Utente 397XXX
Salve, scrivo perchè ieri ho avuto un rapporto a rischio con un partner occasionale di cui so poco e ora ho paura di poter aver contratto qualche malattia a trasmissione sessuale. Non ho sintomi al momento (e spero di non averne nemmeno in futuro) ma siccome il rapporto è avvenuto meno di un giorno fa penso sia normale (so che generalmente ci vuole qualche giorno o anche settimane per sviluppare i sintomi) e non sarebbe un problema se non fosse che fra meno di una settimana partirò per l'estero (sempre in europa) e non so per quanto tempo ci resterò, di conseguenza se dovessi avere dei problemi nel paese in cui soggiornerò essendoci un'assicurazione sanitaria privata diventerebbe complicata la situazione. Pensavo di andare dal mio medico e fare gli esami per le mst prima di partire e leggere i referti online, visto che sicuramente nell'immediato non potrò avere i risultati e sperare in esiti negativi. Se io svolgessi gli esami quattro giorni dopo il rapporto a rischio sarebbero affidabili i risultati o il tempo trascorso è troppo breve? ringrazio anticipatamente per le risposte.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
se lei eseguisse gli esami dopo 4 gg dal rapporto a rischio non servirebbero a nulla.
Scusi in quale paese si dovrà recare?
Se fa parte dell'EU credo che per i cittadini comunitari non ci sia dificoltà ad adire un centro per MST, considerato che sintomi o non sintomi, gli esami li dovrà eseguire comunque se il rapporto è stato a rischio.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.