Utente 455XXX
Buongiorno dottori.
Due anni fa, dopo una relazione con una donna over 45, mi beccai l'herpes labiale, che mi portò anche gengivite acuta, dolori muscolari, febbre per quasi due settimane e gonfiamento dei linfonodi del collo (ad oggi ancora leggermente gonfi).
Ho letto che a volte l'herpes arriva anche al cervello, ed i sintomi avuti combaciano con quest'ultima ipotesi. Il medico che avevo a suo tempo (cambiato) sottovalutò il problema e non mi informò delle possibili conseguenze (pare che l'herpes se arriva al cervello può anche portare alla morte).
Insomma apro questa discussione per capire se una volta infettato, ed a contatto con chi ha avuto a sua volta l'herpes, la situazione potrebbe peggiorare, non so...magari risvegliare il virus, o se oramai non sono più soggetto al contagio e mi tornerà da solo in certe condizioni di salute (precarie).
Qualcuno dice che quando ti viene una volta poi non ti torna più, bah, non saprei. Potreste gentilemente darmi delucidazioni per fare chiarezza? Nello specifico vorrei capire se, ai fini del contagio, non ho più niente da temere da chi eventualmente ha avuto in passato l'herpes labiale, o se venendo a contatto (bacio o comunque scambi di saliva) con un soggetto del genere, potrei appunto risvegliare il virus ed avere una ricaduta e quindi ribeccarmi l'herpes.

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
12% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2017
Buonasera
avere avuto l'Herpes simplex labiali non la mette a riparo di un altro eventuale episodio di manifestazione acuta.
Non da protezione anticorpale eterna e soprattutto non è mai conseguenza di un evento particolare della vita comune.
Mi spiego meglio, di solito per riattivare il virus basta un evento stressante di qualsiasi natura, da un esame all'università, piuttosto che un calo di difese immunitarie, piuttosto che una esposizione intensa alla luce solare (lampade abbronzanti comprese).
L'infezione come sa inizia con vescicole al labbro che poi si rompono e diffondono il virus (il virus dell'heras è molto resistente all'ambiente). La lesione va in necrosi e ripara con cicatrice, questa è la ragione per cui un'infezione che coinvolga il cervello può essere anche letale.
Lei continua ad essere esposto al rischio di reiezione come tutti noi che lo abbiamo avuto e lo riavremo.
La saluto
Dr. GUIDO GUASTI