Utente 104XXX
Sono un uomo di 35 anni, da circa sei anni ho ripreso un'assidua attività sportiva (corsa, bici e fitness)che mi ha permesso di perdere 15 chili e tornare al mio peso forma. Non ho mai avuto problemi fisici eccetto un grave incidente 17 anni fa che causò, la lussazione del femore sx, del quale solo da circa un anno avverto dolori quando supero la mezz'ora di corsa.

L'estate scora successivamente ad un lunghissimo viaggio in treno che mi ha costretto a stare molte ore seduto, ho espletato la mia solita corsetta di mezz'ora circa, sembrava tutto nella norma, ma la sera ho cominciato ad avvertire dolori al ginocchio sx tanto che per 2/3 giorni mi faceva male nel flettere la gamba.

Ho riprovato a correre ma dopo 10 minuti tornava il dolore, quindi ho sospeso l'attività, ma ho continuato con la bicicletta perchè in questo caso non avvertivo più dolore di quanto a riposo. Il dolore però non scompariva completamente. Sentivo qualcosa di imprecisato all'interno, in particolare quando mi chinavo per raccogliere qualcosa o se portavo il piede corrispondente a cavallo dell'altro ginocchio.
Pertanto ho deciso di predendere appuntamemnto per una visita presso l'ospedale della mia città, dopo un attesa di 6 mesi ho fatto risonanza magnetica e visita.

Il referto della risonanza cita:
"Alterata struttura del legamento crociato posteriore lungo tutto il proprio decorso come da una condizione di sofferenza su base distrattiva in concomitanza di un finisssimo edema spongioso del piatto tibiale posteriore. Finemente edematosi anche i fasci del legamento crociato anteriore.
Normali fibrocartilagini meniscali, legamenti collaterali e tendine rotuleo.
Versamento articolare di moderata entità.
Normali i rapporti femororotulei."

Alla visita ortopedica, il medico di turno mi ha prescritto un ciclo di 10 sedute di elettroterapia + ciclette per riequilibrare la muscolatura del quadricipite.
Ho provato a chiedere chiarimenti ma l'ortopedico era oltremodo evasivo e sbrigativo, l'unica cosa che sono riuscito a farmi dire che ormai la lesione rimarrà così.

Sono rimasto un po' deluso e sto pensando a rivolgermi ad un medico privato. Anche perché io non ho subito traumi e non mi spiego questa alterazione del legamento, poi la terapia prescritta ha senso per chi come me già svolgeva abituale e costante attività fisica? ci sarebbero alternative migliori?

Scusandomi per la lunghezza della mia richiesta, ringrazio in anticipo coloro che vorranno gentilmente rispondermi.

[#1]  
Dr. Alfredo Pasotti

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
molte incognite a riguardo della sua storia mi impediscono di essere preciso.
premesso che il traumatismo che le provoco' la lussazione della coxofemorale sx , puo' aver danneggiato, proprio anche nello specifico evento,il cr posteriore, non credo che il suo dolore sia imputabile a patologia legamentosa
, ma piuttosto a meniscopatia.
esegua nova visita specialistica, magari in una struttura che le dia maggiori garanzie, mirata e consegentemente nuova rmn.
saluti
Dr. Alfredo Pasotti
Chirurgia del ginocchio
Chirurgia Artroscopica e Protesica dell'arto inferiore.
www.artroscopiaginocchio.it

[#2] dopo  
Utente 104XXX

La ringrazio molto per l'interessamento e per i preziosi consigli a cui darò seguito.

Saluti