Utente 591XXX
Salve, vorrei sapere se una infezione da streptococco alfa emolitico puo causare dolore e fastidio ai linfonodi ascellari e inguinali. Ho da un paio di settimane 37 di febbricola, e da un piao di notti sudorazione. Ho fatto il test hiv per rapporti orali un po a rischio (bsx): senza esserci stata eiaculazione nel cavo orale, ma eventualemnte qualche traccia di liquido prespermatico, è possibile il contagio? Le mia analisi del sangue sono normali, lunico valore alterato è per l'appunto la Tas. Sono abbastanza in ansia per il test (il mio medico mi ha detto che ho anche una presumibile forma di colon irritabile). Se però metto insieme tutti questi sintomi, mi pare che vengano fuori i sintomi dell'hiv....! grazie per l'attenzione

Ps: lo shampoo Mom contro i parassiti è possibile che abbia potuto irritare i linfonodi? più o meno dopo il suo uso ho cominciato ad avere problemi.

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente il Tas elevato indica una infezione presente o pregressa da streptococco beta emolitico di tipo A(che va seguita e curata). Più frequentemente queste sono affezzioni faringee, quindi vedrei ingiustificata una linfoadenopatia inguinale. Idem i linfonodi che drenano il cuoio capelluto non sono ascellari. I rapporti che descrive sebbene a rischio basso, sono a rischio. Esegua il test a 100 giorni dall'ultimo dei contatti sospetti.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 591XXX

Salve, vorrei capire meglio cos'è il periodo finestra.... cioè è il periodo in cui si potrebbero cominciare a manifestare i sintomi? ed in ogni caso in tal periodo sia con i sintomi che senza, si nota dal test se c'è la sieroconversione? i 100 giorni servono solo come termine ultimo perchè possa esserci la sieroconversione e non perchè il virus sia rilevabile dal test?

un altra cosa, ho il dubbio che le mie emorroidi esterne non siano tali ma condilomi, come posso fare a capirlo? i condilomi sono dolorosi come le emorroidi? grazie

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
I condilomi sono una malattia seria, le consiglio di fare unavisita dal dermatologo quanto prima. Il periodo finestra è quell'intervallo di tempo tra l'ingresso del virus nell'organismo e la prima risposta anticorpale. La sieroconversione si ha ta le quattro e le otto settimane nel 90% dei casi, talvolta è più tardiva.
Marcello Masala MD

[#4] dopo  
Utente 591XXX

Gentili Dott.ri, vorrei darvi un aggiornamento del mio problema visto che non riesco a venirne a capo. Da poco più di un mese ho cominciato ad avere una febbriciattoloa persistente, mal di gola e poco dopo mi sono accorto di avere i linfonodi ascellari (all'altezza della ghiandola mammaria) e inguinali che mi davano fastidio ( non sono esattamente gonfi, ma toccando in certi punti mi danno fastidio, e in certi momenti della giornata ho piccole fitte), e per un breve periodo un episodio di parassitosi in zona pubica (adesso risolto). Ho fatto le analisi del sangue a febbraio, ed era tutto ok, tranne il tas (come dicevo anche negli scritti precedenti) il cui valore era di 290 (valore massimo 250). Il medico mi ha diagnosticato dopo avere fatto il tampone, lo streptococco alfa emolitico. Faccio la cura per una settimana, poi dopo un po torno a fare le analisi del sangue: tutti i valori migliorano ( prima era nella norma cmq) solo lo streptococco peggiora e passa da 290 a 360 circa (valore massimo 250). riprendo la cura con lo stesso antibiotico (con un dosaggio più forte, visto che era positivo all'antibiogramma), ma il medico vuole vederci meglio. Faccio per tanto il test Hiv (a circa 70 giorni da un rapporto a rischio, ma non piu di tanto visto che era solo orale), epatite a b e c, e Mst. é tutto negativo. Solo che i valori della mononucleosi e del citomegalovirus non convioncono il mio medico per essendo negativi: egli ritiene infatti che io abbia "in corso" entrambi i virus e che lo streptococco ritardi la mia ripresa causando il fastidio ai linfonodi. i valori in questione sono:

- citomegalovirus IgG U.A./ml neg. 2 (negativo < 4);
- citomegalovirus IgM neg. 0,02 (negativo <0,70);
- IgG anti EBV-VCA neg 11 U/ml(negativo da 0 a 20 U/ml);
- IgM anti EBV-VCA neg 10 U/ml (neg. da 0 a 20 U/ml).

Volevo chiederVi se è possibile che io abbia questi virus pur in presenza di un test negativo e se lo streptococco da solo possa dare luogo a un fastidio ai linfonodi.
Il medico mi ha prescrito l'Ananase per 10 gg (una al dì) ma i linfonodi sono ancora a tratti doloranti dopo 5 giorni di cura.
Vorrei capirci meglio qualcosa.
La febbricola sembra essere passata, ma non so se è perchè sono sotto l'effetto degli antibiotici.

Grazie per la vostra attenzione.

[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Lo streptococco va curato bene poichè da conseguenze serissime; e non è l'alfa emolitico ma il beta emolitico. Gli esami della mononucleosi sono negativi punto.
Marcello Masala MD

[#6] dopo  
Utente 591XXX

Grazie per la risposta dott. Masala. Il mio medico ritiene che i linfonodi possano essere sollecitati da un'infezione piu o meno ancora in corso.... a questo punto potrebbe essere la parassitosi che ho avuto, a maggior ragione che al tempo (3-4 settimane fa) avevo le emorroidi esterne? in ogni caso che analisi dovrei fare per vedere un'eventuale infezione nel sangue? Grazie ancora per la risposta e auguri di Buona Pasqua.

[#7] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Scusi infezione del sangue mi sembra un termine un pò generico; i percorsi diagnostici è bene siano sempre coordinati dal curante.
Marcello Masala MD