Balanopostite

Buon pomeriggio...circa due tre settimane fa a seguito di un rapporto protetto ho incominciato ad avvertire una sensazione di freddo sul prepuzio...dopo un giorno/due circa si è evoluta in una postite un po' dolorosa alla minzione...dopo un consulto col medico di base ho fatto ti una cura di monuril e travocort (quest' ultima ancora in uso).

Anche se con meato ancora gonfio ad oggi non percepisco più dolore anche se quando urino sento "sforzare" leggermente l uscita penso per via del rigonfiamento.

Ho fatto una visita urologica dove non è stato riscontrato nulla di anomalo se non il frenulo corto anche se elastico.

A seguito di auto masturbazione però stamattina mi sono svegliato con il meato nuovamente gonfio e qualche macchiolina rossa (balanite) sul glande...due o tre...
Ieri ho fatto un urinocoltura e sto aspettando il referto, ma mi chiedevo cosa potesse essere...
Vedo un netto miglioramento se faccio un bagno caldo ma non mi spiego perché sembra peggiorare talvolta...
Grazie mille anticipatamente...
[#1]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
Molto semplicmente: manca la diangosi.

Questa diagnosi è possibile sono in sede dermatologico venereologica mediante visita e peniscopia digitale (info su www.peniscopia.it)

Pertanto utile la sospensione di terapie empiriche senza diagnosi precisa

Info ulteriori su www.balanopostite.it

saluti
Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Allora sono stato da un dermatologo venerologo che mi ha diagnosticato una dermatite seborroica.
Ora, dopo una settimana di pomata a base cortisonica e una lenitiva che dovro continuare a mettere il rossore va diminuendo (al di fuori di quando ho un rapporto che ritorna rosso e la postite peggiora gonfiandosi per poi retrocedere) ma la situazione sembra stabile senza avere una guarigione completa ....per intendersi il meato sembra gonfio similmente a una pelle in eccesso piuttosto che a un gonfiore lucido e rosso. Quando urino si rigonfia appena ma migliora quasi subito.
Nel frattempo da donatore ho fatto un test trinat ecc a circa 50 giorni e più dalla comparsa, con esito negativo.
Mi chiedevo come mai non vi è una reale guarigione.
Urinocoltura e visita urologica cmq negativi.
Cosa ne pensa?
I test sono attendibili?
Continuo con la cura della pomata lenitiva...?
Posso in caso di rigonfiamento riutilizzare la pomata cortisonica(non ricordo il nome ma inizia con la L e la confezione è gialla e bianca) o proseguo solo con la pomata lenitiva visto che i sette giorni di cura sono già passati?
Grazie mille

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio