Utente 970XXX
Gent.mo dott. sono un uomo di 50 anni e prima di avventurarmi verso una struttura legale per un riconoscimento di invalidità, ho pensato di porvi una domanda per avere un parere medico.
Ho avuto una vasculite retinica che purtroppo mi ha causato una cicatrice peripapillare diagnosticato attraverso esame OCT:
Os
Profilo retinico nei limiti della norma con buona evidenza della fis.dep.foveale nella cui
sede lo spessore è diminuito : mm132
temporalmente alla macula si apprezzano piccoli spazi iporiflettenti intraretinici

Od
Profilo e spessore retinico nei limiti della norma ; in sede foveale lo spessore è diminuito: mm138

Il mio visus è il seguente:
occhio sx 3/50 non migliorabile con lenti con immagine ombrosa e spezzata (Metamorfopsia)
occhio dx 10/10 + 2/50
in visione binoculare il mio visus è 5/10 in prevalenza ombroso
test fatto presso la medicina del lavoro :
in visione binoculare la lettura è confusa

Mi sono documentato sulla refrazione della diversità visiva nei due occhi:

1) Anisometropia
2) Aniseiconia

Il termine di ANISOMETROPIA si applica effettivamente quando c'è una
differenza di refrazione ( di difetto visivo, cioè ) di grado elevato tra i due occhi
Se questa ANISOMETROPIA è molto grave, si crea una condizione chiamata
ANISEICONIA, per cui le immagini date dai due occhi
(con correzione con lenti convenzionali, cioè occhiali ) sono eccessivamente
diverse come dimensione e non possono essere fuse insieme
In questo caso il soggetto non sopporta gli occhiali con la correzione massima.
Pertanto quando la differenza tra i due occhi non possono usare la lente esatta
per l'occhio peggiore, devono accontentarsi di una correzione ridotta,
nell'occhio peggiore, pena notevoli disturbi di affaticamento visivo, vertigini,
cefalee, o sdoppiamento delle immagini con difficoltà della lettura, della
deambulazione, ecc.
Se c'è stata una trombosi con compromissione maculare retinica temo
non si possa fare molto.
Questi difetti che ormai convivo in maniera anomala mi stanno portando all'esasperazione da chiederLe se è il caso di fare domanda di invalidità
e quali sono i pro e i contro da affrontare visto la gravità del visus.

La ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
GEnt. Utente,
sul problema oculare non mi esprimo in quanto di mia competenza (eventualmente può rivolgere il suo quesito ai colleghi oculisti di questo sito).
Per quanto attiene alla domanda di invalidità, le conviene presentare richiesta di visita alla propria ASL di competenza per ottenere un eventuale riconoscimento.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 970XXX

La ringrazio per la sua cortese attenzione

[#3] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
avrà una valuitazione di inv civile in base al tabellato. Sotto l'1/20 si va alla comm ciechi civile e non è il suo caso
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL