Utente 926XXX
Egregi Dottori,
A seguito di un infortunio sul lavoro verificatosi a novembre dello scorso anno, ho subito una frattura vertebrale - deformazione a cuneo laterale dx del corpo di D10 con depressione della corticale superiore in sede centrale e paramediana destra - per la quale ho dovuto indossare un busto C35 per 3 mesi. A distanza di quasi un anno, avverto costantemente dolori in zona toracica, che mi limitano nei movimenti e nella vita di tutti i giorni. Stamani ho avuto la visita medico legale all'Inail per la valutazione del danno biologico. Attendo di conoscere una risposta, ma nel frattempo vorrei chiedervi: cosa significa che una frattura vertebrale viene valutata dal 4 al 6%? In base a quali criteri si stabilisce se il valore è 4, 5 oppure 6? Se mi venisse valutata una percentuale inferiore al 6%, potrei fare ricorso?
Grazie, distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

nella tabella allegata al DM 12 Luglio 2000 alla voce 201
"esiti di frattura di vertebra dorsale con residua deformazione somatica e dolore riflesso", valutazione fino al 6%.

Se l'INAIL le desse una valutazione inferiore, ha il diritto di fare ricorso.

Per ulteriori informazioni:
infortunio inail
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=89894
http://www.medico-legale.it/infortunio_inail.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Dr. Maria Assunta Pasquarelli

24% attività
4% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Buonasera, gentile utente.
La valutazione del suo danno, dipende dalla limitazione funzionale del suo rachide dorsale e dal tipo di consolidazione corretta o viziata della frattura.
E'necessario ricordare che esprimere una menomazione con un numero e' sempre difficile compito.
Certo, puo' fare ricorso, ma non credo che ne avra' bisogno, considerata la consolidazione in deformazione della sua vertebra.
Saluti.
Dr. maria assunta pasquarelli

[#3] dopo  
Utente 926XXX

Grazie anzitutto ai medici per la sollecita e cortese risposta.
Gentile Dott.ssa Pasquarelli, in realtà il mio timore deriva dal fatto che alla visita collegiale il medico legale Inail pareva sottovalutare il dolore riflesso che avverto e che mai mi abbandona nel corso della giornata, ritenendo invece più significativa l'assenza di dolore alla palpazione della colonna (che io invece reputo di scarsa rilevanza) o il dolore più contenuto svolgendo una torsione del busto. Ho avuto la sensazione che i miei postumi venissero considerati meno rilevanti in virtù di questo, nonostante, a mio avviso, il dolore al tatto o una torsione un pò dolorosa dela colonna siano decisamente meno invalidanti di un dolore/bruciore profondo e costante di tutta la zona toracica.
Cordialmente la saluto e la ringrazio.

[#4] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Non vi è dubbio che la descrizione fatta della radiografia della sua vertebra dorsale, consolidata con deformazione a cuneo, le dà un sicuro diritto alla valutazione del 6%.

Concordo quindi con la collega Pasquarelli che certamente non avrà bisogno di fare ricorso.

Ci farà piacere se ci terrà al corrente della decisione dell'INAIL.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#5] dopo  
Utente 926XXX

Egr. Dott. Corcelli,
Grazie molte per il Suo intervento. Non mancherò di informarvi riguardo alla decisione dell'Inail.
Cordialmente.