Utente 325XXX
Salve, sono al quinto mese della mia seconda gravidanza.
Da circa 5 giorni, ho il naso chiusissimo, al livello che mi è praticamente impossibile respirare (prima che avvenisse ciò, ho avuto per circa una settimana nevralgia e mal di gola). Ho provato con soluzioni fisiologiche, acqua di Sirmione, Isomar, aerosol con il Clenil..... niente da fare. L'unica cosa che mi faceva stare meglio era il vicks, anche il mio ginecologo ha detto di non abusarne. Da ieri ho cominciato ad avvertire una pesantezza al petto e difficoltà di respirazione, con tosse grassa e secca. Sono andata da un medico specialista in medicina interna, il quale non mi ha trovato nulla, e ha detto che tutti i sintomi riportano ad una forma allergica (non ho mai sofferto di allergie). Mi ha prescritto uno spray antistaminico e delle compresse (Zirtec). L'uso dell'antistaminico comunque non mi ha liberato il naso. Stanotte mi è salita la febbre (ed ho continuato ad avere il senso di pesantezza al petto con tanto di tosse grassa). Ho richiamato il dottore e mi ha prescritto l'augumentin. Lei cosa ne pensa? è uno stato influenzale che poi passa, allergia o la famosa rinite gravidica? perché se è rinite gravidica non posso pesare di stare così per altri quattro mesi, non respiro proprio. Grazie mille in anticipo per la risposta

[#1]  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
dubito che lei abbia una rinite gravidica.
Come è evidente che l'Internista a cui si è rivolta ha preso fischi per fiaaschi.
Se ha la febbre è verosimile che lei abbia una forma virale o mista, viro - batterica.
In quanto alla tosse grassa e secca non posso dirle nulla perchè necessiterei di auscultarla.
Vero è che lo ha fatto l'Internista ieri ma mi pare che dopo la diagnosi di allergia buttata lì a casacccio io mi farei riauscultare, magari da un buon poneumologo.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 325XXX

La ringrazio per la celerissima risposta. Quindi dovrei continuare con l'augumentin e lasciar perdere gli antistamicini? Il fatto è che senza il vicks non riesco a vivere, prima lo prendo e poi mi sento in colpa.
Il mio ginecologo non ci dà importanza, gli ho detto che non riesco proprio a respirare a tal punto che mi sento morire e si è fatto una risata, gli ho detto dell'oppressione al petto e mi ha detto di farmi una camomilla.....
Mi sento abbandonata, e avendo già una figlia la sto trattando male, sono irascibile e scontrosa e mi dispiace per lei.

[#3]  
44918

Cancellato nel 2018
Signora cara,
capisco il suo disagio ma per via telematica io non posso modificare o aggiungere terapie.
Veda di circondarsi di Colleghi più responsabili e reciti al ginecologo che le ride in faccia il proverbio Latino: " risus abundat in ore stultorum" che può usare anche con il curante perchè non coperto da Copyright.
Lei non può fare una RX del torace per ovvi motivi: quindi ha bisogno di qualcuno che abbia esperienza nell'auscultazione del torace.
I vasocostrittori nasali possono essere usati come sintomatici solo per brevissimi periodi: diversamente non solo inducono una vera dipendenza con rebound se si interrompe la somministrazione ma causano danni alla mucosa nasale rendendola atrofica per ischemia.
In tal senso sono di gran lunga preferibili i cortisonici topici.
Saluti cari,
Dott. Caldarola.

[#4] dopo  
Utente 325XXX

La ringrazio ancora. Sono cinque giorni che uso il vicks, ora lo butto proprio via così non sono tentata di riusarlo. Il fatto è che di solito in inverno soffro di raffreddore e naso chiuso, ma non mi era mai capitato di avere il naso tappato per così tanto tempo senza tregua e mi sono fatta prendere dal panico che possa non passare più.
La ringrazio ancora per la gentilezza

[#5]  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla.
Buona Pasqua!
Dott. Caldarola.