Utente 101XXX
salve a tutti,
sono un ragazzo omosessuale...
volevo chiedere un consulto per quanto riguarda la possibilità che sia stato contagiato da hiv dopo aver avuto un rapporto con un ragazzo sieropositivo.
ci sono stati dei baci profondi e il suddetto ragazzo mi ha praticato del sesso orale... inoltre c'è anche da dire che tale ragazzo ha un piercing sulla lingua ma da quanto ne so era passato già qualche mese da quando l'aveva fatto il che mi porta a pensare che doveva essere già cicatrizzato quando ebbi questo rapporto con lui.
tale episodio è avvenuto il 1/01/2009... vorrei sapere se il rischio di aver contratto il virus è alto o meno e quando è consigliabile fare il test.
Spero di ricevere presto consulti dallo staff in quanto inizio ad essere un po’ ansioso a riguardo!
vi ringrazio anticipatamente

cordiali saluti

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente il rapporto che descrive ha un rischio basso, ma non rischio zero. Esegua il test a 40 e 100 giorni. Le consiglio vivamente di proteggere sempre con profilattico tutti i rapporti con partners non noti da un punto di vista sierologico.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 101XXX

la ringrazio tanto per il rapido consulto,
comunque volevo togliermi una curiosità, ho letto, sempre riguardo il tema "HIV", che il periodo finestra massimo è di 6 mesi. lei mi ha detto di effettuare il test dopo massimo 100 giorni dal possibile contagio, questo perche con le nuove tecniche i test sono diventati molto piu accurati e precisi o vi è un'altra motivazione? se il periodo finestra è diminuito grazie all'evolversi dei test mi puo consigliare quali richiedere?
la ringrazio infinitamente

cordiali saluti

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentilissimo giovane, si consiglia un test a 6 mesi solo in casi molto particolari(coppia sierodiscordante, contatto certo a rischio con HIV positivo etc); nel suo caso un test a 100 giorni è definitivo. Su tutto il territorio nazionale i test in uso sono di ultima generazione, terza o quarta per intenderci.
Marcello Masala MD

[#4] dopo  
Utente 101XXX

scusi se insisto,
ma non vedo dove siano la differenze!
non riesco a capire perche se si ha la certezza del contatto con l'hiv è necessario il test a sei mesi se invece il contatto non è certo il test è sicuramente definitivo a 100 giorni! se si è stati contaggiati il periodo finestra è uguale per tutti!
non vedo perche dovrebbe cambiare per il fatto che ci sia una certezza o meno del contagio. il rischio c'è sempre... alto o basso che sia!
scusi se insisto ma in certe situazioni desidero avere una certa chiarezza... ed essendo abbastanza ipocondriaco mi agito facilmente!
la ringrazio ancora
mi perdoni per l'insistenza

cordiali saluti

[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente la sua domanda è lecita e non è assolutamente fuori luogo. Di fatto non si vedono sieroconversioni oltre i tre mesi con i metodi attuali e quindi confermo quanto ho detto. Il CDC di Atlanta, che è il cuore dell'epidemiologia mondiale ha descritto alcuni casi in passato in cui è stato necessario ripetere il test, per cui si ha tradizionalmente questo comportamento. In Italia il sito informativo più ampio e corretto sull'argomento è quello tenuto dai colleghi di Helpaids, può consultarlo e trovare una spiegazione più ampia su quanto le ho riassunto.
Marcello Masala MD

[#6] dopo  
Utente 101XXX

la ringrazio infinitamente per il suo consulto e i suoi consigli...
visiterò senz'altro il sito e prenderò al piu presto provvedimenti!