Ernie e difficoltà erezione

Salve a tutti...
Sono un ragazzo di 35 anni, diabetico da 33 anni, che nell ultimo anno sto avendo diversi problemi fisici, pelvici e di erezione...
Tutto è iniziato a aprile d 2020... Bruciore strano improvviso alla vescica, dolore pelvico, da lì disfunzione erettile e problemi di fastidio all ano...

Andai dal mio dottore che mi disse che probabilmente era una prostatite... E mi diede un antibiotico... Tempo 1 mese non era cambiato nulla, decisi allora di andare da un andrologo che mi disse so che avevo una prostatite ma che soffrivo molto nel tratto lombo sacrale e mi consiglio di fare rm... Coi farmaci dell urologo mi passo tutto...e di mio evitati la rm... Fatta ottima estate a settembre ecco ricaderci... Questa volta con un forte male ala schiena e vari fastidi tutti dal lato destro del corpo... Sempre bruciore ad urinarie, male pelvico intenso, disfunzione ecc ecc... Tornai dall urologo che mi disse si che vi era altra prostatite ma mi obbligo a fare rm lombo sacrale per il solito dolore che percepivo durante il suo controllo...

Faccio allora rm... Mi han trovato ernie disco l5-s1 e l1-l2...

Mi han consigliato cura cortisonica che da diabetico non è il massimo... La sto facendo ora da due giorni il male non è passato (ovviamente è solo 2 giorni...)... Però vi chiedo... È possibile avere tutti questi intoppi nell erezione?
Dal non averne proprio dopo i farmaci prostata da sdraiato ho erezioni ottime da in piedi invece (posizione dove soffro molto il mal di schiena e sento male a nervi fondoschieba, pelvici e fastidi) non riesco più ad averne... O per lo meno le perdo dopo pochissimo...

Sto impazzendo, ho speso un sacco di soldi... Vorrei capire... C'è il caso che quest ernia abbia creato tt ciò??
È risolvibile il mio problema?
Vi giuro che con tutti i soldi lasciati e il fastidio male che ho avrei bisogno di consigli... Grazie mille
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
In teoria può ben esserci una componente compressiva lombosacrale responsabile o corresponsabile della sintomatologia.
Bisognerebbe anche vedere le immagini della rmn e che un Neurochirurgo La visitasse per constatare se la compressione ha dato anche altri segni (meningismo, deficit di motilità e/o sensibilità....).
Dopo visita neurochirurgica si potrà dire qualche cosa in più.
Cordialità.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore.. Quindi può essere che i miei problemi di faticosa erezione da posizione eretta possono c entrare con questo problema? Nel caso vi è il rischio di aver creato danni irreparabili?
[#3]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Non saprei dirglielo a distanza, non avendoLa mai visto.
Si scelga un Neurochirurgo e si faccia vedere. Saprà essere più preciso.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa