Vertigini continue, cefalee, fitte. risultati rm e rx. problema vertebrale, vascolare o neurologico?

Salve, ho 32 anni e da circa 7 mesi soffro di vertigini continue, instabilità nel camminare e accompagnare saltuariamente da cefalea e fitte alla testa.

Dopo aver fatto esami ed escluso diverse cause (Esame vestibolare negativo, TAC negativa) si è scoperto che ho una lieve artrosi cervicale e una verticalizzazione del rachide, ma mi è stato detto che ciò non sarebbe sufficiente a giustificare il problema.

Ho fatto altri accertamenti e pare che ci siano anche lievi problemi vascolari, forse indotti dai problemi alla cervicale, ecco i risultati:

ANGIO RM MDC DISTRETTO VASCOLARE INTRACRANICO
(3D TOF con algoritmo MIP)
-Asimmetria per prevalenza destra delle arterie vertebrali. Aspetto simil-ectasico del tratto medio-distale delle ACA dovuto alla sovrapposizione di artefatti da movimento del paziente e modesto decorso tortuoso delle ACA stesse. Non si osservano significative alterazioni del calibro, decorso e morfologia a carico dei vasi arteriosi intracranici esaminati.

ANGIO RM VASI DEL COLLO
-Debole e diffuso iposegnale a livello dell'arteria vertebrale di destra rispetto alla controlaterale verosimilmente in relazione a fenomeni tecnici. Buona visualizzazione di entrambe le ACC ACI ACE che non mostrano significative alterazioni.

Per completezza riporto anche i dati delle precedenti RM e RX al rachide:
-RX rachide cervicale:
.VERTICALIZZATO RACHIDE CERVICALE
.LIEVE RIDUZ.DELLO SPAZIO INTERSOMATICO C4-C5
.INIZIALI NOTE DI TIPO ARTROSICO DEGENERATIVO.

-Risonanza magnetica (spazi compresi tra C2 e C7):
.RIDUZIONE DELLA FISIOLOGICA LORDOSI CERVICALE
.LIEVE RIDUZIONE DELLO SPESSORE E DEL TONO IDRICO A CARICO DEI DISCHI INTERSOMATICI ESAMINATI
.MODESTA PROTRUSIONE PARAMERIDIANA LATERALE SINISTRA A LIVELLO DEI DISCHI INTERSOMATICI C5/C6 E C6/C7 CON MINIMA IMPRONTA SUL SACCO DURALE
.MODESTA ACCENTUAZIONE DEL PROFILO DORSALE A LIVELLO DEL DISCO C2/C3 E C3/C4
.CANALE RACHIDEO DI AMPIEZZA CONSERVATA
.NON SI OSSERVANO SIGNIFICATIVE ALTERAZIONI DI SEGNALE A CARATTERE PATOLOGICO DELLA CORDA MIDOLLARE CERVICALE
.ASSENZA DI ALTERAZIONI OSSEE FOCALI A CARATTERE PATOLOGICO


Qual'è quindi l'origine del problema?
Quale può essere una terapia valida?
Grazie.
[#1]
Attivo dal 2009 al 2010
Neurochirurgo
Non mi trovo d'accordo con quanto le è stato detto, nel senso che una verticalizzazione del rachide cervicale può giustificare una sintomatologia come quella da lei lamentata.

E' fin troppo evidente che, chi le ha detto il contrario, ha avuto modo di visitarla e prendere visione dei suoi esami; anche perchè, come spesso viene ribadito in questa sezione, per una diagnosi ed una terapia corrette occorre 1. visitare il paziente e 2. vedere i suoi esami.

Che attività svolge? Un lavoro simil-impiegatizio è molto spesso alle origini di una cattiva postura cervicale (e la verticalizzazione ne è un esempio).

Cordialmente,

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio