Utente 853XXX
Salve, sono una ragazza di 38 anni.
Ad agosto ho effettuato una mastoplastica addittiva. La sera dell'intervento ho accusato forti dolori alla spalla ed al braccio.
Da un primo consulto fisiatrico mi è stato riscontrato una lesione del legamento, che a tutt'oggi non mi permette di alzare completamente il braccio e giorno per giorno si indebbolisce, cioè in caso alzo qualche oggetto mi stanco subito e non riesco a tenerlo.
La domanda che le faccio è la seguente:
Si puo con un intervento di mastoplastica lesionare un legamento, posso avere problemi in futuro e che accortezze devo avere. Grazie per la disponibilità

[#1]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Visto che il suo problema persiste potrebbe essere utile eseguire degli accertamenti al fine di giungere ad una diagnosi più precisa.
Si rivolga nuovamente al fisiatra oppure all'ortopedico al fine di avere i consigli del caso, è necessario infatti dimostrare se e quale legamento (?) o tendine è coinvolto, in che misura, e se sia suscettibile di terapie coservative o eventualmente chirurgiche.

Cordiali saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#2] dopo  
Utente 853XXX

Egregio Dr. Moretti, proprio ieri ho effettuato un'altra visita alche il Dr. mi ha consigliato di fare un' Elettromiografia degli arti superiori, per avere un'idea più chiara del problema.
Non avendo mai fatto questo tipo di esame le chiedo quanta percentuale ho di sapere il problema qual'è.
Inoltre in precedenza mi hanno consigliato di fare anche 4 cicli di R.M.I. cosa che stò facendo riscontrando alcun beneficio. Il Dr. che mi ha visitato ieri mi ha consigliato di continuare in modo da far si che il muscolo non si atrofizzi.
Il consiglio che le chiedo è:
devo continuare cosi, tra visite ed esami portandomi cosi ad individuare il problema?
La ringrazio anticipatamente.

[#3]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Probabilmente il medico che l'ha visitata sospetta che l'indebolimento da lei riferito possa correlarsi ad un risentimento dell'innervazione periferica dell'arto in questione.
L'elettromiografia potrebbe confermare questo sospetto.
Purtroppo il suo caso non può ricevere esaurienti risposte online: solo visitandola e visionando i suoi esami si possono fare delle ipotesi concrete.
Attenda i risultati dell'elettromiografia e non escluda la possibilità di sottoporsi ad altre visite specialistiche (ortopedico, neurologo).
Il chirurgo plastico come ha commentato questi fatti?
Cordiali saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#4] dopo  
Utente 853XXX

Egregio Dott. Moretti, ieri ho effettuato un'Elettromiografia che ha riscontrato segni di danno denervativo cronico a carico dei muscoli esplorati, di pertinenza radicolare C5-C6 bilaterale.
Consigliandomi di effettuare un altro esame che farò il 13 novembre che si chiama SEP.
Che significa questo che le ho scritto e che mi consiglia. Grazie per la sua disponibilità, in attesa cordialmente la saluto.

[#5]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Questo esame dimostra che è presente un risentimento dei nervi che originano dalle radici C5-C6.
Tale riscontro merita attenzione ed approfondimenti come ad esempio l'esame SEP che le è stato prescritto.
Mi ripeto nel dirle che il suo caso non può ricevere esaurienti risposte online ma solo da valutazioni cliniche.
Saluti.

Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#6] dopo  
Utente 853XXX

Egregio Dott. Moretti, la ringrazio per la sua disponibilità e gentilezza nel rispondermi. Come da lei consigliato effettuerò tutti gli accertamenti dovuti sperando di risolvere al più presto il problemi.
La ringrazio nuovamente e cordialmente la saluto.

[#7] dopo  
Utente 853XXX

Egregio Dr. Moretti, ho effettuato una RM spalla dx. La risposta è: Piccolo focolaio di sofferenza edematosa della spongiosa ossea sottocorticale nella sede d'inserzione del tendine infraspinato, che appare lievemente ispessito e disomogeneo come per sfumata tendinopatia inserzionale. Minimo ispessimento della buirsa subacromiale. Non alterazioni del tendine del sovraspinoso, del CLBO e del sottoscapolare, e dei cercini glenoideo.
Non versamemnto articolare.
La cortesia che le chiedo è, che cosa ho.
Grazie.

[#8]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
La risonanza dimostra un modesto interessamento del tendine infraspinato, questo riscontro mi pare insufficiente per spiegare i sintomi che erano stati riportati in precedenza.
Ha eseguito l'esame SEP?
I suoi sintomi sono sempre presenti o sono regrediti?
Cordiali saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#9] dopo  
Utente 853XXX

Grazie per avermi risposto.
Ho fatto anche l'esame SEP e risulta qualche piccola anomalia ma tutto nella norma.
Il dolore ed il movimento stanno regredendo e devo dire che non ci speravo inizialmente a causa del dolore e dell'impedimento che accusavo nei movimenti.
Cosa può essere stato che mi ha creato questo problema che ora sembrerebbe che migliori giorno per giorno.
Con l'occasione le faccio Tanti Auguri di Buon Natale ed Anno Nuovo, Grazie.

[#10]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Dato che l'unico riscontro di rilievo è stato un risentimento tendineo della spalla si può ipotizzare che in sala operatoria si sia verificato un trauma distorsivo passato inosservato per l'anestesia.
Ripeto trattarsi esclusivamente di un'ipotesi.
Diversamente l'evoluzione spontanea migliorativa e la negatività degli acceramenti in ambito neurologico sono fatti! e in questo caso fatti molto rilevanti per immaginare la prossima completa risoluzione dei suoi disturbi.
Ricambio gli auguri, saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione