Utente 516XXX
Salve, vorrei chiedere un parere su un problema che mi porto dietro da 4 quasi anni che, nonostante varie visite e cure è solo che peggiorato.
Sono un ragazzo di quasi 27 anni, ing. elettronico, che lavora da circa 1 anno.
I miei problemi sono sorti a fine Maggio 2015, quando studiavo per un esame.
Prima che scaturissero, non avevo particolari problemi: ricordo solo che avevo spesso un dolore al trapezio, lato sinistro e dolore al collo quando lo estendevo, sempre dal lato sinistro, che non sono mai spariti.
Purtroppo non posso dilungarmi troppo dato i pochi caratteri a disposizione ma cercherò di essere esaustivo il più possibile.
Elenco la comparsa dei sintomi in ordine cronologico le relative visite e cure: 1. Sbandamenti, vertigini, difficoltà di concentrazione, sensazione di "non sentire braccio e gamba destra" (analisi sangue tutto ok). 2. Fastidio all'occhio sinistro (non dolore), dolore sordo dietro la nuca, lato sinistro, tensione muscolare sul viso e sul palato, dolore denti arcata superiore (specialmente lato sinistro). Tolgo dente giudizio destro arcata inferiore e sinistro arcata superiore. 3. Dolore forte occhio sinistro quando lo giro troppo (verso destra o sinistra). Visita oculistica, tutto ok. Visita neurologica, tutto ok. Risonanza magnetica, tutto ok. 4. Una sera, ascoltando un suono acuto per strada, ho la sensazione di perdere i sensi. (Non faccio e non ho mai fatto una visita dall'otorino) 5. Inizio ad avvertire, oltre al dolore al collo, anche sensazione di sabbia nel collo quando lo muovo (papà ha artrosi e artrite). Effettuo qualche massaggio dal fisioterapista, non risolvo nulla. Torno dal medico di famiglia. Nota che la mia schiena è piatta. Mi consiglia un posturologo. Vado da un'osteopata, che collabora con uno gnatologo e un optometrista. Dopo aver effettuato visite con tutti e 3, il risultato è: per lo gnatologo ho il frenulo della lingua corto; per l'optometrista ho gli occhi disallineati, cioè i muscoli non lavorano bene, ma per lui la causa nasce dalla bocca. Quindi a fine aprile 2018 taglio il frenulo e inizio la terapia miofunzionale. Dopo 9 mesi di terapia ho risolto poco o nulla.
I problemi nell'arco di questi 4 anni sono peggiorati, tutti. Ho molta difficoltà a concentrarmi, dopo poco ho dolore ovunque: collo, denti, occhio. Ogni volta che muovo i muscoli di collo e spalle avverto sabbia e scricchiolii. Una giornata di lavoro al pc è peggio di una giornata a fare il muratore. Ormai non sto bene anche quando non lavoro, col tempo tutto ciò è diventato cronico.
Durante il 2018, mentre facevo la terapia, ho iniziato a pensare che tali problemi potessero essere di origine psicosomatica, essendo io una persona molto ansiosa, emotiva che non riesce a gestire lo stress. Ma anche se fosse, mi sembra assurdo che si possa ricondurre tutto solo ad un aspetto psicologico.
Attendo una vostra opinione sul caso e eventualmente a quale figura professionale rivolgermi, pechè non so più a ch9i rivolgermi.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poichè ha postato il suo quesito nella sezione di Gnatologia, credo che lei abbia la sensazioone di dover chiedere un secondo parere gnatologico.
Lo credo anch'io, perchè i sintomi elencati (in particolare vertigini, cervicalgia e stanchezza oculare) appartengono spesso al corredo sintomatologico di una malocclusione dentaria con disfunzione delle Articolazioni Temporo Mandibolari (ATM), la problematica di cui si occupa la branca dell'Odontoiatria chiamata Gnatologia.
Può trovare qualche notizia in più su questa problematica visitando il mio sito internet alla pagina "Patologie trattate", e leggendo gli articoli che si aprono con i link qui sotto.
Per tutto quanto sopra le consiglio di consultare un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) , di postura e di rapporti fra l'ATM e l’orecchio.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 516XXX

Gentile dottore, la ringrazio per la pronta risposta. Sì, effettivamente anche io ho pensato che servirebbe un nuovo consulto da uno gnatologo. Allo stesso tempo però mi chiedo come sia possibile che nelle visite che ho effettuato con dentisti e gnatologo stesso non si sia riscontrato un problema del genere, o meglio, non l'abbiano notato. Ho sentito spesso parlare anche di bruxismo, ma i sintomi che ho sembrano non riconducibili a quelli che solitamente si hanno digrignando i denti, almeno da quanto ho letto.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Non è solo in Gnatologia che un paziente può ricevere pareri diversi ed a volte opposti da parte di medici diversi: spero per lei che sia così nel suo caso, altrimenti si tiene il problema!

Sul Bruxismo veda anche questo articolo, e apra il link che trova alla fine del testo (la discussione che ne segue è invece abbastanza inutile).

https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/7140-il-ruolo-dell-occlusione-nella-patogenesi-del-bruxismo.html

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 516XXX

La ringrazio ancora per la risposta. Credo che mi orienterò su un altro gnatologo, sperando che il primo si sbagliasse!