Mal di testa e cervicobrachialgia 24 ore al giorno

Buongiorno, spero di non essere inopportuno se posto la mia richiesta d’aiuto su questo importante e utile forum. Soffro di cervicobrachialgia (esito RMN= impronta su spazio subaracnoideo a livello c5-c6 e c6-c7 causata da protrusione post. del disco, a componente erniaria in sede paramediana sinistra tra c5-c6 associato a lieve deformaz. spondilosica. La corda midollare non mostra alterazioni di segnale. A livello dorsale segni di spondiloartrosi medio e inferiore. Diffuso bulging discale a carico dei dischi intersomatici da d7 a d10 con impronte sullo spazio subaracnoideo. La corda midollare non presenta alterazioni di segnale.)
Sono stato visitato da numerosi specialisti, in Sardegna e fuori Sardegna, ma purtroppo i sintomi che tutt’ora riscontro hanno drasticamente peggiorato la mia qualità di vita. Ho infatti emicranie (che partono naturalmente dalla zona del trapezio e quindi occipitale della testa fino a quella ventero laterale e frontale) violente e persistente. IN pratica vivo 24 ore su 24 con dolori diffusi al collo e al capo, però almeno 3-4 volte alla settimana, specie se faccio attività fisica (fitness), diventano insopportabili finchè non vado a letto a dormire, e talvolta continuano quando mi alzo. Non ricordo + ormai da anni come ci si sente a non avere mal di testa, visto che è sempre presente. Potrebbero essere contratture dovute ad una scorretta postura o ad un effettivo problema a livello nervoso o osteoarticolare della colonna? Naturalmente ho anche episodi continui di parestesia agli arti superiori (soprattutto a letto) ma anche (meno frequente) a quelli inferiori. Qualche giorno fa ho avuto un fortissimo dolore nervoso con sensazione di freddo persistente sotto il piede sinistro (pianta del piede) e alla punta del piede destro, poi dopo qualche minuto sono scomparsi. Ogni tanto, per qualche giorno, mi fa male il braccio destro (zona bicipite interno) con dolore nervoso fitto, poi scompare.
Il primo specialista che mi aveva visitato mi aveva detto che non ero da operare e mi aveva consigliato un programma di workout in palestra che però ormai non posso + rispettare in quanto ogni volta che faccio dorsali, specie quelli interni, e spalle o anche leg press i giorni dopo (dopo circa 12-24 ore, non subito) il mal di testa diventa insopportabile.
Avevo contattato questo famoso specialista di Milano in quanto (novembre 2011, praticamente il primo sintomo grave da me riscontrato) un giorno, in palestra, avevo sentito, durante un set di alzate laterali (spalle) una piccola scossa nella zona del trapezio superiore, lato sinistro, e nei giorni seguenti il dolore era via via aumentato. Una EMG fatta un mese dopo aveva evidenziato una ridotta funzionalità di un nervo (purtroppo non mi ritrovo la diagnosi). Per due mesi, quasi tre, ho avuto dolore persistente insopportabile, mai sentito prima un dolore così forte, specie durante la notte (riuscivo a dormire al massimo 7-8 minuti per volta e mai + di 2 ore a notte), avevo sollievo solo se alzavo il braccio e lo portavo dietro la testa.
Il professore mi disse che probabilmente un frammento di materiale proveniente da un disco intersomatico aveva occluso un forame neurale e poi dopo qualche mese si era consumato, un episodio che succede raramente.
Ormai quell’episodio è lontano, ma, come già detto prima, i dolori alla testa e alla schiena (dorsali interni e zona trapezio) sono continui, 24 ore su 24, con picchi violenti specie dopo attività fisica. Ora posso allenare solo i pettorali e qualche altra cosa. I bicipiti e altri esercizi in piedi non posso + eseguirli perché sento subito dolori al trapezio e ai dorsali interni. L’esercizio che + mi fa male è il pulley. Naturalmente non lo guardo nemmeno…
Vorrei chiedere a qualche medico del forum non tanto una diagnosi, del resto ormai sono andato in visita da tanti specialisti senza risolvere il problema (mi davano tutti decontratturanti o psicofarmaci), ma solo per capire da chi andare, da un posturologo magari, da un medico sportivo, da un fisiatra, da qualcuno che capisca come risolvere almeno le cause di questo mal di testa insopportabile e senza fine. Grazie a tutti
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13.7k 398 77
Egr. signore,
certamente la diagnosi non è possibile a distanza, ma neanche indicare una terapia se non si fa la diagnosi.
Detto questo, se la RM di cui ha riportato un riassunto del referto è recente, credo che una rivalutazione clinica presso il neurochirurgo sia necessaria poichè quanto sarebbe emerso da tale esame strumentale ben si accorda con i Suoi sintomi.

Se la RM è datata, sarà opportuno eseguirne una di controllo sempre dopo aver consultato lo specialista.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
[#2]
Utente
Utente
Buongiorno e grazie per la risposta.
Io scrissi:"Vorrei chiedere a qualche medico del forum non tanto una diagnosi, del resto ormai sono andato in visita da tanti specialisti senza risolvere il problema (mi davano tutti decontratturanti o psicofarmaci), ma SOLO PER CAPIRE DA CHI ANDARE, da un posturologo magari, da un medico sportivo, da un fisiatra, da qualcuno che capisca come risolvere almeno le cause di questo mal di testa insopportabile e senza fine. Grazie a tutti"
Vorrei solo capire da quale specialista farmi visitare, visto che credo di avere sintomi riconducibili a diverse patologie e visto che ormai ho consultato tanti neurochirurghi che non hanno capito il mio problema. Grazie
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13.7k 398 77
Egr. signore.
che dirLe? Ha consultato molti neurochirurghi, ma non tutti....

Cordialmente
[#4]
Utente
Utente
Buongiorno e grazie per la risposta.
Purtroppo la situazione è peggiorata:
Un paio di settimane fa avevo la EMG (prenotata col CUP oltre tre mesi fa...) per controllare che non ci fossero delle stenosi in quanto avvertivo (ma come sempre ormai da tanto tempo) formicolii alle braccia durante il sonno e qualche volta in altre occasioni.
L'esame ha dato esito nella norma, ma purtroppo durante l'inserimento dell'ago all'interno del braccio destro ho avvertito un forte dolore che è peggiorato nei minuti successivi.
Dopo circa mezz'ora non potevo nemmeno sfiorare la zona intorno al capo laterale del tricipite brachiale (braccio destro, esternamente centro ulna) per il dolore, la zona era sensibilizzata come se avessi un ematoma esterno.
Sono tornato nello studio e l'ho fatto presente al medico che però ha seccamente negato ogni responsabilità attribuibile all'esame.
Il dolore forte al tatto il giorno dopo si è attenuato, ma sono iniziati forti dolori nervosi, parestesie, sensazioni di caldo/freddo, etc.
La zona dove sento dolore parte dalle dita anulare-medio per passare dal polso internamente (zona ulnare), interno del gomito e interno del braccio.
Non posso + fare pesi e sento dolori forti dopo la lat-machine (dorsali) e i bicipiti con manubri/bilanciere. Dopo l'allenamento dei dorsali in particolare, ho la sensazione di avere il braccio duro e come pieno di qualcosa, poi la sensazione dopo qualche ora passa e arrivano i dolori nervosi a tutto il braccio.
Ho paura che il neurologo abbia toccato qualche nervo e si sia infiammato. Cosa devo fare? Non posso nemmeno dormire sul lato destro per i dolori.
Grazie
[#5]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 6.6k 211 29
Gentile Paziente, lei scrive:
" ormai ho consultato tanti neurochirurghi che non hanno capito il mio problema."
Come risponde giustamente il Dr Migliaccio "Ha consultato molti neurochirurghi, ma non tutti...." : potrebbe valer la pena di un'altra opinione neurochirurgica , la "molti più uno".

Scrive però anche "credo di avere sintomi riconducibili a diverse patologie", e questo è possibile, e aggiunge: "solo per capire da chi andare, da un posturologo magari, da un medico sportivo, da un fisiatra,".
A questo proposito poiché il suoi problemi perdurano nonostante le indagini e le cure del caso (che possono beninteso essere ulteriormente approfondite e integrate), le suggerirei di non trascurare una possibile componente patogenetica dei suoi problemi, in particolare per quel che riguarda la cefalea: il ruolo che nella sua insorgenza può essere sostenuto dalla malocclusione dentaria e dalla scorretta postura della mandibola. Infatti, sia in funzioni normali (deglutizione, masticazione) che patologiche (digrignamento, serramento) la mandibola, trascinata dai muscoli elevatori, ha la tendenza ad avvicinarsi alla mascella facendo perno sul condilo e fermandosi solo quando le arcate dentarie antagoniste entrano in contatto fra loro.
Ma se questo contatto avviene per qualunque ragione (scheletrica, dentale, iatrogena, ecc.) in una posizione scorretta (morso profondo, deviato, retruso) ecco che, per un periodo di ore/giorno incredibilmente alto, indipendentemente dalla volontà o dallo stato di sonno o veglia, i muscoli masticatori risultano contratti, e predispongono all'insorgenza della cefalea, che infatti una volta veniva denominata "muscolo tensiva".
Anche il controverso argomento riguardante i rapporti fra malocclusione e postura potrebbe riguardare il suo caso.
Se così fosse, al fine di confermare o escludere questa ipotesi, le suggerirei di consultare anche un dentista esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Le suggerirei anche di dare un'occhiata, agli articoli linkati qui sotto, nell’ipotesi che vi possa riscontrare qualche elemento di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://wwwcitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

http://www.studiober.com/pdf/Sport%20e%20Occlusione%20dentaria%20Bernkopf.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."


Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
edber@studiober.com - www.studiober.com

[#6]
Utente
Utente
Gentilissimo Dr. Bernkopf, la ringrazio davvero per il suo interessamento, guarderò senz'altro immediatamente i link che mi ha proposto.
A presto e cordiali saluti
Cefalea

Cefalea è il termine che descrive tutte le diverse forme di mal di testa: sintomi, cause, diagnosi e terapie possibili per le cefalee primarie e secondarie.

Leggi tutto