Provenienza alitosi e possibili soluzioni

Salve,
Sono una giovane ragazza. Da un po' di tempo avverto un cattivo sapore in bocca e alito cattivo. Un po' di tempo fa ho scoperto di avere le tonsille criptiche, in cui erano presenti tonsilloliti, dopo aver fatto una cura di antibiotici, prescritta dal medico di base, senza ottenere risultati mi sono rivolta ad un otorino che mi ha prescritto dei gargarismi con un collutorio a base di colorexidina. Anche in questo caso non ho avuto risultati. Ho poi iniziato a "pulire" le tonsille con un getto d'acqua di una siringa senza ago. Da quando utilizzo questo metodo non ho più tonsilloliti, ma le tonsille seppur pulite rilasciano un cattivo odore. Oltre alle tonsille criptiche, ho una patina linguale bianca che non viene via nemmeno con lo spazzolamento. Per tentare di risolvere questo problema ho iniziato una cura a base di fermenti lattici per la bocca, senza avere troppi risultati se non un leggero miglioramento. Ho poi una continua sensazione di muco in gola. Inoltre non sempre vado di corpo regolarmente, alterno cioè giorni in cui vi è un transito regolare ed altri in cui soffro di stipsi. Ci tengo a precisare che ho una perfetta igiene orale e anche il dentista a cui mi sono rivolta non ha riscontrato problemi né di carie né di tartaro. Le mie domande sono: Da cosa potrebbe essere provocata la mia alitosi? Perché le mie tonsille emanano cattivo odore pur non essendoci tonsilloliti? Come posso risolvere questo imbarazzante e limitante problema?

Ringrazio anticipatamente chiunque voglia rispondermi.
Cordiali saluti.
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Gentile Utente,
le cause dell'alitosi sono molteplici e non di rado l'alitosi viene percepita soggettivamente e non dagli altri.
Se qualcuno non le abbia detto chiaramente che le puzza l'alito.
La presenza di tonsille ipertrofiche con un sistema di di cripte molto sviluppato - tutte le tonsille hanno cripte tonsillari - anche in assenza di tonsilloliti può essere causa di un alito non gradevole per la presenza nel fondo delle cripte di flora anaerobia che produce sostanze volatili fetide.
Idem se nel suo colon vi è la produzione di mercaptani che vengono emessi in parte con il flatus e in parte passano in circolo per essere eliminati con la respirazione.
La presenza di reflusso gastro esofageo può provocare alitosi e la presenza di Helicobacter Pylori può accentuarla notevolmente.
E' necessario che lei pratichi periodicamente la detartrasi e che curi l'igiene orale, comprensiva di filo interdentale dopo ogni pasto.
E che eviti di mangiare cibi, come aglio e cipolla, molto buoni e sani, ma socialmente spesso inopportuni.
Valuti tutte questi suggerimenti e tragga le conclusioni.
Altro per via telematica non posso dirle di più.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa