Utente 274XXX
Salve, vorrei pf esporre il caso di mio marito.
Agosto 2006 prima crisi epilettica..era solo a casa, sdraiato sul divano, tele accesa periodo di forte stress, poche ore di sonno. 12-15 ore di lavoro stressante (campo della ristorazione)
visita neurologica con EEG e RM tutto nella norma. Farmaco Urbanil per precauzione
Ottobre 2006 seconda crisi...stessa cosa che sopra (casa da solo, sdraiato divano, tele accesa, periodo di stress anche se non come ad agosto, preoccupazioni per la crisi avuta in precedenza).
Mio marito pesava più di 100 kg e mangiava malissimo (insaccati, mayonese, cose grasse...e questo da molti anni).
Neurologo da secondo EEG visto una piccola attività epilettica quando gli veniva fatto il flash negli occhi...ma a parte questo niente. RM niente di anomalo. Il neurologo prescrive il farmaco Tegretol e pian piano toglie urbanil.
Mio marito si mette a dieta e ora pesa 75-80 kg (altezza 170-175)
Da allora fino ad oggi (gennaio 2011) non ha più avuto crisi. EEG nella norma a parte una volta che c'era un piccolissimo punto dove c'era attività epilettica...rifatto quindi RM ma niente di anomalo.
Dopo più di 4 anni con crisi assenti..il neurologo ha deciso a inizio 2010 di ridurre piano piano il farmaco (come diceva lui gli dava delle dose da "Barbie" quasi come se non le prendesse) e a maggio 2010 la sospensione definitiva.
Ora mia marito, sono passati 7 mesi dalla sospensione, sta bene ma abbiamo sempre molta paura. Abbiamo letto che la maggior parte di coloro che smettono i farmaci hanno ricacdute e crisi...questo generalmente entro i 6 mesi/ 1 anno.
Non sappiamo più come calmarci...ho paura che gli possa succedere in auto...e non riesco più a lasciarlo solo!!!
Cosa mi consiglia? è giusta la decisione del nostro neurologo?
Attendo con impazienza la risposta.
Beatrice

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora Beatrice,

se sono passati 7 mesi dalla sospensione del tegretol (a quale dosaggio veniva assunto?) le probabilità di recidiva delle crisi sono basse. A scopo precauzionale sarebbe utile che Suo marito non faccia abuso di alcolici e non vada in privazione di sonno. Per il resto state tranquilli, non faccia pesare questa situazione di ansia perchè la tranquillità è un elemento molto importante.
E poi se il neurologo ha preso questa decisione significa che si sente abbastanza tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 274XXX

salve, grazie mille per la sua veloce risposta.
le rispondo subito...

il tegretol all inizio veniva preso in dosi
di 1 pastiglia e 1/2 la mattina e 1 pastiglia e 1/2 la sera!

circa tre anni la dose era : 1 mattina e 1 sera

circa due anni fa la dose era: 1 mattina e 1/2 la sera

circa un anno fa la dose era: 1/2 mattina e 1/2 la sera

ultimi mesi dose era: 1/2 la mattina, un giorno si e uno no

Poi a maggio 2010 ha smesso.

Questo è circa il dosaggio usato...i periodi esattamente precisi non ce li ricordiamo ma più o meno sono quelli che abbiamo scritto.

Grazie mille

Beatrice

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

ritengo che possiate stare tranquilli. Il rischio zero non esiste in queste situazioni, anche nella popolazione generale il rischio esiste sempre anche per chi non ha mai avuto di questi problemi. Ma dobbiamo pur vivere e non possiamo restare in ansia in attesa di un evento sfavorevole che si potrebbe verificare.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 274XXX

salve,ecco che le scrivo ancora.
Vorrei un suo parere.
A mio marito, come capita tutti gli anni, ha dei forti giramenti di testa...gli vengono in modo improvvisio con sudorazione, diventa pallido e deve sedersi altrimenti non riesce a stare in piedi o rovescia quello che in mano (bicchieri o piatti). Anche quest'anno, circa stesso periodo dell'anno scorso, ecco che si ripresente.
Ha orecchie che spurgano, naso intasato. Magari per qualche giorno sta meglio poi per un giorno o due giramenti forti e poi magari per un po più niente.
Ora era 3-4 giorni che stava abbastanza bene e ieri ha cominciato ad avere questi capogiri forti, sta notte anche tutta la notte, e quest'oggi invece non forti ma continui.
Tutti gli anni gli dicono che è labirintite.
Pensa che possa essere questa cosa anche ora?
Come le ho detto, tutti gli anni la fa e sente che i sintomi sono uguali alle altre volte....!
Potrebbe essere qualche tumore nascosto (dato che, come ved sopra, ha fatto molte risonanze e EEG dovuti a crisi epilettiche anche se non gli hanno mai trovato niente).
Mio marito le ricordo ah 28 anni.
Saluti, attendo con impazienza una sua risposta.
saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

se le vertigini vengono avvertite come le altre volte e le varie RM effettuate in passato sono negative, non pensate a tumori cerebrali.
La labirintite potrebbe essere possibile, la diagnosi l'ha fatta un otorino?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 274XXX

salve, quello di cui avevamo paura si è verificato.
Ieri sera, mio marito (28 anni) ha avuto una crisi epilettica dopo 5 anni che non ne aveva più. Come descritto sopra era da maggio 2010 che non prendeva più il tegretol.
Era in bagno subito dopo cena e ha cominciato a uralre "aiuto...aiuto...aiuto". Poi si è sentito il Tonfo che cadeva e cominciava a sbattere perdendo coscenza e mordendosi la lingua.
Cè da precisare che, anche questa volta, era in un periodo abbastanza teso, sempre continui pensieri e il cervello mai "spento" ma sempre pensieri su pensieri....e questo sicuramente ha contribuito molto.
Putroppo si era chiuso in bagno e abbiamo dovuto sbattere giù la porta.
Col cadere si è lussato una spalla...niente di grave...e ha picchiato la testa ma niente di grave.
Questa sera ha ricominciato il tegretol (1 pastiglia tutte le sere per poi aumentare graduatamente).
Prenderà abbinato anche Urbanyl....che se non erro, sono ansiolitici.
Se la cura era funzionata nel 2006 tenendo lontano le crisi funzionerà anche questa volta?
Sono molto spaventata....ho paura a pensare di stare a casa da sola con lui...se succede...!
Con tegretol preso per ora 1 tutte le sere...e poi sempre di più....fino ad arrivare a 1 mattina e 1 sera...possiamo stare tranquilli?
saluti

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se da maggio 2010, senza terapia, Suo marito non ha avuto crisi, a maggior ragione adesso che è in terapia dovrebbe essere coperto. A volte l'eccessivo stress può fare scatenare questi attacchi in soggetti predisposti. Ovviamente non si può predire il futuro ma le probabilità sono davvero basse.
Si tranquillizzi, Signora, e faccia stare sereno pure Suo marito senza caricarlo di eccessive tensioni per quello che è accaduto.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 274XXX

salve, grazie per la sua risposta.
mio marito in questi giorni sta bene...prende un tegretol al giorno e un 1/2 urbanyl la mattina e 1/2 la sera.Questo abbinamento per far si che sia coperto tutto il giorno per poi arrivare pian piano a prendere un hurbanil la mattina e una la sera Il neurologo dice che non dovrebbero esserci problemi. Ma nonostante questo io non riesco a tranquillizzarmi e ho una paura folle...e continuo a pensare a quel che successo e cosa fare se capita, e se picchia la testa, e ha il cosi detto male epilettico (crisi di fila)...sto davvero male dentro di me.
Ora la mia domanda è questa...ma se prima tegretol ha fatto effetto sarà così anche ora? Già da adesso con qusto dosi basse è protetto mio marito?
Mio marito dice che gli sembrava che la crisi era più forte delle prime due avute 5 anni fa.
A fine luglio e ad ottobre 2006....in tra mezzo a questi 3 mesi prendeva solo urbanil perché si pensava fosse una crisi isolata poi cominciato con tegretol fino a 2010 e ora dopo un anno di sospensione arrivata terza crisi e lui appunto dice un po più forte). Cosa ne pensa? come mai potrebbe essere stata più forte? e anche se è stata più forte cmq prendendo 1 tegretol e 1 urbanil al giorno è sufficente per ora a proteggere? o ento pochi giorni/settimane potrebbe riprensentarsi una crisi perché il dosaggio non è sufficente?
Attendo una sua risposta.
Grazie mille per la disponibilità.
saluti

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se il tegretol ha ben funzionato la prima volta, statisticamente dovrebbe funzionare anche stavolta. Il fatto che Suo marito giudichi questa ultima crisi più forte delle altre è puramente soggettivo in quanto il paziente non è in grado di quantificare l'entità stessa della crisi e poi questa entità ha poca rilevanza clinica in quanto non è predittiva di un peggioramento del problema.
In atto è parzialmente coperto ma quando arriverà a due cpr al giorno di tegretol dovrebbe essere ben coperto.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 274XXX

grazie per la sua risposta.

Ora fino a domani prenderà le seguenti dosi:

mattina: 1/2 urbanyl
sera: 1 tegretol e 1/2 Urbanil

poi da sabato 10.09.2011 la seguente:

1/2 tegretol la mattina e 1 la sera
(più ancora 1/2 urbanil la mattina +1/2 la sera)

poi da sabato 17.09.2011 la seguente:

1 tegretol mattina e 1 tegretol la sera
(più ancora 1/2 urbanyl la mattina per un paio di giorni per poi restare solo su tegretol 1 mattina e 1 sera).

Come vede la cosa? può andare bene secondo lei?
possiamo stare tranquilli?
Il nerurolgo dice che sono dosi minime ma che secondo lui per mio marito sono giuste.

La nostra paura è che mio marito è farmacoresistente...si sente parlare tanto di questo....

Sono tanto preoccupata.

Saluti e grazie

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la modalità di incremento graduale del tegretol è corretta.
Quale dosaggio del tegretol assume Suo marito?
In passato, durante la terapia, ha avuto crisi epilettiche?

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 274XXX

salve,
mio marito assume Tegretol 200 (pastiglie bianche) mentre gli anni scorsi ha assunto le pastiglie tegretol arancioni ma penso cmq che era dosaggio 200.
In passato come detto ha avuto la prima crisi a Luglio 2006 poi ha preso solo Urbanyl e ad ottobre 2006 ha avuto la seconda crisi. Da li partita la cura con tegretol abbinato ad urbaniyl (poi urbanyl smesso graduatamente). Maggio 2010 ha smesso (graduatamente) Tegretol e non ha più avuto nessuna crisi fino a lunedi scorso. (quindi durante la cura con tegretol non ha avuto crisi).
sul referto cè scritto: "crisi focale secondariamente generalizzata" cosa sarebbe? è la crisi grande male? (vedi dettagli dell'avento che ho scritto nei post precedenti)
saluti e grazie

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con questo termine s'intende un tipo di crisi epilettica che inizia in una zona circoscritta del cervello e poi, quindi secondariamente, si propaga a tutta la corteccia cerebrale. Non si tratta di Grande Male in cui la crisi è primitivamente, cioè dall'inizio, generalizzata. Ok per dosaggio del tegretol. Il fatto che in passato, sotto la stessa terapia, non abbia avuto attacchi, dovrebbe tranquillizzarvi. In ogni caso non esiste una terapia farmacologica antiepilettica che mette sicuramente al riparo da crisi.
Cercate di stare entrambi sereni.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 274XXX

salve, grazie per la risposta.
Non si tratta di grande male...ok...ma questo anche se le fasi che succedono sembrano proprio quelle di grande male?
La sua frase "in ogni caso non esiste una terapia farmacologica antiepilettica che mette sicuramente al riparo da crisi" mi ha messo un po in agitazione...io pensavo che se un farmaco lavorasse bene su un epilettico questo poteva considerarsi un antiepilettico sicuro e che ripara da crisi.
Lo so che il farmaco in precedenza teneva lontano da crisi....ma abbiamo paura che dopo aver smesso e poi ricominciato dopo un altra crisi non faccia più effetto...!
Sto semrpe a pensare se succede, cosa fare, come comportarmi, se cade e muore perché picchia su vetro o picchia la testa forte....non so più come calmarmi.
Lui ora dorme molto, è sempre stanco e sta sempre sdraiato perché si sente un po rintontito con le pastiglie di urbanyl e tegretol.
ho paura a lasciarlo solo....e questo non va bene...!
Da domani 1/2 tegretol la mattina e 1 la sera.
e 1/2 mattina e 1/2 sera di Urbanyl.
da domani è già meglio coperto?
saluti

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

si tranquillizzi e non si faccia prendere dall'ansia. La sonnolenza e la stanchezza di questi giorni è dovuta all'inizio della terapia farmacologica. Dopo il primo periodo questi effetti dovrebbero ridursi, a volte fino a scomparire.
Suo marito è già coperto attualmente e meglio lo sarà quando assumerà il dosaggio pieno, prescritto, del farmaco.
Sapesse quante persone ci sono con i problemi di Suo marito, molte di queste persone lavorano regolarmente, si sposano e fanno figli, cioè vivono una vita normalissima. Auguro anche a Voi che possa diventare così.
Signora, si rilassi e faccia rilassare Suo marito senza creare tensioni o preoccupazioni eccessive in casa. Un consiglio da amico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille....grazie per le sue parole.
Volevo ancora solo farle una domanda...per curiosità...se il farmaco non dovesse essere abbastanza "copertivo" e ci fosse ancora una crisi...prendendo cmq il farmaco la crisi dovrebbe essere più debole o tranquilla rispetto a quando non prendeva il farmaco?
e poi...è normale che da luglio 2006 a ottobre 2006 abbia avuto ancora una crisi prendendo solo urbanyl? (non è un antiepilettico quest'ultimo?).
grazie mille
saluti

Beatrice

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

l'Urbanyl è una benzodiazepina e non è un antiepilettico puro ma generalmente si dà, in alcune forme, associato ad un antiepilettico.
Circa l'eventualità che la crisi sopraggiunga più lieve anche in trattamento col Tegretol, non è possibile stabilirlo prima.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille.
cercherò di seguire i suoi importanti consigli.
Solo una cosa ancora...quindi lei crede che se non era farmacoresistente prima...non lo è neppure adesso? Se tegretol aveva fatto la sua giusta protezione....dovrebbe farla anche adesso senza particoalri problemi?
Oppure è possibile che interrompendo il farmaco e avento avuto una crisi mio marito (come molti casi che ho visto in internet) sia diventato farmacoresistente?
Le persona farmacoresistenti (20-30%) hanno condizioni e epilessia particolari difficili da gestire? sono spesso bambini? Oppure esistono anche molto epilessie come quella di mio marito (focali secondariamente generalizzate) sono spesso farmacoresistenti?
Oggi ha cominciato con 1/2 tegretol mattina e 1 la sera. Poi tra 7 giorni 1 mattina e 1 sera e così per sempre.
(so che nel 2006 è arrivato a prenderne circa per il primo anno 1 1/2 mattina e 1 1/2 la sera....quindi meno di ora...cambia tanto per la protezione?)
Come detto poi le crisi per 5 anni sono state via..tra cui 1 anno senza farmaci...quindi penso che con il farmaco dovrebbe essere ben protetto e al sicuro dato che non sono crisi molto ripetute.
Ho ragione?
saluti

