Utente 178XXX
RM ed ARM ENCEFALO:Esame eseguito con tecnica TSE per immagini assiali e sagittali T2 dipendenti, SE-EPI in diffusione con mappa di ADC,TFLAIR assiali e coronali T2 dipendenti e SE assiali T1 dipendenti; l' esame ARM è stato eseguito con tecnica TOF 3D per immagini assiali FFE T1 dipendenti, con elaborazione in MIP.
IV ventricolo in asse, con regolari caratteristiche morfovolumetriche; non alterazioni morfologiche e di segnale del tessuto cerebellare e del tronco-encefalo.
Sistema ventricolare sopratentoriale in asse,con regolare morfovolumetria;non alterazioni morfologiche e di segnale del tessuto cerebrale.
Regolare il segnale di vuoto di flusso dei principali vasi intracranici arteriosi e venosi.
Regolarmente rappresentati gli spazi liquorali in fossa cranica posteriore ed in sede sovratentoriale, sia al vertice che alle convessità ad eccezione di una MARCATA EVIDENZA DEL SOLCO PRE-CENTRALE BILATERALMENTE.
Non si osservano alterazioni morfologiche attribuibili a malformazioni vascolari arteriose lungo il decorso, apprezzabile con la metodica, dei vasi arteriosi intracranici del distretto carotideo e vertebro-basilare, il cui segnale di flusso appare peraltro nella norma.

Sono un uomo di 66 anni con episodi di emicrania con aura, episodi di vertigini, lieve riduzione della memoria.
NON iperteso o diabetico o fumatore.
Vorrei gentilmente dei chiarimenti sulle conseguenze presenti e future di quanto specificato in oggetto.
Ringraziando porgo cordiali saluti.

[#1]  
Prof. Paolo Campioni

24% attività
8% attualità
12% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010

Molto probabilmente si tratta di una variante anatomica, non correlabile con i sintomi riferiti, nè predittiva di problemi futuri.
Ovviamente la visione diretta delle immagini sarebbe auspicabile
Buona giornata
Prof. Paolo Campioni

[#2]  
Dr. Luca Valvassori

20% attività
0% attualità
0% socialità
MONZA (MB)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Nessuna conseguenza. Non si tratta di una malattia, ma di un aspetto normale del suo cervello, che, come per tutti dopo i 30 anni, lentamente invecchia. Questo non vuole assolutamente dire che non funzioni più bene. Le due cose non sono correlate.
Spesso purtroppo noi radiologi descriviamo senza spiegare.
Dr. Luca Valvassori
Neuroradiologia
Ospedale Niguarda - Milano
tel. 02.64442772/7059