Utente 545XXX
Buona sera
Da anni ho la fibromialgia (con alti e bassi) e recentemente si e’ acutizzata la scoliosi. Poche settimane fa ho estratto un dente molare e da quel momento ho notato un peggioramento delle contratture al collo,mascella,zigomi e schiena. Ritiene sia una coincidenza? La fibromialgia e scoliosi possono ripercuotersi come sintomi sui denti?
Grazie

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l’inquadramento diagnostico e la terapia della Fibromialgia, ancora peraltro alquanto oscuri.
" La fibromialgia e scoliosi possono ripercuotersi come sintomi sui denti? " R: si, ma può accadere anche il contratrio.
A questo riguardo, non sarà inutile sottolineare le peculiari possibilità di intervento da parte della Gnatologia, quella branca dell’Odontoiatria che si occupa dei disordini Cranio-Mandibolo-Vertebrali e delle disfunzioni dell Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), il cui possibile apporto, anche nello specifico campo della Fibromialgia, è comunque descritto in letteratura, ma spesso di fatto trascurato.
I vari quadri clinici che abitualmente si associano alla Fibromialgia, e di fatto la compongono nel suo complesso, sono visti come associazioni per le quali non emerge un chiaro ruolo patogenetico, né nei confronti della stessa Fibromialgia, né fra di loro.
Mi riferisco a Cefalea, Disturbi nel Sonno, Stanchezza Cronica, dolori diffusi alla colonna vertebrale, vertigini.
Poiché una vera terapia della Fibromialgia non esiste, e ci si preoccupa per lo più di alleviarne i sintomi, sarebbe importante considerare che una malocclusione dentaria complicata da disturbi Cranio Mandibolo Vertebrali e da disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) può essere una importante componente patogenetica di Cefalea, disturbi nel Sonno quali russamento e Apnea, dolori alla Colonna Vertebrale, vertigini, e contribuire anche al deterioramento dello stato psicologico di un paziente fibromialgico: nell’ambito dell’intedisciplinarietà spesso richiesta in letteratura nell’approccio con la Fibromialgia, l’inquadramento del caso e la terapia attuabili in ambiente Gnatologico possono rivestire un ruolo importante, se non nella terapia della Fibromialgia, che rimane enigmatica, quantomeno nel miglioramento della qualità di vita di un paziente fibromialgico.
Non ha descritto compiutamente la sua sintomatologia, ma immaginandola tipica di questa patologia, le invito a leggere gli articoli qui sotto linkati: se si ritrova nelle problematiche descritte, eventualmente me lo faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-la-cefalea-che-viene-dalla-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-la-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com