Utente 149XXX
A fine Aprile 2009 ho riportato dopo uno scontro fortuito di gioco, la rottura del legamento crociato anteriore. Dopo 2 mesi circa sono stato operato e mi hanno sostituito il legamento con il tendine rotuleo. Prima dell'operazione e anche dopo sono rimasto fermo per un pò di tempo, tra stampelle e letto, perdendo così gran parte della muscolatura della gamba operata. A distanza di oramai 8 mesi, ho ripreso totalmente la mobilità dell'articolazione (facendo fisioterapia), ma ancora non ho ripreso il tono muscolare della gamba operata, la destra che dfetta di circa 1cm-1.5cm. Premetto che ho 21 anni e sono alto 1.73x64kg e che la gamba sinistra misura 47.5cm circa, mentre la destra 46cm circa.
Per aumentare questo gruppo di muscoli, ho effettuato sedute di elettrostimolazione, esercizi in palestra, quali pressa orizzontale, leg extension, leg curl, ma nonostante tutto cè ancora disparità di muscolo. Il mio ortopedico, mi ha detto che finchè non cè almeno parità muscolare non potrò tornare a giocare, perchè al primo contrasto rischierei di rirompere il LCA. Come consiglio per aumentare la muscolatura mi ha detto di fare ginnastica isometrica, con peso variabile da 0.5 kg fino a 3 kg per 1.5 ore al giorno per un periodo di 2 mesi.
Il problema di questa soluzione, oltre ad essere noiosissima, è che mi provoca dolore all'inguine nell'effetuare quel tipo di movimento ripetutamente, e mi è difficile trovare per tre volte a giorno a distanza di qualche ora, il tempo per fare mezz'ora di isometrica (1.5 ore di fila di isometrica è impossibile). Volevo chiedere se esiste un altro metodo per riprendere la muscolatura persa, e se è vero che deve essere pari all'altra gamba (vi pongo questa domanda in particolare, poichè alcuni miei amici sono tornati a giocare senza problemi pur avendo la gamba operata più piccola dell'altra).

[#1]  
Dr.ssa Emy Brunello

32% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
SAN PIETRO IN CARIANO (VR)
SANTORSO (VI)
SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA (VR)
MONTEGROTTO TERME (PD)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010
Gentile Utente, l'ipotonotrofia quadricipitale configura in effetti un aumento del rischio di recidive, e per questa ragione andrebbe il più possibile risolta. Il tempo richiesto per questi esercizi potrebbe essere abbreviato ricorrendo ancora all'elettrostimolazione, in modo tale che gli esercizi da svolgersi autonomamente siano di puro mantenimento. Mi faccia sapere, se vuole. Cordialità.

Dr.ssa Emy Brunello
Dr.ssa Emy Brunello