnatologo.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
In 3 minuti ha già letto tutti gli articoli che le ho linkato?
Ovviamente si possono seguire diversi criteri di priorità.
La RM esclude patologie molto gravi, ma anche molto rare: decida lei: se avesse letto quello che le ho suggerito, forse avrebbe altri elementi di giudizio.
"da 2 ho iniziato ad avere problemi piuttosto rilevanti."
in 2 anni il ruolo dell'ATM si sarebbe confermato o escluso 10 volte.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com