Rossore attorno al meato urinario, cosa potrebbe essere?

Salve, sono un uomo di 28 anni e da 7 mesi ho un evidente rossore attorno e all'interno del meato urinario che mi comporta bruciore durante la minzione (soprattutto al mattino), durante l'eiaculazione e in alcuni momenti della giornata.

Mi è comparsa alcuni giorni dopo un rapporto non protetto.

Sono andato a visita dall'urologo pediatrico che mi ha operato qualche anno fa di ipospadia che mi ha prescritto urinocoltura e spermiocoltura che hanno avuto esiti negativi.

Dopo qualche mese (in cui ho preso tanti farmaci) ha sospettato che fosse prostatite.

Tra i vari antibiotici ho fatto uso anche di zitromax che poi ho dovuto prendere durante la mia convalescenza da covid tra ottobre e novembre.

Quando ha avuto il sospetto di prostatite mi faceva l esplorazione anale che mi provocava parecchio dolore sia nell ano che alla punta del pene.

A distanza di 7 mesi purtroppo il rossore c'è ancora e non vedo miglioramenti.

Ho deciso di contattare il mio medico di base che mi ha prescritto un tampone uretrale (dolorissimo...esito negativo) e una ecografia addominale inferiore (che ha evidenziato un peso della prostata di 29 g).

Ho sentito parere di un altro urologo che sostiene che sia un problema legato alla sovraesposizione della mucosa del meato dovuto all intervento di cui sopra.
Sto facendo uso di alcuni prodotti consigliati da lui come quinovit e dermobiogena ma il rossore e il bruciore durante la minzione non scompaiono.

Prima di andare a dormire applico il quinovit (una pomata) e la mattina controllando il pene, sembra ci sia del liquido che non so se sia una secrezione o un residuo della pomata.

In questi giorni ho avuto un rapporto orale passivo con una donna e mi sembra che il bruciore sia aumentato dopo questo.

questa cosa mi deprime molto.

Secondo voi cosa può essere e come posso risolvere?

Certo di una vostra risposta vi ringrazio per la disponibilità.
[#1]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
Spesso il meato uretrale si arrossa per cause legate alla trazione del Frenulo o dell'area ventrale.
La visita Dermatologica Venereologica chiarirà se si è in presenza o meno di una dermatosi genitale
info su www.peniscopia.it
Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dopo aver effettuato due tamponi uretrali (dolorosissimi durante e dopo per la mia situazione clinica) è stata riscontrata la presenza di una numerosa colonia del batterio Klebsiella pneumoiae. L'Urologo, visionato l'antibiogramma, mi ha prescritto una cura di Bactrim (2 cp al gg ogni 12 h per 7 gg). Sono al sesto giorno ma non vedo miglioramenti per quanto riguarda il rossore/gonfiore del meato e il bruciore minzionale (soprattutto mattutino). La mattina ancora vedo residui di liquido trasparente all'interno del meato. Ormai è quasi un anno che ho questa problematica e l'urologo mi ha suggerito di fare un intervento per ricostruzione del meato visto che i precedenti interventi per ipospadia (di 5 anni fa) secondo lui non sono andati a buon fine.
Psicologicamente sono a terra..

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio