Utente 200XXX
salve gentili dottori vorrei un vs parere.
Mia moglie e affetta da diabete tipo 1 insulino dipendente scompensato dall'eta di 10 anni.Al Compimento dei 18 anni gli e stata riconosciuta un invalidita dell 80%, che poi dopo 10anni in seguito a una revisione gli e stato assegnata una percentuale ridotta al 60%.Quindi abbiamo fatto causa all'ASL.
In oltre ha sempre sofferto di depressione ma da 5-6 anni e peggiorata quindi oltre alla documentazione di patologie diabetiche ho consegnato all'avvocato la certificazione che riporta diagnosi:depressione endogena media.
L'avvocato mi ha fatto sapere pochi giorni fa che il ctu del giudice con questa patologia della depressione poteva raggiungere una percentuale del 63% quindi solo 3% in piu'.
Ora mi chiedo e mi domando ma e L'avvocato che mi sta facendo perdere la causa
perche anche se sono ignorante in materia so che la sindrome endogena media ha come percentuale di invalidita dal 40%minimo al 50% come decreto ministeriale riporta.
Poi perche il CTU non usa la formula di Balthazar valutando le patologie come da certificazione a tabella ministeriale ma assegna punteggio a casaccio ma poi il giudice non capisce un corno.
Mia moglie solo col diabete aveva il 60% ora come e possibile che con la sindrome endogena vogliono assegnargli il 63% ?
Scusate la mia rabbia ma se vado in appello passerano altri cinque anni
ed io adesso mi trovo in una situazione disperata (senza lavoro) tante che non posso piu comprare nemmeno piu il disinfettante e l'ovatta a mia moglie per le sue iniezioni quotidiane.
saluto tutti.grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il Suo quesito riguarda una riferita valutazione del CTU in una causa previdenziale, che Sua moglie ha intrapreso a seguito di revisione di invalidità civile, essendo affetta da diabete mellito e sindrome depressiva endogena media.

Il CTU ha probabilmente effettuato una valutazione di questo tipo:

Infermità 1: Diabete Mellito (Classe III)
Cod.9309- Valutazione tabellare 41-50%
Valutazione nel caso specifico: 41%

Infermità 2: Sindrome Depressiva Endogena Media
Cod.2209- Valutazione tabellare: 41-50%
Valutazione nel caso specifico: 41%

Valutazione complessiva (calcolo riduzionistico):
41+ 41 - (41 X 41/100)= 82 - 16,81 = 65,19 %

Sulle percentuali espresse ha probabilmente poi applicato una ulteriore riduzione (- 2,19%)della
percentuale per scarsa incidenza delle infermità su capacità lavorativa semispecifica o specifica.

Ed ecco come potrebbe essere arrivato, applicando la metodologia consueta, alla percentuale del 63%.

Quella che ho sopra riportato è un'ipotesi: il Suo Legale, preferibilmente tramite un consulente tecnico di parte, potrebbe richiedere al CTU i chiarimenti riguardo alle conclusioni dell'elaborato peritale, ed eventalmente formulare le controdeduzioni sulla percentuale di valutazione.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 200XXX

Gentile dott la ringrazio per la sua risposta.
Proprio oggi sono stato dall mio avvocato che mi ha spiegato come il CTU ha tratto le sue conclusioni:

depressione endogena 40% cod2209

diabete insipido renale 40% cod9308

per quanto riguarda la seconda patologia sono in disaccordo in quanto non trovo corrispondenza con la patologia diabetica di mia moglie:

1)Diabete mellito tipo1 insulino dipendente 4somm al dì.
hbaic=9.7

2)Retinopatia diabetica background fase iniziale

3)Ipercheratosi ai piedi e presenza di lesioni ai talloni

Ho come l'impressione che nonostante la documentazione come sopra esibita il CTU non riconosca la giusta patologia diabetica di mia moglie.
Diabete insipido renale? ma questa lo sa che a differenza del (mellito)non sono chiamati in causa gli zuccheri e l'insulina.
Dottore lei si rende conto della diagnosi tratta da questa CTU,ma come e possibile una tale incompetenza sui certificati e chiaramente scritto diabete mellito tipo1 insulino dipendente.
Mi dia un suo consiglio, la ringrazio anticipatamente.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

chieda al Suo legale di formulare osservazioni, con richiesta di chiarimenti al CTU.
Di norma le osservazioni sono formulate tramite un CT di parte, ma trattandosi di evidente errore di diagnosi (rilevabile dalla codifica tabellare), è possibile che il Giudice ammetta la richiesta di chiarimenti anche da parte del legale.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]