Utente
Ho 48 anni, una figlia di 9 anni ed un ciclo mestruale ancora abbastanza regolare. Circa una settimana fa ho scoperto una pallina al seno destro non dolente in corrispondenza del ferretto del reggiseno. Non mi sono allarmata pensando che fosse dovuta alla pressione del reggiseno però oggi a distanza di 7 giorni è diventata molto dolente al tatto. Sono preoccupata, molto!!!!! Il medico di famiglia mi visiterà solo tra qualche giorno e mi ha suggerito di prendere antiinfiammatori e di usare una crema locale tipo REPARIL. Cosa potrebbe essere????? Una ghiandola infiammata, un nodulo, una cisti o cos'altro????? E che differenza c'è tra queste ultime? P.S: non prendo anticoncezionali.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non possiamo dirle molto: e' necessaria senza dubbio una visita senologica e nel caso un'approfondimento diagnostico con mezzi strumentali (Rx, ecografia, TC...).
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie, ho accolto il suo suggerimento e ne ho fatto addirittura due di ecografie mammarie in due centri diagnostici differenti. Riporto il risultato del primo centro diagnostico: "Normale la rappresentazione ecografica delle strutture muscolo adipose, con componente ghiandolare nettamente prevalente e diffusamente displasica, con spiccata tendenza alla nodulia aspecifica. A destra sul QEST LA TUMEFAZIONE PALPABILE è SOSTENUTA DALLA PRESENZA DI UNA CISTI di circa 30mm x 23mm a pareti leggermente ispessite per flogosi, con sottilissimi setti interni ed a contenuto Quasi perfettamente anecoico. Altra localizzazione cistica di circa 32mm x 12mm di spessore si apprezza a sinistra sul quadrante QC in prefasciale. In ambo i lati comunque presenza di altre minuscole localizzazioni cistiche sub centrimetrali. Sul polo sueriore della cisti di destra presenza di nodularità aspecifica displasica di circa 8mm". Il radiologo che ha eseguito questo esame,per la cisti mi ha detto di seguire una terapia antiinfiammatoria e non antibiotica perchè a suo dire non ci sarebbe infezione non avendo evidenziato corpuscoli o quant'altro all'interno della cisti. Invece per quanto riguarda il nodulo mi ha detto di stare tranquilla e di non rimuoverlo perchè non ha le caratteristiche della malignità essendo ben definito e non vascolarizzato e di tenerlo solo sotto controllo per eventuali variazioni di grandezza e di forma. Il risultato ecografico del secondo centro,eseguito a distanza di un giorno dal primo, è il seguente:" La nodulazione clinicamente palpabile all'UQE a destra ha i caratteri ecografici delle cisti complicate ipertese, di mm 25 con contenuto in via di organizzazione, avascolare. Anche a sinistra cisti di mm 33 all'UQM. A destra nodulazione isoecogena di mm 6, senza assorbimento acustico e non chiaramente vascolarizzata compatibile in prima istanza con cisti inveterata complicata". Il radiologo mi ha suggerito terapia antibiotica perchè ci sarebbe infezione e per quanto riguarda il nodulo non ha dato nessuna importanza alla sua presenza. Semplicemente mi ha suggerito di rivolgermi ad un senologo per impostare una terapia mirata per le cisti nel caso di dolorabilità eccessiva. La mia domanda è la seguente: devo preoccuparmi per il nodulo? Vi ringrazio!!!!!

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Lei dice di aver accolto il mio consiglio, ma io in realta' le avevo scritto, prima di fare un'eventuale ecografia, di rivolgersi ad un Senologo, che nel caso avrebbe approfondito con possibili esami strumentali, tra i quali senza dubbio poteva rientrare anche l'ecografia. Facendo soltanto questo esame le manca il parere dell'esperto. E, senza nulla togliere ai bravi Radiologi che le hanno effettuato ben due ecografie, peraltro sovrapponibili, che lei ha qui riportato, credo che una cisti al seno meriti qualcosa di piu' specialistico prima di iniziare una terapia o di pianificare ulteriori controlli.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
Dottore, finalmente ho prenotato anche la visita senologica!!!!!!!!!!! Si tratta di un senologo del Pascale( vivo a Napoli) suggeritomi da conoscenti che a quanto pare non effettuerà alcuna ecografia ma che si limiterà ad una semplice visita, quindi dovrò portare i referti delle due eco oppure no?Sono terrorizzata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Intanto il medico di famiglia mi ha prescritto l'antibiotico ma io sto continuando a prendere solo Ananase 40 per 3 volte al giorno. Faccio male? Sono nel panico totale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Perchè un radiologo ha visto infezione e l'altro no?

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Rispetto i Radiologi quando fanno il loro lavoro, ma quando si occupano di altro potrei non essere d'accordo: e di sicuro con uno dei due in questo caso non lo potrei essere!
Come le ho detto piu' volte la cosa principale per il suo caso e' la visita senologica; l'ecografia infatti potrebbe non servire, oppure viene prescritta dopo, soltanto qualora l'esperienza dello Specialista non sia stata sufficiente ad ottenere una diagnosi. Ma visto che lei ormai ha fatto le cose al contrario nessun problema: porti senza dubbio le ecografie e, sia che servano sia che non servano, sono certo che il Collega le visionera'.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente
Con quale dei due radiologi potrebbe non essere d'accordo e perchè? La prego non mi lasci nel dubbio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Grazie

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ma questo non posso saperlo!! Non ho fatto io l'ecografia... Era soltanto una considerazione per dire che se uno dice una cosa e l'altro dice il suo opposto e' evidente che soltanto uno dei due avra' ragione... Ma chi sia dei due io non posso proprio saperlo! Comunque si tranquillizzi: presto vedra' il Senologo e tutto si chiarira'... Se aver fatto due ecografie le provoca tutti questi dubbi avevo ragione a dire che era meglio aspettare che le venisse eventualmente prescritta prima di farla!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#8] dopo  
Utente
Sono di nuovo qui per aggiornarla sulla mia situazione. La visita senologica l'ho fatta ma non con il medico del Pascale ma con un'altra senologa che mi ha sottoposta anche ad eco-mammaria. Alla visita: SINTOMI : Percezione alla palpazione di formazione ovolare dolente mammella dx; ISPEZIONE: Forma regolare, Dimensioni nella norma, Simmetria Si, Profilo regolare, Cute regolare, Capezzolo regolare; PALPAZIONE : Variazioni di temperatura della cute NO, Presenza diI edema NO; Alla palpazione formazione tondeggiante dolente mobile sui piani profondi a livello del QIE della mammella dx, Capezzolo ed areola Regolari, assenza di secrezione alla spremitura dei capezzoli. Il risultatodella ecografia è il seguente: " Piano cutaneo e sottocutaneo nella norma. Corpi mammari simmetrici, a prevalente componente ghiandolare ad eco struttura fibrocistica. Si segnala a carico della mammella dx in QIE formazione ovolare a margini netti, cistica, corpuscolata di mm 22, priva di vascolarizzazione al color-doppler, e due formazioni cisctiche più piccole, di mm 5 e di mm 6 in regione sottoareolare. A carico della mammella sx inoltre si segnalano due cisti, una più grande ed oblunga, di mm 31x11 in QSI ed una di mm 12,3 in regione sottoareolare esterna. Assenza di ectasie duttali. Piccole linfoadenopatie ascellari di verosimile natura reattiva bilateralmente. Si prescrive terapia antibiotica ed antiinfiammatoria per gioni 15. Utile contollo ecografica fra 1 mese ". Dottore, cosa ne pensa? NB: sono stata anche informata del fatto che se la terapia dovesse fallire si dovrebbe procedere ad enucleazione della cisti. Ho P A U R A !!!!!!!!!! Grazie!!!!!!!!!!!!

[#9]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La procedura indicata dalla Collega mi pare condivisibile: lei ha un seno dove le cisti sono piu' di una, questa e' soltanto la piu' grande che evidentemente e' andata incontro ad un processo infiammatorio che ora con la terapia dovrebbe regredire. Capisco le paure, ma tutto cio' che deve fare al momento e' assumere la terapia e fare una visita di controllo fra un mese...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#10] dopo  
Utente
Grazie e del nodulo perchè la senologa non l'ha visto? NB: ho riportato il mio caso anche in un'altra discussione con il suo collega di Medicitalia, il dottor Catania, e forse non sto facendo altro che confondermi le idee pur apprezzando molto le risposte di entrambi!!!!!!!!!!!!!!!!

[#11]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Il dott. Catania e' piu' di un Collega: in questo campo e' un Maestro! Stia tranquilla, signora, faccia la terapia come prescritto e ci aggiorni, se vuole, sui miglioramenti.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#12] dopo  
Utente
Grazie