Utente 167XXX
Buongiorno,

son un ragazzo di 29 anni ed è la prima volta che scrivo, ho da circa 2 settimane dolori strani che non riesco a spiegarmi. E' cominciato tutto da un formicolio in una striscia sotto la scapola sinistra, dopo 4 giorni circa, il formicolio è passato alla piante dei piedi fino a diventare bruciore forte come una scottatura, soprattutto di notte e quando sono seduto. son stato in ferie una settimana nella mia casa di montagna, e mi son venuti altri dolori come al polso destro, e al bicipite destro.
Tornato al lavoro questa settimana ho avuto la "bella" notizia che un mio stretto collega con cui lavoro 8 ore al giorno ha preso la tubercolosi.. così il medico del lavoro ieri ( lunedì ) ci ha fatto il test della tubercolina dicendoci di aspettare fino a giovedì per vedere se siamo positivi o negativi, cogliendo l'occasione gli ho raccontato i miei dolori così mi ha provato la pessione che era 150 mas 80 min, mi ha fatto coricare e ha provato le reazioni nervose col martelletto a ginocchia gomiti, caviglie mi ha fatto tirare con forza in alto le braccia. In conclusione mi ha detto che i riflessi rispondevano, e avevo la massima un pò alta ma non voleva dir nulla ( forse dovuti alla notizia.. ), per gli altri dolori non mi ha saputo dire..

Ad oggi i dolori che mi sono rimasti sono bruciore alla pianta dei piedi quasi fisso tutto il giorno, e soprattutto la notte il bruciore passa anche ad altre parti del corpo quando mi gratto o sfrego contro a qualcosa, ho provato a mettere del ghiaccio ma il dolore aumenta subito dopo, proprio come una scottatura solare, giramenti di testa, gambe stanche, formicolio e bruciore più lieve sotto la scapola sinistra, mani e piedi freddi con sudorazione, e dolori dietro al ginocchio sopra il polpaccio.

Sono allergico alle graminacee pollini polvere ecc.. ed ad aprile ho fatto una puntura di cortisone, ed ho anche avuto 4 anni fà il fuoco di sant'antonio, che si è ripetuto più lieve anche 2 anni fa.
Il mio lavoro è molto stressante, lavoro in ambito informatico, son sempre di corsa, e tutti i giorni moltissime persone che mi "stressano" per problemi informatici.

Non sono ancora andato dal mio medico curante, perchè è in ferie ma lo farò al più presto o al massimo dal sostituto, o solo guardato su internet i miei sintomi e mi sono molto preoccupato e mi è venuta molta ansia.

Grazie mille per il consulto e spero di essere stato chiaro, e di aver seguito le regole correttamente.

[#1]  
Dr. Rosario Vecchio

48% attività
4% attualità
20% socialità
SIRACUSA (SR)
AUGUSTA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Caro Utente

Per il disturbo che descrive è necessario eseguire una visita neurologica
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#2] dopo  
Utente 167XXX

Premetto che sono molto ansioso e ho il terrore di avere la SM, e spesso da 3 mesi penso di averla.. in famiglia nessuna malattia ( mio padre 2 infarti lievi e stent, mio fratello psoriasi).

In seguito al suo consiglio le scrivo le visite che ho fatto e i problemi che ancora oggi ho:

Fine Luglio:

Pronto soccorso,1° visita neurologica:

Dolori urenti ai piedi da diversi gg precedenti da parestesie interscapolari 15 gg fa. Obbiettività Neurologica nei limiti. Si consiglia RM dorso-lombo-sacrale e studio neurofisiologico compresi SEP.
Terapia con Pregabalin.
Esami sangue ANA,TSH,HCV,Anticorpi antiborrelici,fattore reumatoide.

RM Dorso-lombo-sacr TSE assiali e sagittali negativa:

Non significativi segni di spondiloartrosi.Ernia Di Schmorl in D7. Focalità disomogeneamente iperintensa rotondeggiante a carico del soma di D11 e L3.La valutazione dei singoli spazi discali intervertebrali mostra: L3-L4 non stenosi significativa del canale midollare ne dei forami di coniugazione. D5-D6,D6-D7,L4-L5 e L5-S1 building discale post che impronta lievemente il sacco durale anteriore,non stenosi significativa nel canale midollare ne' dei forami di coniugazione.

Esami del sangue: negativi.

Vado in panico ( avrei preferito aver un'ernia ) disrutto dall'ansia faccio una 2° visita neurologica: la dottoressa mi fa la visita le dico le mie paure della SM mi tranquillizza dicendomi che non avevo nulla di grave "NON SEGNI DI INTERESSAMENTO DEL SNC" consiglio EMG.

EMG negativa: ENGrafico ed EMGrafico nei limiti della norma.SEP del nervo tibiale posteriore, SEP nervo mediano:tempo di conduzione sensitivo periferico e centrale nei limiti della norma bilateralmente.

Agosto mi tranquillizzo un pò e vado in ferie i dolori col pregabalin passano quasi del tutto smetto la terapia, anche perchè mi dava disturbi di "testa vuota pesante".

Settembre torno al lavoro e noto quando sposto gli occhi e guardo su una superficie chiara una macchiolina tipo strisce e puntini neri occhio sx "mosche volanti", terrore di avere una neuirite ottica.

Visita oculistica il dott mi dice niente di grave,10/10 ha entrambi gli occhi, e che è una cosa normale nei giovani guardo su internet "miodesopsie".

Tornano i dolori muscolari bruciori,e mi fischiano le orecchie.

Vado da uno psicologo,mi dice che potrebbe essere "ansia da somatizzazione", continuo la terapia a tuttoggi.

Per togliermi il dubbio SM faccio una
RMN encefalo (senza liquido di contrasto) TSE E FLAIR sezioni trasversali,coronali sagittali sequenza mirata sulla fossa craniale posteriore:
non processi a carattere espansivo nè aree parenchimali di alterato segnale compatibili con lesioni ischemiche recenti o progressive.sistema ventricolare in asse,taglia regolare.non dimorfismi ne malformazioni vascolari artero-venodo o cavernoso non lesioni ossee focali.
Preciso che la macchina della RM era di quelle aperte che mi hanno detto esser "più precise".

Faccio una visita da un'osteopata, mi dice che ho la schiena compressa e una vertebra appena spostata allo stesso modo di chi fa un incidente e me la "scrocchia".

Ad oggi: dolori bruciori fascicolazioni form pruriti schiena gambe polpacci pianta piedi (la sensibilità caldo freddo tatto non l'ho mai persa ), fischi alle orecchie, cervicale ( questo anche prima di questo periodo.. ), i dolori sono più acuti e diminuiscono dipende dai giorni. a volte mi sento un "fiammifero" e andare a fuoco. prendo vitamina b12 in pastiglie da 2 gg.

Ho chiesto un consulto in medicina generica e gentilmente
mi ha risposto il dott. Alberto Calvieri Scienza dell'alimentazione Medicina di base dicendomi che la componente d'ansia associata anche ad una postura viziata probabilmente da molte ore passate al computer su di una sedia o poltroncina non ergonomica, possano dare una risposta molto vicina alla soluzione del suo problema, e di fare una visita da un fisiatra.

Ho letto su alcuni siti, in cui dicono che le lesioni più piccole da SM si vedono solo con rmn con mdc contrasto,le volevo chiedere se posso escludere la sm o se devo fare questo esame?
Se questi dolori possono essere psicosomatici come dice il mio psicologo o come dice il dott. Calvieri, dovuti ad ansia e postura, oppure dolori neuropatici ?
Mi consiglia anche lei la visita fisiatrica o qualche altra visita?
Devo continuare con la vitamina b ?

Inoltre se mi può spiegare meglio la RMN dorso lomb sacr, non ho capito " Ernia Di Schmorl in D7, building, Focalità disomogeneamente iperintensa rotondeggiante a carico del soma di D11 e L3 " ecc..
Queste cose possono dare questi sintomi ?

L'unica cosa che mi ha fatto andar via i dolori è stato il pregabalin, le volevo chiedere se quando i dolori sono forti posso riprendere questo farmaco ?

Anche se ho già avuto una risposta dal dott Calvieri le volevo far vedere le risposte degli esami che ho fatto, e chiedere anche il suo parere da neurologo.

Le prego gentilmente di rispondermi a tutti questi dubbi che mi rimangono sempre in testa.

Grazie Mille.

Distinti saluti.

[#3]  
Dr. Rosario Vecchio

48% attività
4% attualità
20% socialità
SIRACUSA (SR)
AUGUSTA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Caro Utente

l'assenza di alterazioni ad un esame di RM anche se eseguita senza mdc può sicuramente tranquilizzare. Inoltre a quanto scrive ha eseguito 2 valutazioni neurologiche risultate negative. Sbilanciarsi su una possibilità diagnostiche online è impossibile, ma l'ipotesi fatta dal collega che Le ha risposto è plausibile, ma va confermata con una valutazione diretta. Il pregabalin oltre ad essere un farmaco per il dolore agisce anche sulla componente d'ansia. Sulle modalità di assunzione del pregabalin e degli altri che scrive è necessario chiedere al collega che li ha prescritti.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#4] dopo  
Utente 167XXX

Mi scusi ancora se la disturbo,

a dir la verità i 2 neurologi che mi hanno visitato mi hanno tranquillizzato e detto che le 2 visite erano negative. La RMN all'encefalo è stata una mia scelta, il neurologo me l'avrebbe prescritta solo per tranquillizarmi.

Ad ogni visita mi convincevo e i dolori diminuivano. Col passare dei giorni però anche leggendo diversi forum, trovavo smentite o persone che anche con visite neurologiche negative poi hanno sviluppato la malattia SM.
Persone che hanno ricevuto diagnosi anche dopo 10 anni dai primi sintomi.

Qui a detto di tanti i medici tendevano a "sdrammatizzare" e ad attribuire allo stress e ansia, magari sintomi che erano solo all'inizio.
Purtoppo essendo ipocondriaco e ansioso non riesco ad attribuire questi dolori ad ansia, non riesco proprio ad accettarlo.

E qualsiasi esame io faccia mi rimane il dubbio.

Volevo quindi sapere se il pregabalin mi ha dato benefici in quanto potrebbe aver calmato la mia ansia?

Se magari è giusto aspettare magari un paio di mesi per vedere come và e magari se non stò meglio fare una RMN con Mdc?

Se tutti gli esami che ho fatto e la RMN, dovevano trovar qualcosa che non va ?

Se è meglio approfondire con una visita fisiatrica e continuare con la psicoterapia ? ( quando vado dallo psicologo mi sfogo e stò un pò meglio )

Però non saprei e comunque vorrei la massima trasparenza nella sua valutazione, e quello che mi dice comunque lo valuterò con il mio medico curante.

Mi scusi se sono stato un pò schietto, voglio solo togliermi dei dubbi.

La ringrazio molto se vorrà rispondermi.

Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Rosario Vecchio

48% attività
4% attualità
20% socialità
SIRACUSA (SR)
AUGUSTA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile Utente

mi sembra giusto chiedere e valutare con il Suo curante la situazione e i consigli che può ricevere in questa sede. Purtroppo via web, non avendo a disposizione la visione degli esami eseguiti e non essendo possibile una visita diretta non si può ne "sdrammatizzare" su certe problematiche ne all'opposto creare allarmismo e preoccupazione. Si può, invece sicuramente cercare di dare delle maggiori delucidazioni sul problema esposto e fornire consigli che possano essere utili per risolvere il problema. Cercherò pertanto di fare ciò sperando di esserLe utile. Nella diagnosi di SM la RM è un esame fondamentale. In genere quando l'esame di base è negativo non si ritiene necessario (a meno di sintomatologie talmente esclatanti da lasciare dei dubbi sulla reale negatività dell'esame) eseguire delle scansioni con mezzo di contrasto che invece viene utilizzato se nell'esame di base si evidenziano delle alterazioni. Se l'esame è stato eseguito con una macchina con buone capacità di risoluzione (1-1.5 Tesla) lo ritengo attendibile. Non ritengo utile e prudente, invece, sottoporsi a degli esami strumentali (soprattutto una RM con mezzo di contrasto senza che questa sia consigliata da uno specialista). Il pregabalin, come Le dicevo, è un farmaco attivo sia sul dolore che sull'ansia. La visita fisiatrica la ritengo utile e pertanto gliela consiglio. Il supporto psicologico che a quanto riferisce Le da beneficio lo continuerei. Mi faccia sapere
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#6] dopo  
Utente 167XXX

Ho sentito il centro dove ho fatto la RM, mi hanno detto che la risoluzione è di 0.23 tesla!!

Ottimo! ma perchè fanno spender dei soldi con esami inutili !!! è adesso cosa faccio ??


Se sento il neurologo, mi dice che non ho niente e di lasciar stare, ma io non mi sento bene e tranquillo !!

Cosa mi consiglia di fare ??

Grazie Mille.


[#7]  
Dr. Rosario Vecchio

48% attività
4% attualità
20% socialità
SIRACUSA (SR)
AUGUSTA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Caro utente

Una risoluzione minore di 1 testa non e' sufficientemente accurata per lo studio del sistema nervoso e del midollo in particolare. Quella midollare che risoluzione aveva?
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#8] dopo  
Utente 167XXX

La stessa macchina..

Quindi ora cosa mi consiglia di fare? una visita fisiatrica sentire il neurologo oppure mi prenoto
la rm completa con 1,5 tesla ( ho già visto un centro dove le fanno ).

So già che se sento il neurologo che mi ha visitato mi dice che non ce n'è bisogno, ma
io non mi sento tranquillo e i dolori ce li ho ancora.

La prego di rispondermi presto son un pò in ansia.

grazie mille.

[#9] dopo  
Utente 167XXX

Quello che mi chiedo è il motivo per il quale il neurologo non mi ha detto di fare una rm con 1,5 tesla?

Perchè non mi ha spiegato questo particolare?
Quello che ho capito è che non ne hanno sentito la necessità, in quanto le 2 visite son risultate negative.

Probabilmente il primo neurologo dell'Az Osp. che mi ha visitato ha pensato che avessi un'ernia o un disturbo al Sistema nervoso periferico.
Il secondo neurologo con il risultato della rm - Dorso -lombo -sacrale negativa per quanto riguarda ernie, mi ha detto che la visita era negativa, e che avrei potuto anche non fare l'emg, io per paura l'ho fatta comunque.

In seguito a queste visite ho prenotato una Rm all'encefalo da solo e non sapevo nulla della Risoluzione della RM.
E' stato un mio errore ma comunque nessuno mi ha detto " se ti vuoi fare una Rm all'encefalo falla con 1,5 tesla" !

La prego di farmi sapere cosa pensa e cosa sia meglio fare.

Grazie mille.

[#10]  
Dr. Rosario Vecchio

48% attività
4% attualità
20% socialità
SIRACUSA (SR)
AUGUSTA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile Utente

le macchine con risoluzione inferiore a 1 Tesla sono diffuse (specie quelle "aperte"). Le macchine aperte sono più recenti da un punto di vista tecnologico ma meno precise sulla qualità di immagine del tessuto nervoso. In genere si usano per l'apparato osteo-articolare o nel caso che il paziente soffra di claustrofobia. Sicuramente offrono una risoluzione migliore di una TC encefalo, ma non sono il top nello studio non tanto dell'encefalo quanto del midollo spinale. Il consiglio può essere quello di far rivalutare in quest'ottica la situazione al collega neurologo.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio