Utente 302XXX
Buongiorno,
volevo richiedere il vostro consulto per la morte di mia madre.
Nel mese di Gennaio mia madre è andata in ospedale accusando dolori al petto, è stata ricoverata presso il reparto di terapia intensiva e da subito ci hanno descritto una situazione molto grave.
La mamma era sveglia vigile e coscente, per i primi 3 giorni (riporti le info scritte sulla cartella clinica che abbiamo richiesto) il cardiochirurgo ha preferito aspettare che la signora sia piu stabile.
Dopo questi 3 giorni sono insorte complicazioni, edema polmonare prima, dal quale si è ripresa, all'ennesima richiesta di intervento urgente da parte del reparto la cartella clinica riporta testuali parole:
Il dottor .... soprassiede alla richiesta di intervento.
Successivamente interviene un ischemia celebrale e un emorraggia peritonale.
Noi stanchi e stufi dopo 11 giorni la facciamo trasferire a nostro rischio e spese presso un altra struttura, poichè dopo quanto successo ci comunicano che il cardichirurgo non l'avrebbe operata prima di un altra settimana.
Nella nuova struttura la operano dopo 2 giorni, l'operazione riesce e la mamma recupera.
Purtroppo poi non riesce a reggere alla riabilitazione e il cuore crolla definitivamente lasciandoci a fine febbraio.
La mia domanda è:
-Può un dottore soprassedere a una richiesta da parte del reparto di intervento urgente per persona con infarto in corso?
-E' corretto che il dottore possa rimandare un operazione di bypass coronarico per 11 giorni sapendo le conseguenze che potrebbe averne il paziente?
-Era possibile operarla subito anche con infarto in corso e darle più possibilità per recuperare?
-E' opportuno secondo voi citare a giudizio tale ospedale/dottore visto il danno a nostro parere causato?
In attesa di un cortese riscontro vi ringrazio per l'utilissimo servizio che offrite agli utenti.


[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buonasera, i quesiti sono particolari e complessi e senza un esame approfondito della documentazione sanirtaria, a mio parere, non è possibile rispondere. Se ha dei dubbi chieda tutte le cartelle cliniche e chieda un parere ad un cardiologo e ad un medico legale,

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona