Utente 178XXX
Salve Dottore,sono un ragazzo di 23 anni e studio infermieristica.
Facendo tirocinio a Luglio,durante il giro letti la mattina,mentre effettuavo
l'igiene a un paziente positivo all'epatite c(non lo sapevo però),sono venuto
a contatto sull'avambraccio con pochissima quantità di urina,e credo che era
urina perche il paziente aveva urinato tantissimo.
Terminato l'igiene,incosciamente e distrattamente,ho strofinato e pulito il mio labro sullo stesso avambraccio "sporco" perchè ancora non avevo fatto l'igiene delle mani,e senza pensarci,quando poi sono andato a lavarmi le mani,
non ho ne lavato il labbro e ne l'avambraccio.Il giorno seguente venni a sapere
che quel paziente aveva l'epatite c,e dopo un 23 giorni feci gli anti-hcv
e risultai negativo.Ad Agosto avevo una febbriccola fissa a 37,tanta debolezza,
dolore sulla zona del fegato che si prolungavaa anche dietro la schiene,mi sembra che ho avuto anche un pò di diarrea per 2 giorni circa.
Ho fatto un ecografia addominale per sospetta colecisti ed è risultato che fegato e colecisti nella norma,ma il medico ecografista ha visto che la mia milza era ingrossata e mi ha consigliato di verificare se avevo la mononucleosi.Due settimane fa ho fatto le analisi,quindi è passato un pò di tempo:transaminasi GOT e GTP nella norma,ematocrito 41.9%,VES bassa(2mm), anti-hcv negativo,anticorpi EBV-IgG positivo e anticorpiEBV-IgM negativo,tutto il resto dell'emocromo è nella norma.
Il medico di famiglia mi ha detto che ho avuto la mononucleosi e che ora non c'è più,ma la mia domanda è questa:Mi devo preoccupare per l'episodio che è successo con quella paziente a Luglio?E siccome ho avuto la mononucleosi e da premettere che sono anche un soggetto allergico,ho potuto avere le difese immunitarie basse e quindi se ho incontrato il virus dell'epatite c non ho potuto difendermi?La ringrazio anticipatamente e spero che lei mi possa aiutare e dare più spiegazioni per questo mio disagio,perchè sinceramente la sto vivendo molto male e mi sto comportando come se avessi il vrus...

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

mi sembra entrato in un circuito di inutile e pericolosa "ansia paranoica" che purtroppo spesso colpisce il personale medico e para.

A test per epatite C negativi ad oltre un mese dal presunto "contagio" (modalità non pericolosa, così come da lei raccontata) e valori ematochimici, transaminasi, ecc,ecc nella norma lei deve stare tranquillo!

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com