Utente
salve sono una ragazza di 22 anni, e non ho mai sofferto di emicrania, giusto qualche mal di testa ogni tanto ma raramente , a causa di un periodo di forte stress, mi sento una serie di sintomi fastidiosi ai quali non so dare un nome,o meglio un giorno dopo un eritema solare al mare dopo una doccia ho visto la vena sulla tempia sinistra gonfia mi sono spaventata e sono andata al pronto soccorso, ma continuando cosi mi sono recata dalla dott.ssa che mi ha fatto fare la lastra Rx Cranio e risulta :
Non si presentano radiologicamente lesioni focali delle ossa della volta. Sella turcica nei limiti. Regolare trasparenza dei seni paranasali. Ipoplasia dei seni paranasali frontali. Presenza di piccolo mucocele a carico del pavimento del seno mascellare di destra. Setto nasale sostanzialmente in asse.
non so se basta questa lastra poi ho fatto le analisi di laboratorio:
PCR test per citomegalovirus, toxoplasma, EBV virus, Ana, VES, tampone faringeo,Oltre alle prestazioni loro elettrocardiogramma, visita generale, anamnesi e valutazione al pronto soccorso dopo una seconda volta che mi sono sentita male. vorrei capire a cosa è dovuto questa sensazione di pressione sulla parte sinistra della tempia ( che spesso mi fa gonfiare la vena e fa sentire una sensazione strana come di pizzico o dolore lieve, formicolio ultimamente come prurito,
,che è un pò fastidioso)che in stato di ansia e caldo pulsa mentre di sera si quieta. sarà il caldo, la snusite cronica? il fatto dell'eritema solare? un infiammazione? oppure mi è venuta l'emicrania a me che non ci ho mai sofferto? ho paura possa essere qualcosa che si puo aggravare, premetto che ora prendo sandomigran perchè questa situazione mi stava portando ai pazzi non sapere cosa avevo, mi prendeva ansia, mal di pancia tipo crampi, sintomi di dolore al petto e alle parti del corpo nella zona sinistra. Vi ringrazio e faccio i complimenti per questo sito interessante e che aiuta molti di noi a darci delle risposte e a sentire ottimi consigli e vedere situazione simili alle nostre.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una delle ipotesi possibili è una cefalea di tipo tensivo ma per una diagnosi corretta Le consiglio una visita neurologica. Il Sandomigran con quale dosaggio l'assume e quali benefici Le ha dato?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Veramente ho pensato di fare una cura per 2 mesi circa 3...prendo una pasticca al giorno alla stessa ora più o meno, e vorrei regredire e farla a metà per la seconda scatola lei che mi consiglia? siccome era un periodo anche di stress e di tremolio interno continuo e non mangiavo quasi piu per il nervoso mi ha dato i seguenti benefici, mi sono rilassata, dormo meglio e mangio di più...comunque non mi fa stare male spero, non mi farà star male dopo...
Grazie Saluti Francesca

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Francesca,

col Sandomigran ha avuto dei risultati anche per quanto riguarda la sintomatologia attuale?
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
in che senso? se mi sento meglio? si col Sandomigran mi sento bene, solo che ora al contrario ho appetito continuo, e sto prendendo peso, pensando che ero sottopeso e mi faceva male tutto, ora invece non sento dolori ne in testa ne al corpo quasi per niente, però attraverso le analisi ho scoperto che ho avuto anche la mononucleosi, quindi magari tutti quei sintomi sono dovuti anche a quello, andata via la mononucleosi può dare effetti negativi in futuro? può tornare? comunque ora sto meglio, l'unica paura è che non so come regredirla fino a non prenderla più in modo da non avere subito una ricaduta prendendo per più di un mese una pillola di Sandomigran al giorno e ora sto facendo una 1/2 pillola alla sera. Grazie

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la mononucleosi procura un'immunità permanente ma in alcuni soggetti, molto raramente, può permanere il virus anche per lungo tempo. Per la graduale riduzione del Sandomigran si faccia seguire dal Suo medico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro