Fitte forti e improvvise alla testa

Buonasera Avevo bisogno di un consulto da parte vostra devo sapere come mai alle volte mi si verificano delle forti fitte dietro la testa all'altezza dell'orecchio fin giù alla nuca Due anni fa ho fatto una risonanza magnetica ed è risultato una cisti per loro congenita devo sapere se queste fitte che avverto la testa sono pericolose o se possono essere dovuti alla cefalea
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
Gentile Utente,
non è semplice rispondere alla Sua richiesta di consulto perché occorrerebbe conoscere innanzitutto la sede di localizzazione della cisti e le sue dimensioni e poi a seguito di quali eventi compare la cefalea, caratterizzata dalle fitte che lei ha descritto. Queste, infatti, potrebbero anche essere collegate alla presenza della formazione cistica. Pertanto, per avere un'idea concreta della situazione clinica è necessario:
1. raccogliere un'anamnesi dettagliata
2. effettuare un attento esame neurologico
3. vedere le immagini della Risonanza
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Mesialmente rispetto al corno dx e supero_mesialmente rispetto alla giunzione testa_corpo dell ippocampo di dx si conferma la presenza di una piccola formazione a segnale costantemente isointenso al liquor, che.misura 8.3 x 6.3 x12 mm circa da riferire ad incidentale cisti della fessura coroidea dx di scarso significato patologico e/o evolutivo che causa unicamente minima impronta sulle strutture adiacenti (corno temporale e ippocampo) il cui segnale e comunque conservato . Assenza di aeree di alterata morfologia e segnale a sede intraassiale. In asse le strutture della linea mediana. Regolare il sistema ventricolare sotto e sopratentoriale. Nella norma i restanti spazi subaracnoidei per i celebrali e le cisterne della base. RA marcata rettilineizzazione del rachide cervicale del tratto esplorabile nella norma il segnale da flusso dei principali vasi arterioso intracranici non evidenza di malformazioni artero-venose oppure patologia aneurismatica a tale livello. Questo è ciò che hanno evidenziato Dalla risonanza 2 anni fa
[#3]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
Questa formazione cistica sembrerebbe davvero di scarsa rilevanza e di nessun significato patogenetico in relazione al disturbo che lei lamenta, per il quale Le suggerisco (se è un fastidio che interferisce con la Sua qualità della vita) di consultare un Neurologo per individuare l'eventuale necessità di effettuare una terapia appropriata.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa