Utente 158XXX
Gentilissimi Signori medici,
mi trovo in una situazione dubbia...
da un paio d'anni mi si presenta una vibrazione molto accentuata della durata di vari secondi, in corrispondeza delle costole al lato sinistro.
La frequenza è più o meno 3 - 4 volte al mese...

mi azzardo a sostenere che si tratti del muscolo cardiaco, perché quando passa, sento il battito proprio in quel punto. Ho questo tremore (che dura max 10 secondi), si presenta a "raffiche" o "grappoli"...non so come definirlo. In pratica se viene un volta, si ripresenta a distanza di pochi minuti per altre 4 o 5 volte...non mi accade mai di sentirlo singolarmente. Poi passa del tutto, senza lasciare strascichi e indolenzimenti.

Lo sento spesso in posizione seduto: se mangio, se sono al pc, se guido.
Si è presentato anche varie volte quando il mio tono della voce era alto, magari discutevo animatamente: la cosa "buffa", anche se di buffo c'è poco, è che mi altera la voce...
o meglio, quando parlo sento le vibrazioni delle parole proprio in quel punto.
Mi dà un po' l'effetto deformante di quelli che respirano l'elio.
Non mi cambia la voce in gola, ma sento lo scandire delle mie parole tra le costole se parlo, mentre all'interno trema di continuo e mi dà un sorta di indolenzimento...è una sensazione orribile.

L'altezza è la stessa dello sterno. Se questo fosse a ore 12 e il fianco a ore 9, questo tremore corrisponderebbe a ore 10.
Potrebbe essere la milza???

Grazie in anticipo per le eventuali risposte...

[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli

28% attività
4% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
LATINA (LT)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Naturalmente dovrebbere essere visitato. Comunque la ipotesi più probabile è una leggera neuropatia del nervo intercostale, magari dovuta semplicemente ad un interessamento delle vertebre dorsali. Può accadare a chi sta sempre seduto in una posizione sbagliata.
dott. Sandro Morelli

[#2] dopo  
Prof. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

i limiti di una valutazione a distanza spero le siano noti.

il consiglio è raccontare il tutto al suo medico curante che potrà con la raccolta anamnestica (la sua storia clinica), con una visita accurata, consigliarle esami specifici ed in virtù delle loro risposte proseguire con altri esami o passare, se necessario, ad un momento terapeutico.

mi tenga informato

cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#3] dopo  
Utente 158XXX

Grazie mille...provvederò al più presto...

[#4] dopo  
Prof. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
mi tenga informato

buona giornata
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale