Dolore cervicale e scatti

Buongiorno, vi scrivo per avere un parere riguardo la mia attuale situazione.

Allora, premetto che da più di un anno soffro di mal di testa pulsante a livello della nuca che però se ne andava e veniva da solo.

Da circa un mese e mezzo però si sono aggiunti altri sintomi che non mi permettono più di avere una vita normale: ho iniziato con delle vertigini, (chiudendo gli occhi mi sembrava di stare in barca) il collo ha iniziato a fare uno scrocchio fortissimo in due punti precisi quando muovo la testa di lato verso destra (un punto è quasi alla base del collo, mentre l'altro è all'estremità superiore vicino al cranio ed è lì che mi crea molto fastidio perché sento delle specie di vibrazioni alla nuca e pulsazioni soprattutto quando sto sdraiata).

Circa due mesi fa feci una vista da uno gnatologo perché ho uno scrocchio anche a livello della mandibola, dopo aver descritto tutti i miei sintomi mi consigliò di fare una risonanza magnetica al rachide cervicale.
Mi prescrisse anche "artrosulfur" per gli scricchiolii simili a sabbiolina che sento sia alle articolazioni della mandibola sia al collo.

L'esito della RM dice: "lieve scoliosi sinistroconvessa del segmento cervicale con rettilineizzazione della fisiologica lordosi. A c5-c6 una modesta profusione discale deforma in modo rettilineo il sacco durale senza evidenti focali erniazioni. Non si rilevano anomalie della cerniera cranio-spinale. Le tonsille cerebellari risultano posizionate ai limiti inferiori della norma."
Innanzitutto volevo sapere cosa significa che le tonsille cerebellari sono ai limiti della norma e se possono creare disturbi.

Aggiungo che ho acufeni da moltissimi anni che nonostante i diversi esami non ho mai capito da cosa sono causati e sento anche rumori fastidiosi quando deglutisco nelle orecchie, come se avessero del liquido. Alcuni giorni le sento anche tappate.

Ora ho iniziato ad avere anche tachicardia (che mi impedisce di fare qualsiasi cosa perché sono subito stanca) e tremori vari che mi sono stati associati a un disturbo di ansia di cui avevo sofferto anche due anni fa, che avevo curato presso un neurologo con citalopram e sospeso i medicinali da circa un anno perché stavo bene. Ora mi ha prescritto di nuovo citalopram e Xanax al bisogno.

Sto facendo diverse visite, ma non riesco a capire se questi sintomi sono collegati e da cosa sono causati.
Questo continuo dolore alla nuca da cosa può essere causato? Non passa nemmeno con antidolorifici e peggiora quando sono sotto sforzo, sento le arterie che pulsano quasi come se fossi a testa in giù.

Scusate per la lunghezza ma volevo descrivere precisamente tutti i miei sintomi in modo da avere un vostro parere ed essere indirizzata magari a qualche professionista che mi possa aiutare.

Grazie mille
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
Gentile Utente,
il suo composito resoconto anamnestico lascia in sostanza dedurre due elementi fondamentali: disturbo d'ansia e cervicalgia. La seconda potrebbe anche essere una diretta conseguenza della prima (e naturalmente anche la tachicardia e la cefalea) ma a livello della Risonanza emerge qualche aspetto che merita di essere valutato in sede di visita neurologica. Nella cervicalgia di tipo muscolare infatti non sono in genere presenti gli altri fenomeni che Lei segnala (quali gli acufeni e le vertigini), mentre è caratteristico il rumore di "scrocchio".
Caso da valutare per una corretta diagnosi in sede neurologica.
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per avermi risposto Dottore, scusi cosa intende quando dice che dalla risonanza emerge qualche aspetto da valutare in visita neurologica?

Perché io ho mostrato l'esito della risonanza al mio neurologo ma mi ha detto che c'è solamente questa lieve protusione discale a c5-c6 che non dovrebbe creare disturbi. Questo è tutto ciò che mi ha detto.
Mi consiglia di mostrare la risonanza anche a un altro neurologo?

Per gli acufeni il mio medico di base mi ha prescritto una visita otorinolaringoiatria che avrò tra circa due settimane.

Grazie
[#3]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
Se il Neurologo cui si è rivolta l'ha tranquillizzata, allora non necessita di ulteriori valutazioni. Attenda il responso dell'otorino per gli acufeni.
Saluti

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa