Utente 250XXX
Salve,
in uno strip club, come un vero idiota, ho toccato (poi lei si è subito tirata indietro) con la lingua (non so in che zona precisa) l'organo genitale, apparentemente privo di fluido visto che era uno show, di una spogliarellista.
Le mie preoccupazioni derivano dal fatto che avevo un taglietto sul labbro inferiore che comunque non ho toccato con l'organo.

So che in nessun caso si può escludere totalmente il contagio... però sono un tipo estremamente paranoico tanto che a partire da 2 giorni dopo l'accaduto ho iniziato a preoccuparmi seriamente di aver contratto l'hiv (nonostante la ragazza non è assolutamente detto che sia hiv+), mi misuravo la febbre ogni 30 minuti e, poiché come sempre cerco autodiagnosi online (cosa per cui un cardiologo che assillavo con paranoie infondate mi aveva pesantemente insultato) ho letto che a partire da 2 settimane potrebbe verificarsi una sorta di stato febbrile con nausea o diarrea. Ed ecco che il preciso giorno di anniversario delle 2 settimane ho iniziato ad accusare fastidi di pancia/stomaco accompagnati da una cosa "simile" alla diarrea alternata a momenti di stitichezza. (anche se per questa cosa oltre alla possibile componente psicosomatica c'è anche da dire che un altro membro della mia famiglia accusava un qualcosa di simile da giorni).

Vado a fare il test? Se si dove e quando?

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

a mio parere, per quanto riguarda l'HIV, il rischio da lei corso è stato assai basso, quasi zero.
I disturbi da lei accusati dopo sono sicuramente amplificati dal suo stato ansioso e non vi vedo alcuna correlazione con una eventuale infezione da HIV.

Riterrei inutile sottoporsi al test HIV.

AIDS: come misurare il rischio
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=29
AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=38

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 250XXX

Gentile dott. Corcelli,
la ringrazio per la sua risposta. Spero di darmi una calmata... anche se i disturbi intestinali continuano.
Purtroppo sono un tipo estremamente anzioso e ho paura che dovrò fare come quando ero convinto di soffrire di displasia ventricolare aritmogena... togliermi ogni dubbio con una visita.

C'è un centro nella mia città dove fanno analisi a pagamento ma ti danno il risultato dopo poche ore... se decidessi di farlo andrebbe bene tra il 21esimo e il 30simo gg dal presunto contagio?

Sono il classico tipo che se avesse fatto l'esame di patologia sarebbe morto per essersi autodiagnosticato un centinaio di malattie inguaribili.

La ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
mi rifà una domanda alla quale le ho già risposto, cioè che "riterrei inutile sottoporsi al test HIV"
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 250XXX

Dottore, aveva ragione lei e lo sapevo ma purtroppo per chi soffre di ipocondria come me può non bastare neanche l'evidenza.
Ho fatto il test dopo 31 giorni:
Ab HIV1/HIV2 ed Ag.p24: Assenti

La ringrazio per la sua disponibilità... spero di trovare al più presto un equilibrio.