Utente 523XXX
Salve, una settimana fa mi sono svegliata con la mandibola bloccata. Mi era già capitato più volte, e si risolveva autonomamente (o al massimo spostando fisicamente la mandibola) nel giro di pochi minuti. Stavolta non riuscivo ad aprire la bocca per più di un centimetro circa, non riuscivo quindi a mangiare, dopo un giorno che la situazione non migliorava sono andata dalla dentista che ha attribuito il problema a un trisma dovuto al dente del giudizio inferiore che sta spuntando. Mi ha prescritto lo Zimox (1g) ma dopo una settimana di antibiotico ancora non apro la bocca per più di un centimetro e mezzo/due. Tra due giorni ho un'altra visita dalla dentista, che era fiduciosa che con l'antibiotico sarei riudcita ad aprire la bocca e a farmi visitare.
Mi chiedo, dato che mi è capitato già in precedenza e che soffro di iperlassità legamentosa, è possibile che questo blocco sia dovuto anche ad un problema articolare oltre che al dente del giudizio?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, é probabile che lei presenti una incoordinazione Condilo- Meniscale all'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Nel normale, i condili mandibolari di entrambi i lati sono in rapporto con la parete antero superiore della cavità articolare ( Cavità Glenoide) ; fra le superfici articolari è interposto un menisco . Condilo e menisco dovrebbero muoversi in sinergia ogni volta che muoviamo la bocca, come , ad esempio , nella masticazione. Accade però che, per vari motivi, in parte congeniti, in parte per un anomalo sviluppo scheletrico, per la irregolare eruzione degli elementi dentari decidui e permanenti (malocclusione), alle quali cause è bene aggiungere anche la mano non sempre riguardosa del dentista ed i traumi che il soggetto può subire, i condili possono dislocarsi in una zona più arretrata, perdendo il contatto con il menisco, che , a bocca chiusa, risulta dislocato davanti al condilo, dove tende a bloccarsi.
E' probabilmente quello che accadeva nel suo caso, ogni volta che la mandibola si bloccava , ma fortunatamente si sbloccava da sola: "si risolveva autonomamente (o al massimo spostando fisicamente la mandibola)": se si fosse trattato di un trisma non si sarebbe risolto così.
L'incoordinazione condilo meniscale è un problema spesso sottovalutato, ma che alla lunga tende ad evolvere in degenerazioni artrosiche del condilo e del menisco, quando non a blocchi serrati della mandibola ,che possono farne precipitare la gravità: credo sia ciò che le è accaduto.

Sui rumori di scroscio o click all''ATM può avere qualche ulteriore informazione entrando nel mio sito internet. Alla pagiuna Patologie trattate- Patologia dell’Articolazione Temporo Mandibolare .

Non capisco l'indicazione all'antibiotico, che serve in caso di infezione, non di un problema meccanico.

Pertanto le consiglio di consultare anche un dentista-gnatologo esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare.

Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com