x

x

Disturbi invalidanti da mesi

👉Scopri come misurare la saturazione e come interpreare i valori

Buongiorno,

Ho 25 anni, sono alta 1.65 e peso 49 kg, mangio sano e regolarmente, non conduco una vita sedentaria. Fumo da quando ho 15 anni, ma al massimo 5 sigarette al giorno.

Sono diversi mesi che presento i seguenti disturbi: vertigini e senso di svenimento, cefalea, dolori muscolari e articolari con cui mi sveglio tutti i giorni, sudorazioni notturne, diarrea, stanchezza, dolore e senso di gonfiore al collo, gonfiore e dolori addominali, comparsa di lividi sulle gambe.

Inizialmente sono andata da un otorinolaringoiatra, ed era tutto nella norma.

Successivamente dal neurologo, con visita negativa ,ma comunque decide di farmi fare una RM encefalo, tronco encefalico e rachide cervicale. Il referto evidenzia un contatto tra nervo facciale e arteria e una protrusione discale in C5C6.Mi viene detto che non ha molta rilevanza e continuo con le visite.

Vado dallo gnatologo e scopro di avere una malocclusione di II livello.

Faccio anche una visita gastroenterologica, gastroscopia ed ecografia all'addome, ma si evidenzia soltanto una lieve gastrite. In seguito eseguo anche il test per l'intolleranza al lattosio (positivo), anche se sono anni che sto già attenta e che ho eliminato il lattosio dalla mia dieta.

Eseguo allora diverse analisi, reuma test ed Ana negativi.
Analisi del sangue complete, urine e feci tutto nella norma.
Anche i valori tiroidei sono normali.

Come ultimo esame ho effettuato la curva insulinemica, di cui riporto il referto:
GLICEMIA BASALE (curva da carico 75gr) 96 mg/dl 60 - 110
IMMUNOSIEROLOGIA
INSULINEMIA BASALE 13.2 microU/ml 2.5 - 17.0
INSULINEMIA DOPO 30' dal carico orale di
glucosio
44.8 microU/ml
INSULINEMIA DOPO 60' 54.5 microU/ml
INSULINEMIA DOPO 90' 35.6 microU/ml
INSULINEMIA DOPO 120' 39.4 microU/ml
INSULINEMIA DOPO 150' 17 microU/ml
INSULINEMIA DOPO 180' 22.5 microU/ml
Il dottore mi dice che dovrei andare da un endocrinologo.

Ho effettuato anche visita cardiologica con ecografia (tutto nella norma, soltanto soffio diastolico al centrum) ed ecocolordoppler TSA.

La mia domanda è la seguente: potrebbe esserci una causa comune? Premetto che non soffro di alcun disturbo di origine ansiosa e che conduco una vita normale e serena (se non fosse per questi disturbi). Per quanto riguarda le analisi genetiche ho riscontrato tempo fa di avere mthfr c677t e A1298C presenti in eterozigosi. Per quanto invece riguarda la mia famiglia ci sono stati casi di tumore al fegato, alla tiroide ed al colon.

Ho da sempre mestruazioni dolorose ed irregolari, ma effettuo ogni anno la visita ginecologica.

Scusate per il papiro, ma ho cercato di riassumere tutto sperando che qualcuno possa aiutarmi.

Vorrei "semplicemente" sapere cos'ho, qualsiasi cosa sia e risolverla per condurre una vita normale.

Attualmente sto assumendo Valpinax (prescrittomi principalmente per i forti dolori addominali).

Vi ringrazio anticipatamente.
[#1]
Dr. Carlo De Michele Medico dello sport, Medico internista, Medico osteopata 300 4
Gentile signora, la sua età la pone di diritto nell'era digitale; il nostro corpo invece è una realtà estremamente antica ed è e rimane una realtà ,,,analogica,,, Voglio cioè dire che una diagnosi non può essere fatta sulla somma dei dati di laboratorio, tanto meno sulla somma di pareri specialistici. Il nostro corpo, anzi la nostra PERSONA, è una realtà complessa, cioè un insieme di diversi organi e sistemi in costante relazione tra loro che esprimono una unità non corrispondente alla somma delle loro funzioni ma a qualità emergenti, nuove, che ci permettono di adeguarci alle variazioni dell'ambiente e di relazionarci in modo affettivi con gli altri: Discorso difficile? Voglio solo dire che qualsiasi evento materiale o affettivo riguarda tutta la nostra realtà. Dunque certamente a monte dei suoi disturbi esiste una causa comune che può essere scoperta solo da un medico generalista (un tempo detto :Medico di famiglia) che conosca la sua storia clinica, che possa aiutarla a scoprire se la sua qualità di vita è corretta e che possa essere in grado di formulare una diagnosi servendosi eventualmente anche del parere dei colleghi specialisti.
Buona vita

dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica
info@studiosintesis.it
www. studiosintesis.it