Utente 387XXX
Un saluto a tutti i medici.
espongo la mia situazione causata dal mio ormai ex compagno.
Una settimana fa mi ha confessato di aver avuto giorni prima un rapporto con una prostituta , rapporto coperto dall'uso del preservativo, ha però poi giocato con il suo corpo usando la bocca per leccare parti del suo corpo ( genitali esclusi).
Mi ha confessato tutto ciò perchè a distanza di una settimana dal rapporto lamenta stanchezza e dolori ai testicoli. Non contento di tutto ciò ha avuto rapporti con me, sempre coperti ma purtroppo anche baci e rapporti orali attivi con me ( 1 volta lui ha fatto a me).
Da ieri anche io mi sento affaticata e appensantita, non ho però altri sintomi.
è possibile si sia contagiato con l'aids o sifilide o gonorrea e mi abbia trasmesso suddette malattie?
quali sono le procedure che dovrò seguire?
i suoi sintomi e il nostro stato di stanchezza sono sintomatici di qualche patologia? lui non presenta almeno a suo dire presenza di silifomi ( a distanza di 10 giorni dal rapporto con la prostituta).
cosa devo fare?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
se il suo ex dice la verità, il rapporto essendo stato protetto non è a rischio. Il leccamento "corporale" se non ha coinvolto davvero la vulva non è a rischio.
Il suo dolore ai testicoli va ricercato in altra causa e comunque va visitato.

Se lei ha avuto rapporti protetti non corre alcun richio: idem per un cunnilingus che mi pare le sia stato effettuato.

Per me non deve fare nulla.

Se il tarlo del dubbio si è insinuato nella sua mente, deve invece fare il test per HIV.

Valuti lei.

Arrivederci.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 387XXX

Salve grazie per la risposta, la aggiorno però.
da 2 giorni il mio ex ha delle perdide non consistenti dal pene, se è come dice lui, c'è possibilità che l'infezione sia passata dalla bocca al pene?
afferma che emana anche un cattivo odore..mi dica lei.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
si è possibile che abbia preso una uretrite anche se non capisco come abbia fatto con il preservativo.
Per quello le dicevo di valutare che le sue affermazioni siano attendibili oppure no, tanto più che è coinvolta anche lei.
Da quanto descrive, ammettendo il preservativo, non si può escludere che abbia ricevuta una fellatio non protetta.

Per la terapia: deve effettuare un tampone uretrale, con ricerca del gonococco, per germi comuni, per Mycoplasma Spp, per Chamydia Spp e per miceti, con Antibiogramma,se il curante è d'accordo e non fare nessuna terapia empirica prima del tampone!!
Sulla base dei risultati si potrà decidere per un tampone vaginale da effettuare su di lei.

Cordiali saluti.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 387XXX

no lui me l'ha detto perchè comunque teneva a me sennò sarebbe stato zitto credo alla sua versione..per la fellatio dice di no..forse si è toccato il glande..
ultimo quesito.. l'uretrite si prende solo con contatto diretto pene o vagina o è un infezione che può passare anche dalla bocca (senza contatto con la vagina) al pene?
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
l'uretrite si prende:
- con un rapporto non protetto
- con una fellatio non protetta.
Terium non datur!

Non certo con i bacini sul corpo.

Veda di svegliarsi.

Sono in partenza: nel curriculum troverà le istruzioni qualora volesse contattarmi.

Arrivederci.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.