Utente 933XXX
gentili dottori, ho avuto un rapporto anale attivo un mese fa', ho appena eseguito il test e risulta negativo. ovviamente provvedero a ripeterlo in seguito. Vorrei domandare se può minimamente tranquillizzare un risultato come quello ottenuto in questo test, per quanto nn definitivo, almeno sulla base delle Vostre esperienze cliniche.

Un altro quesito cui spero di trovare risposta è il seguente: se si manifestano dei sintomi tra quelli piu comuni relativi all'infezione acuta da hiv, il test eseguito in presenza di tali sintomi risulterà positivo? cioè è possibile una manifestazione clinica, mentre dal test hiv il risultato è negativo, oppure se se i sintomi sono dipendenti dall'infezione da hiv il test risulterebbe positivo?
grazie mille per il servizio da Voi svolto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

la tempistica con la quale ha prodotto il suo primo test HIV, è seppur minimamente significativa. Il completamento a 3 e 6 mesi è d'obbligo.

Il corollario sintomatologico delle infezioni da HIV - quando presente - può comunque non concordare con il relativo sierologico (positività).

Cari saluti
DOTT. LUIGI LAINO
DERMATOLOGO E VENEREOLOGO
MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI, ROMA

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 933XXX

La ringrazio per la risposta.
Le chiedo un'ulteriore delucidazione:
se si presenta la sintomatologia e questa non è concorde col relativo stato sierologico, tale discordanza per quanto tempo si puo protrarre? anche per tutti i 3-6 mesi del periodo finestra? o ciò puo avvenire solo entro periodi relativamente brevi da lì al momento in cui il test si riveli eventualmente positivo?

ringrazio nuovamente.