Utente 725XXX
Egrr. Dott.

Vi espongo brevemente il mio problema al fine di avere in Vs, cortese aiuto.
Ho sofferto un anno e mezzo fa, almeno così mi è stato detto da due medici, di un'infiamamzione della rotula a seguito di sovraallenamento con i pesi combinato con la bicicletta che è un altro mio hobby che praticavo da un paio d'anni prima dell'inizio dei problemi.
Pertanto come consigliato dal primo medico ho interotto i pesi mantenendo un allenamento in bicilcetta al di sotto del mio standard per scaricare la rotula.
Ho seguito i consgli del medico, ma il male che mi affligeva non è calato.
Pertanto ho provato a sospendere tutta l'attività sugli arti inferiori.
Ho lasciato passare un po' di mesi circa 9-10 mesi poi sono stato da un nuovo medico visto che sentivo ancora un po' di fastidio all'altezza del tendine rotuleo.
Il secondo medico ha confermato la diagnosi e mi ha prescritto 10 sedute di stimolazione con elettrodi per rinforzare il vasto mediale.
Ho fatto il ciclo di terapie.
Dopo un po' dalla fine delle terapie mi sembrava di stare meglio e di essere guarito.
Ho tentato di fare un giro in bicicletta di prova ed il giorno dopo ho sentito il polpaccio indurito e una senzazione di gonfiore che il giorno dopo si è propagato sul ginocchio anche se in misura minore.
Ho nuovamente sospeso l'attività, ma in sostanza il problema ha questi connotati.
1)Nonostante non faccia attività ogni tanto mi alzo la mattina o al pomeriggio e sento i polpacci rigidi quasi contratti.
2)I fastidi lamentati (quando è un po' che sono seduto)diminuiscono camminando o facendo streching.
3)Ho l'impressione che l'attività fisica che può essere una passeggiata o una mezzoretta in piscina amplifichi leggermente i sintomi , ma che non centrino poi molto con i problemi che di fatto ho comunque anche non facendo nessuno sforzo fisico.

Pertanto Vi chiedo cosa può essere se il problema è legato al ginocchio o se non centra nulla.
Vi chiedo se i problemi possono essere legati alla circolazione sanguigna, allo scarso apporto di sali minerali come magnesio e potassio, accorciamento dei muscoli del polpaccio(ma lo strecing è da un mesetto e più che lo faccio regolarmente.
Spero di essere stato non solo prolisso, ma anche preciso e minuzioso ed averVi fornito le informazioni necessarie a valutare,se vorrete, la mia situazione.
Vi ringrazio per l'attenzione e attendo Vs. notizie.
Saluti

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Per prima cosa una precisazione: dopo la terapia e prima di riprendere l'attività sportiva è sempre necessaria una adeguata riabilitazione funzionale (ripresa graduale fino al ritorno alle condizioni fisiche necessarie alla pratica sportiva).
Il problema che riferisce può essere legato ad una situazione di rigidità della catena muscolare posteriore che non si risolve con il solo stretching, ma spesso necessita di una adeguata ginnastica posturale e di terapia manuale (osteopatia ecc.). Anche una carenza di sali minerali e/o una carenza di liquidi può essere alla base della sintomatologia riferita.
Le consiglio quindi di sottoporsi ad un controllo relativo alla sua alimentazione ed alla sua situazione posturale e strutturale, per avere le eventuali indicazioni da seguire per cercare di eliminare i sintomi che accusa.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 725XXX

La ringrazio dottore.
Saluti