Utente 972XXX
Gentile Dottore,
sono un ragazzo di 26 anni,e da un pò di tempo ho scoperto tramite RM Lombo-Sacrale di avere un'ernia al disco del tipo L5-S1.Riporto testo del referto della RM: "In corrispondenza dello spazio intersomatico L5-S1, sede di spondilodiscoartrosi, è presente formazione erniaria sottolegamentosa protrusa ad ampio raggio, ad estrinsecazione posteriore centrale. Lieve spondilodiscoartrosi anche in L1-2 con minuto nodo intraspongioso. Regolare morfologia e segnale del cono midollare e delle radici della cauda equina."
Premetto di non aver mai avuto dolori forti,ma solo un senso di fastidio nella zona lombare,e di non aver mai dovuto ricorrere ad antidolorifici,ma solo a qualche bustina di antinfiammatori. Ciò che mi preoccupa però è il fatto che avverto fastidio anche dopo le lezioni di nuoto che pratico da qualche anno. E' un fastidio sopportabile e fortunatamente non ho mai avuto problemi agli arti inferiori. Volevo sapere se è consigliabile lasciare del tutto il nuoto, e se trascurando questi fastidi la situazione potrebbe degenerare. In futuro cioè potrebbe interessare anche il nervo sciatico? Non mi è chiara la situazione in L1-2, ho qualche fastidio anche la, potrebbe degenerare anche in un'altra ernia?Cos'è la spondilodiscoartrosi?Quali cure mi consiglia?
Spero di essere stato abbastanza chiaro nella descrizione e La ringrazio per la vostra gentile attenzione.
Cordiali saluti

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Egr. paziente, il nuoto può farlo tranquillamente, non è uno sport di carico sugli arti inferiori e sul rachide e le fa solo bene.
Si affidi ad uno specialista ortopedico per curare questa sua ampia protrusione discale che le cagiona questa frequente lombalgia.
Certamente che lei potrebbe avere una sintomatologia lombosciatalgica per interessamento di una delle radici nervose del nervo sciatico, ecco perchè deve fare fisiochiensiterapia appropriata e costante, delle cure occasionali di terapia fisica e mantenere una colonna attiva con ginnastica specifica per il rachide .
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 972XXX

Gentilissimo Dott.Caruso,
la ringrazio per la Sua cortese risposta, come ultima cosa vorrei chiederle cos'è la spondilodiscoartrosi in L1-2, e se anche qua vi è la probabilità di ritrovarmi con un'ernia in futuro.
Grazie,cordiali saluti.

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Egr. paziente, certo è importante sapere ogni cosa, ma è indispensabile curarsi e curasi bene ed approfonditamente!!
Sa quanti pazienti sanno tutto e non si curano? sono i peggiori malati e quanti invece non sanno nulla, non vogliono saper nulla e si curano bene o benissimo, affidandosi agli specialisti del settore? sono i più intelligenti.
La spondilodiscoartrosi è l'artrosi del distretto vertebrale lombare L1-L2 con la iniziale degenerazione del disco interposto tra le due vertebre .
Tale distretto del rachide lombare non è in genere quasi mai sede di processi erniari, da fatti degenerativi, a differenza invece degli spazi L4-l5 ed L5-S1.
Segua i miei consigli e pensi a curarsi bene .
Saluti ed auguri

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#4] dopo  
Utente 972XXX

La ringrazio Dottore,
cercherò di mettere in pratica i suoi consigli,ho già fatto una visita ortopedica e volevo un ulteriore parere, che lei mi ha dato con grande professionalità e passione. Grazie.