Utente cancellato
Cari dottori,
qualche giorno fa ho avuto un rapporto sessuale con una prostituta d'appartamento(che non era comunque di alto bordo).
Ed era anche la prima volta che praticavo tale esperienza.
Il rapporto è stato solo vaginale ed è stato protetto dall'inizio alla fine con il preservativo che non si è rotto, in quanto ho visto lo sperma dentro al preservativo(che non ho però gonfiato per motivi di igiene).
Quante sono le probabilità che abbia contratto l'hiv se la persona in questione fosse stata sieropositiva?
Ho telefonato all'ISS e mi hanno detto che non necessito di test, in quanto il preservativo mi ha protetto e serve a questo.
Secondo voi posso stare tranquillo?il preservativo se usato bene protegge al 100%?

Ho letto su alcuni siti che il preservativo protegge al 97% e che l'hiv essendo migliaia di volte più piccolo di uno spermatozoo può passare il lattice.
Ho anche paura dopo aver letto queste cose sul preservativo, che la prostituta possa aver forato con un ago il preservativo prima del mio arrivo per permettere così lo scambio di fluidi ed infettarmi.

Grazie.

[#1] dopo  
Prof. Matteo Bassetti

24% attività
0% attualità
8% socialità
UDINE (UD)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2001
Gentile utente,
il rischio di aver contratto l'HIV o altre malattie infettive trasmesse per via sessuale è praticamente pari a zeron in persone che utilizzano, come lei, correttamente il preservativo.
Cordiali saluti
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,
confermo le osservazioni del collega Bassetti sul rischio zero a preservativo integro. Non riesco a comprendere invece ,per il non senso e la assolutà inutilità del gesto, perchè la prostituta avrebbe dovuto bucarle il preservativo. Il rischio di prendere un'infezione , oltre all'HIV, in questi casi è reciproco non ad una sola direzione.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto

28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
GIOIA DEL COLLE (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con i colleghi
dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#4] dopo  
31006

dal 2008
Vi ringrazio delle risposte.

Dr.Beretta,ho pensato che magari potrebbe essersi infettata durante il lavoro e abbia deciso così di vendicarsi contro i clienti infettandoli con fori invisibili.

La mia forse sarà una paranoia dovuta a un'esperienza veramente terribile che non ripeterò più, sperando di non essere stato infettato e avere gettato la mia vita fuori di una finestra.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
cerchiamo di essere un pò ottimisti e positivi, non drammatizzare in questi casi è il primo passo giusto. La pratica da lei accennata è inoltre troppo macchinosa , e rischiosa e sempre a doppio taglio anche per chi è già infettato per il rischio di contrarre altre infezioni che si possono trasmettere sempre tramite rapporto sessuale. Comunque per il futuro eviti simili esperienze. Queste sono , oltre all'"aspetto infettivologico", in molti casi devastanti e capaci di minare la propria autostima.
Ancora auguri ed un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com