Utente 615XXX
Gentili Medici sono una ragazza di 27 anni e gioco a pallavolo da quando ne avevo 10.
A novembre 2007 tramite un'ecografia alla spalla dx, in seguito ad acuti dolori, è stata rilevata la presenza di calcificazioni distribuite lungo una sottile linea dei piani profondi del tendine del m.sovraspinato, estesa per 13 mm. Lieve tumefazione e ipoecogenicità dei tendini dei mm. sottospinato e sottoscapolare, per edema di modesta entità. Sottile falda liquida peritendinea del capo lungo del bicipite, che tuttavia non mostra alterazioni strutturali intrinseche. Normali appaiono la borsa SAD e l'articolazione acromion-claveare.

Ho effettuato dieci sedute di ultrasuoni, ma il dolore è ricomparso. Specifico che non ho mai smesso di allenarmi, e quindi ho sottoposto la spalla a continui sforzi, senza sentire però forti dolori. Tuttavia oggi sono ferma un'altra volta, causa il forte dolore.

La domanda è questa: come devo agire? Devo abbandonare questo sport per preservare la spalla da eventuali danni futuri? O posso continuare ma senza "forzare" troppo?

Colgo l'occasione per porgere
Cordiali saluti.

Francesca

[#1]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
4% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Salve,

la presenza di calcificazioni nel contesto del tendine del sovraspinoso, sono il segno di una tendinopatia cronica. La sofferenza del sovraspinoso si evidenzia con una serie di tests clinici di valutazione, la invito quindi a consultare uno specialista ortopedico per valutare se i suoi problemi derivano proprio da questo reperto RMN. Se fosse fatta diagnosi di patologia del sovraspinoso, la strada della fisioterapia e' sicuramente quella giusta, un fisiatra potrebbe darle giuste prescrizioni.
Un cordiale saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 615XXX

Salve,

La ringrazio per la risposta risolutiva.

Cordiali saluti.