Utente 226XXX
salve; riporto di seguito l'esito di un mio recente ecocardiogramma:
ventricolo sx di normali dimensioni con normale funzione contrattile.
Valvola aortica normomobile; non valutabile se tricuspide; insufficienza lieve.
Bulbo aortico dilatato con diametro di 43 mm.
L'aorta ascendente ha un diametro di 35 mm.
Lieve prolasso dei lembi mitralici con lieve insufficienza centrale.
Normali le sezioni destre.
A seguito di tale esame assumo ogni giorno 0.25 mg del betabloccante seles beta.
Ho eseguito l'esame anche nel 2007, 2008 e 2009; in questi esami il bulbo misurava 41 mm.
Da poco mi sono iscritto in piscina in quanto sport consigliatomi per la mia tipologia. In passato ho sempre fatto sport, soprattutto calcio che ora ho abbandonato.
Volevo chiedere, se va bene fare piscina e con quale intensità. Quale frequenza cardiaca massima posso prendere come riferimento durante l'allenamento?
Devo stare attento a non superare quale limite?
Vi ringrazio per la disponibilità e spero di essere stato chiaro nell'esposizione dei fatti.

[#1] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Il mio consiglio è quello di rivolgersi allo specialista in medicina dello sport per avere le indicazioni corrette: leggo che è un giovane in sovrappeso. La pressione è nella norma? Pratica sport da quanto tempo? ecc ecc ecc.
E' impossibile rispondere in modo specifico senza informazioni e soprattutto senza una visita clinica approfondita e gli esami necessari (ad esempio è sicuramente indicata una prova sotto sforzo per valutare il comportamento cardiaco).
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Dr. Filippo M Quattrini

20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Concordo con il collega Lupo sulla necessità di sottoporsi ad una visita con lo specialista in Medicina dello Sport per poterLe prescrivere adeguatamente la corretta tipologia, frequenza ed intensità dell'esercizio. Concordo inoltre con l'indicazione di sottoporsi ad una prova da sforzo massimale per verificare il comportamento dell'apparato cardiovascolare durante sforzo con l'analisi del profilo della pressione arteriosa e del ritmo cardiaco durante sforzo.
cordiali saluti

Dr, Filippo M. Quattrini
Dr. Filippo M. Quattrini
Specialista in Medicina dello Sport
Dottore di Ricerca in Scienze dello Sport e Salute