Utente
Buonasera. Sono una ragazza molto ansiosa e, ultimamente, anche molto nervosa. Ogni giorno ho dei veri e propri attacchi d’ira, contro i miei genitori e contro il mio ragazzo, anche per piccolezze... credo che tutto questo sia dovuto alla mia ansia, al periodo difficile ma anche ad alcuni problemi con la scuola e con i miei compagni... è un periodo di forte stress per me è me la prendo con chiunque. Ho avuto uno scatto di rabbia ieri sera, seguito da un forte mal di testa che persisteva anche stammattina in quanto ho dovuto riaddormentarmi per farlo alleviare. Poco fa ho avuto uno scatto d’ira abbastanza forte durato circa 10 minuti, li il mio mal di testa si era fatto molto forte e calmandomi si è alleviato. Ora ho mal di testa soprattutto sopra la zona degli occhi e dietro la nuca... non forte come prima però mi preoccupo se tutto questo può portare alla rottura di un aneurisma nonostante la mia giovane età (18 anni). Adesso è il caso di preoccuparmi? Grazie dell’attenzione.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazza,
prima di rompersi un aneurisma ci deve essere.
Purtroppo gli aneurismi si manifestano solo quando sanguinano tranne rari casi di aneurismi giganti che simulano un processo espansivo (tumore per es.) ovvero dando segni clinici sospetti rilevabili all'esame neurologico oppure per reperti casuali in una RM eseguita per altri motivi. I Suoi sintomi non sembrano essere caratteristici né di un sanguinamento né della presenza di un aneurisma, ma piuttosto di uno stato di stress favorito dalla "clausura" forzata di questo periodo.
Mi sentirei di tranquillizzarla, ma so che non sarebbe facile in un momento in cui l'ansia, il nervosismo sono difficili da tenere sotto controllo e inoltre sarebbe quasi una diagnosi che a distanza non è possibile.
Le posso solo dire che il mal di testa da aneurisma non recede con il riposo ed ha, come detto, sintomi patognomonici ovvero del tutto specifici.

Cerchi di evitare motivi di tensione, sia ben predisposta verso i Suoi genitori, perenti ed amici, usi il Suo tempo con buone letture, eviti di consultare il dr. Google.

Auguri
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore!!