Utente
Buongiorno, i primi di Gennaio tornato da Madrid (vacanza non proprio rilassante, anzi) mi è venuta la febbre (poco sopra i 38) con tutti i sintomi influenzali annessi come mal di gola, congestione nasale ecc, è durata qualche giorno ed è passata, verso fine mese mi è ritornata (sempre poco sopra i 38), anche sta volta con tutti i sintomi influenzali, a fine Marzo (ne sono appena guarito) di nuovo stesso identico discorso. Non avevo febbre da diversi anni, in questi tre mesi (Gennaio-Marzo) ho anche avuto la lingua verdastra molto impastata con in fondo verso l ugola quelle che sembrerebbero papille gustative molto in rilievo, non so se può essere un fattore rilevante.
A Madrid ho avuto un rapporto protetto alla fine del quale la ragazza mi ha masturbato, avendo avuto febbre e influenza tre volte negli ultimi tre mesi dopo ciò, e col fatto che l hiv ha molti sintomi in comune mi è anche salita un pò d ansia. Attendo risposta, grazie mille.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
non vedo cosa ci sia di strano ad ammalarsi tre volte in tre mesi.
Quest'anno è stato meno fortunato degli anni passati.
Se il rapporto è stato adeguatamente protetto non è un rapporto a rischio per HIV e le sue ansie sono del tutto infondate.
Se tuttavia ha dubbi esegua un test HIV di IV generazione a 40 gg dal rapporto a rischio ed avrà un risultato definitivo.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto grazie per la risposta, comunque non mi sembrava il massimo ammalarsi tre volte in tre mesi ahah e data la coincidenza post-rapporto mi è venuto il pensiero... Lei sostiene che non ci sia nulla di strano? In quanto al rapporto l unico elemento che secondo me potrebbe essere stato a rischio che mi viene in mente è che lei dopo essersi toccata i genitali ha toccato i miei.

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Ma no!
Non è da considerare un rischio per trasmissione di HIV quello.
Si tranquillizzi.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola