Utente 132XXX
Ho letto le vostre risposte molto meticolose ed esaudienti, per cui vorrei porvi anch'io un quesito, sopratutto per il fatto che le domande sono sempre al maschile. Volevo sapere, dal punto di vista femminile appunto, qual'è il rischio di contagio con rapporti con un partner sieropositivo. A parte la protezione del preservativo in tutti i tipi di rapporti, volevo sapere qual'è il rischio nel caso di pochi secondi di petting non protetto e di baci al glande, sempre non protetto? Inoltre, volevo chiedere quanto prima, solitamente, avviene l'espulsione del liquido pre-eiaculatorio, che se non erro è una delle fonti di cotagio. Non per essere pesante, ma visto che ci sono ne approfitto, volevo ancora chiedere: perchè dopo che mi bacio col mio compagno, sieropositivo appunto e sotto terapia, spesso ho una sensazione di quasi bruciore in bocca, tipo stomatite, che dura anche giorni? Vi ringrazio anticipatamente, scusandomi per la lunghezza della mia domanda. Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

ben sa che un rapporto sessuale protetto da profilattico con un partner sieropositivo protegge dal contagio.

I baci sono a basso rischio, perché la saliva contiene una scarsa carica virale, a meno che il partner non sia affetto da gengivo-stomatiti o da ulcere sanguinanti della bocca.

Il rapporto oro-genitale è a rischio, soprattutto se la bocca viene a contatto col liquido pre-eiaculatorio e/o con lo sperma, che possono contenere un'alta carica virale.

Non so che cosa voglia intendere per "petting non protetto"; se intende carezze o abbracci o la masturbazione reciproca, non vi è rischio, l'importante è che il liquido pre-eiaculatorio e lo sperma non vengano a contatto né con le mucose genitali né con quelle della bocca.
Manipolazioni del pene o della vagina con la mano (a pelle integra) non sono a rischio.

Sulla sua sensazione di bruciore in bocca dopo i baci, non posso darle una risposta certa; posso solo dirle che alcuni farmaci anti-retrovirali possono causare stomatiti in chi li assume, ma mi pare difficile che questo si ripercuota nell'altro partner.

Per ulteriori informazioni:

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58099

http://www.ministerodellasalute.it/faqGenerale/faqGenerale.jsp?id=7&area=aids&paginaprovenienza=null&numeroFaq=33#33

http://www.ministerosalute.it/hiv/paginaInternaHiv.jsp?id=194&menu=conoscere

http://www.ministerosalute.it/hiv/paginaInternaHiv.jsp?id=195&menu=conoscere

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it