Utente 190XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni. Circa 1 anno e mezzo fa mi sono accorta di avere dei linfonodi al collo ingrossati e da allora ho cominciato una serie di accertamenti... Ho fatto gli esami per la mononucleosi, dai quali è emerso che l'avevo contratta ma che al momento non ero più infetta. Dopodichè, ho fatto un'ecografia al collo nella quale mi confermano l'ingrossamento. Poi ho fatto una visita dall'infettivologo, portando i risultati delle analisi precedentemente fatte, il quale mi rimanda all'ematologo portandogli anche i risultati dei raggi al torace (è tutto nella norma). Quest'ultimo senza neanche vedere le analisi e i raggi, mi dice che lui non può fare niente e si lamenta che per ogni tipo di "patologia" i pazienti vengono rimandati all'ematologo. Mi consiglia semplicemente di rifare l'ecografia al collo, una ecografia addominale e che poi si dovrà valutare la possibilità di una biopsia. Ma io non ho sintomi di nessun genere! Il mio medico di famiglia mi ha detto che la biopsia va fatta solo nel momento in cui c'è qualche sintomo che faccia pensare a qualcosa di brutto (sudorazioni notturne, dimagrimento improvviso...) io sono in carne e non ho problemi del genere... E secondo lui potrebbero essere semplicemente i "residui" della mononucleosi contratta. Fatto sta che a distanza di 1 anno e mezzo ancora non conosco il motivo! Vorrei fare un'altra visita..sarebbe più idoneo un ematologo, un infettivologo o qualcun'altro? Secondo voi quale potrebbe essere il motivo? Potrebbe esser la mononucleosi? Grazie mille a chi mi risponderà...

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Potrebbe essere ascrivibile alla mononucleosi ed i linfonodi rettivi persistere per tempi lunghi. Non c'è nulla di strano.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 190XXX

Gent.mo Dott. Catania,

questa mattina dopo consiglio del mio medico di famiglia, ho ripetuto l'ecografia del collo. Di seguito il referto...
"In sede laterocervicale e sottomandibolare bilateralmente si osserva la presenza di alcuni linfonodi con caratteristiche morfostrutturali di tipo reattivo-flogistico, delle dimensioni massime di 2,3 cm circa. In sede sottomandibolare sn si documenta piccolo linfonodo delle dimensioni di 0.6 cm circa, con caratteristiche dubbie e pertanto meritevole di monitoraggio ecografico nel tempo e/o di prelievo bioptico, previa consulenza chirurgica."
Lei cosa mi consiglia di fare, tra quanto tempo sarebbe opportuno ripetere l'ecografia? A quale specialista potrei rivolgermi (ematologo, infettivologo, endocrinologo...)? Ormai non ci capisco più nulla... Grazie mille per la risposta...

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A me sembra che si tratti solo di un provvedimento precauzionale.

Ripeta il controllo ecografico tra qualche mese e poi se occorre (sulla base del referto) e solo in caso di dubbi lo farei consultare ad un ematologo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 190XXX

Grazie mille per la Sua rispoosta!!