Addensamento al cervelletto

Gentilissimi medici,
vi chiedo un consulto per capire meglio quello che mi sta succedendo. Ho 30 anni e sono sempre stata bene. Ho eseguito RM all'encefalo dopo periodo di due mesi di cefalea con vertigini in periodo di stress per la morte di mio padre, con tac cerebrale negativa ed esami di routine a posto. Ora è un mese che mi sento meglio ma purtroppo la RM ha avuto il seguente esito:
In sede paramediana cerebellare sinistra si apprezza area ovalare di alterato segnale delle dimensioni di 10x14 mm, ipointensa in T1 ed iperintensa in T2, che necessita di approfondimento con mdc. Non alterazioni di segnale a carico della sostanza bianca e grigia ecc (da qui, tutto regolare). Fra pochi giorni farò RM con mdc ma non mi è stato praticamente detto nulla. Le mie domande sono:
-Nel cervelletto si possono trovare cisti benigne o è molto più frequente che siano maligne?
-Si é già in grado di fare delle ipotesi avendo visto le immagini, magari per la forma dell'addensamento?
-I tumori in questa precisa sede sono operabili con buoni esiti?
É pesante la condizione di ignoranza in cui mi trovo. Vi ringrazio molto se mi dedicate del tempo.
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 319 197
Gentile Utente,
un reperto di questo tipo indica la presenza di una lesione espansiva di piccole dimensioni che potrebbe anche giustificare la sintomatologia che ha descritto nel suo resoconto anamnestico, ma che necessita di essere definita nella sua attendibile natura attraverso l'integrazione dell'indagine RM con il contrasto paramagnetico. Le ipotesi di che cosa potrebbe trattarsi sarebbero azzardate e potrebbero essere successivamente smentite. Mi informi, se vuole, del risultato perché è un caso che sarei interessato a seguire.
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio e la informerò. Mi scusi se le chiedo di precisare cosa significa lesione espansiva e da cosa si capisce che questa lesione si può espandere. Inoltre, la zona in cui si trova, è una membrana? Mi perdoni ma non ho nessuna esperienza. Sono atterrita dal prospettarsi di disabilità data la sede, il cervelletto.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Inoltre, da risonanza con mdc sono in grado di stabilire se si tratti di una metastasi o meno?
[#4]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 319 197
Comprendo perfettamente la sua ansia e purtroppo non sono in condizioni di dirle altro in aggiunta a quello che ho le ho già detto. Qualsiasi cosa che è estranea all'encefalo (cervello e cervelletto) si considera una lesione espansiva. Poi, stabilitane la natura, si definisce se è benigna o maligna oppure e se si tratti di qualcosa che verosimilmente aumenterà di volume. Ma come vede, ci muoviamo nell'ambito di ipotesi molto vaghe. Vista la sua giovane età, l'unica cosa da non sospettare dovrebbe essere proprio la natura metastatica di questa lesione.
Appena avrà fatto la RM con Gd mi informi.

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#5]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dottore. Le vertigini di cui ho sofferto per tre mesi erano soggettive, più che capogiri si trattava di una certa pressione in cima alla testa, proprio al centro, a volte sembrava che mi si stessero per tappare le orecchie (ma non si tappavano). Questa sensazione avveniva sempre da mezzogiorno in poi e peggiorava se mi stancavo in qualche maniera. Ora a gennaio ho avuto pochissime volte questa sensazione. Alla visita neurologica la dottoressa disse che avevo molte contratture ai muscoli del trapezio. Lo trova associabile alla lesione al cervelletto oppure più una cefalea muscolo tensiva? La ringrazio ancora.
[#6]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 319 197
Lo potrei pensare anch'io visitando un soggetto con questa sintomatologia senza conoscere il reperto della Risonanza, ma sia le vertigini che la cefalea sub-occipitale potrebbero essere espressione di un interessamento del cervelletto. E' ovviamente solo un'ipotesi. Attendiamo la conferma dell'integrazione d'indagine con m.d.c. per un parere definitivo.
Aspetto che mi comunichi il risultato.
Auguri di vero cuore.

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7]
dopo
Utente
Utente
Buonasera, sto attendendo il risultato della risonanza con mdc da ricoverata (in un altro reparto rispetto a quello e in un altro ospedale) ma la dottoressa radiologa è stata gentile e mi ha mostrato le immagini dopo l'esame, dicendomi che probabilmente si tratta di una cisti ad alto contenuto proteico, insomma in quel momento escludevano la malignità. Il referto mi sarà comunicato a voce dagli internisti, certo ora mi sto chiedendo che cosa implichi questo alto contenuto proteico. Forse nella lettera di dimissioni potrò leggere il referto preciso.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, ecco cosa trovo scritto:
L'indagine viene confrontata con precedente studio TAC del 2012. Piccola alterazione rotondeggiante di circa 10mm in paravermiana a sx omogeneamente iperintensa in T2 e Flair, non edema perilesionale né impregnazioni anomale dopo MdC. È sovrapponibile per dimensioni e morfologia al precedente studio TAC nel quale è omogeneamente ipodensa, il quadro pertanto più suggestivo per alterazione cistica ad elevato contenuto proteico. Minuto esito a ridosso del corno frontale del ventricolo laterale sx. Non alteraz da riferire a eventi di recente insorgenza con sequenze pesate in diffusione. Struttura della linea mediana in asse. Nei limito il complesso ventricolare. Lieve ectasia della guaina del nervo ottico da entrambi i lati.
Mi chiedo che cosa implichi il fatto che si è densificata in 7 anni, e anche l'ultima frase non la so decifrare.
[#9]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 319 197
Dalla lettura del referto che ha riportato ritengo che possa sentirsi più tranquilla. Dovrebbe trattarsi di una formazione cistica a. La cisti può essere riempita di liquor (quasi sempre) ma talvolta di un contenuto diverso, come nel caso che viene descritto. Il mio suggerimento è di monitorare nel tempo l'andamento di questa formazione.
Sinceri auguri

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#10]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore, spero mi possa rispondere ancora anche se sono passate settimane. La ringrazio per la spiegazione ma non mi sono chiare due cose su cui cercherò di porre domande precise. "Dovrebbe trattarsi": non c'è certezza in mancanza di esame istologico o questa cisti, come mi pare di capire, è atipica? Il medico radiologo mi ha detto che le comuni cisti benigna appaiono completamente bianche in risonanza e la mia non è così. Non è escluso che si tratti di astrocitoma o simili? Può essere qualcosa che evolverà nel tempo? Purtroppo non mi hanno spiegato queste cose. La ringrazio tanto se mi potrà dedicare un'altra spiegazione.
[#11]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 319 197
Francamente non credo che possa trattarsi di un glioma, perché i caratteri con cui viene descritta questa lesione depongono per una franca formazione cistica.

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa