Epilessia?

Gentili dottori Volevo chiedervi se i sintomi che da più di un anno mi rovinano la vita possano essere legati all epilessia e mi possiate consigliare come procedere.
Sono sano, 27 anni, ho avuto attacco di emicrania con aura una volta e meningite virale. Per il resto in salute. Un anno fa, dopo un periodo di forte stress, in una rottura con la ragazza e in una convalescenza, ho il primo episodio: mentre ero a letto leggerissimamente febbricitante ho un forte giramento di testa con sensazione di svenimento che dura un 20-30 secondi, dopodiché restai molto spaventato. Questi episodi si ripetono circa una volta ogni dieci giorni, a ogni orario e in ogni posizione. A volte mi sembra che siano correlati alla situazione, ma mi è capitato di averli mentre sono tranquillo sul letto con la fidanzata o a cena. I sintomi sono appunto i soliti, una improvvisa sensazione di svenimento e giramento di testa (no vertigini, cioè non sento ruotare ma mi sento svenire, come un fortissimo calo di pressione) che come viene passa di media dopo una decina di secondi, a volte più a volte meno.non ho altri sintomi durante questi episodi. la pressione me la sono misurata e va bene, e gli episodi mi sembrano troppo brevi e strani per un attacco di panico(che ho avuto da più piccolo ed ho risolto). Ultimamente ho anche degli episodi più piccoli, cioè queste sensazioni più attenuate che durano 1-3 secondi. I medici che ho consultato attribuiscono tutto all ansia (anche perché nel contempo ho iniziato a soffrire di insonnia, spasmi muscolari e tremore interno quando mi sveglio), ma io ho una forte ansia perché ho questi episodi! Può essere epilessia o una malattia neurologica? Ho fatto visita da un neurochirurgo con esame completo ed è andato bene, rx cervicale che dice che è andata via la lordosi, e risonanza encefalo che va benissimo. Mi consigliate cosa posso fare? Voi cosa sospettereste? Non ho tanti soldi per questo lo chiedo, per evitare di consultare inutilmente medici (però devo convincermi che il problema sia di ansia!) E fare esami inutili. Devo preoccuparmi?

Grazie e saluti
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
le diagnosi si fanno dopo aver visitato il paziente.
A distanza, sulla base del Suo racconto, posso sospettare trattarsi di episodi di panico (Lei ne ha già avuti) e di ansia legata al sospetto di qualche grave malattia.
Secondo quanto Lei descrive, non sono attacchi epilettici, anche se.potrebbero (ma non sarei convinto) essere episodi di assenza.
Ha mai fatto un Elettroencefalogramma?

Cordialmente
[#2]
dopo
Attivo dal 2015 al 2017
Ex utente
Buonasera dottore

Grazie mille per la risposta.
Durante questi episodi io capisco tutto, parlo, se sono seduto mi alzo perché mi sembra a volte che vada meglio, sennò magari cerco un appoggio per sicurezza...se fossero assenze (tipo quelle dei bambini intende?) potrei comunque fare questo?
Elettroencefalogramma non l'ho mai fatto, il suo collega che mi ha visitato mi fece fare rx e risonanza e se fossero andate bene sarei dovuto stare tranquillo, e l elettroenecefalogramma nom me lo fece fare perché disse che senza sintomi particolarmente significativi per epilessia (e questo secondo lui era il mio caso) ci sarebbe stata una possibilita su un milione che questo esame ci sarebbe stato utile. Ha detto che se fossero state vertigini nel senso che per qualche minuto mi sentivo girare intorno allora avrebbe avuto senso farlo, così no perché il senso di svenire per trenta secondi non è un sintomo tipico di epilessia. Lei è d accordo?

Grazie ancora se mi volesse rispondere, saluti
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Mi pare di averLe già risposto nella replica precedente.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa