Utente 282XXX
Salve.. Volevo chiedervi se la pratica del rimming (sia per il soggetto che la pratica che per quello che la riceve) è a rischio di contagio per l'hiv o meno, e in caso di risposta affermativa qual è l'entità del rischio (bassa, media...).

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Sarebbe opportuno anche per utilità di tutti che lei spiegasse Più chiaramente qual è stato l'atto che ne risulta essere potenzialmente a rischio.
Grazie per la collaborazione cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 282XXX

Scusi, probabilmente sono stato poco chiaro. L'atto sessuale che ho compiuto è stato esclusivamente quello di leccare (per uno o due minuti) l'ano di un ragazzo. A occhio nudo non sembravano esserci ferite visibili. Preciso che da bambino sono stato vaccinato contro l'epatite A e B. La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Grazie per la precisazione. Non è questa una pratica considerata a rischio HIV (sebbene e solo in linea teorica, lo zero assoluto non possa esservi ascritto).
Esistono altri rischi per MST non HIV ovviamente.
Cordialità
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 282XXX

La ringrazio molto per la celere risposta. Approfitto della sua disponibilità per chiederle se tale pratica genera o meno rischio per l'epatite C. Infine le vorrei chiedere se il vaccino per l'epatite B che ho fatto da bambino vale tuttora o se è meglio ripeterlo. Grazie ancora.