[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

le possibilità di diventare farmaco-resistente, nel caso di Suo marito, sono poche soprattutto perchè per un anno non ha avuto crisi nonostante fosse senza terapia.
Come consiglio Le dico di evitare alcolici in maniera eccessiva (anche bevute singole eccessive) e di non stazionare a lungo sotto il sole.
Per il resto faccia svolgere una vita normale.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente 274XXX

salve, volevo ancora chiederle un paio di cose (così mi risponderà tutto assieme)
Mio marito prima prendeva tegretol 200 CR (1 1/2 la sera e 1 1/2 la sera)...ora invece prende tegretol 200 per un massimo di 1 la mattina e 1 la sera.
è vero che, ho letto in internt nel sito di neurologia, la dose che prende ora di Tegretol (1 + 1) corrisponde a quella che prendeva prima 1 1/2 + 1 1/2 di tegretol CR?
Ho letto che praticamente chi prende tegretol normale quando passa a quelle CR dovrebbe aumentare un po la dose.
In questo caso sarebbe giusto che mio marito ora che fa il contrario (da CR a normale, va bene una dose minore)....giusto?
Poi ho letto che di solito la dose consigliata di tegretol è di 400 mg 2-3 volte al giorno...quindi una dose giornaliera di 800-1200???
Mio marito ne prende SOLO 400 in tutto la giorno...è un po rischioso? dovrebbe prenderne di più? oppure secondo lei va bene?
Poi un altra cosa..secondo lei, se dovesse avere ancora crisi, prendendo le pastiglie (cosa che come ha detto lei non dovrebbe), le crisi dovrebbero essere cmq più deboli?
Grazie mille
Scusi ma ho diversi dubbi che volevo chiarire.
Attendo con impazienza una sua risposta a questa e alla precedente mail.
grazie grazie grazie infinitamente

beatrice

[#21] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non esiste una dose standardizzata per quanto riguarda le terapie antiepilettiche ed il tegretol non fa eccezione. Si segue un criterio clinico facendo assumere al paziente la dose minima che produca effetto terapeutico, quindi in questo caso il neurologo ha assunto un comportamento del tutto razionale. Anche la conversione da Tegretol a Tegretol CR e viceversa non ha una regola ben precisa, in linea di massima è come ha letto Lei ma esistono numerose varianti che in medicina sono la regola. Infatti non esiste la malattia con la relativa terapia ma il malato con la relativa cura personalizzata.
I dosaggi di 800-1200 mg e anche oltre in tanti pazienti sono indispensabili, a Suo marito sono stati sufficienti 400-600 mg. Con questo voglio dire l'estrema variabilità delle terapie antiepilettiche.
Nel caso venisse una crisi, sotto terapia sarebbe più lieve? Anche questo non è possibile prevederlo. In epilettologia non esistono regole.
Con questo non voglio assolutamente preoccuparLa ma alle Sue domande devo rispondere in maniera scientifica.
Le rinnovo l'invito a stare entrambi sereni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ok ora ho capito. quindi se a mio marito con 400 mg di tegretol al giorno (2 x 200 mg) è stato per 3 anni senza crisi vuol dire che anche questa volta dovrebbe andare bene questa dose per il suo corpo...giusto?
Lui ha fatto i primi tempi (un po di mesi...forse un annetto a dire tanto) 600 mg al giorno. Poi dopo i 3 anni successivi con 400 mg al giorno. Poi dopo ha cominciato a diminuire....ma la cura è stata per molto tempo 400 mg al giorno.
Un altra domanda....ho letto in molti siti che consigliano, dove cè caduta di mettere il casco...mio marito ha letto e ha detto che si sentirebbe più sicuro...anche a stare in casa quando è solo o quando magari non sta bene....è una cosa positiva secondo lei mettere il casco? lui fa che non gli importa di cosa pensa la gente e che si sentirebbe più sicuro e sereno...si può fare? oppure cè il rischio che cadendo si faccia ancora più male col casco? non so darmi una risposta...
e poi...solo per curiosità....sta sera aveva mal di testa....e avevamo paura che magari è perché era la famosa Aura....che precede una crisi..come si fa a capire?
Cè da dire che oggi siamo stati in giro tutto il giorno, in auto e a spasso col cane e non ha dormito mentre gli altri giorni dormiva molto...potrebbe essere semplicemente la stanchezza? prendendo un Dafalgan per la spalla lussata e cenando poi un po gli era passato...
grazie anticipatamente.
Saluti

Beatrice

[#23] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

la cefalea non è un sintomo di aura epilettica. E poi la maggioranza delle crisi non hanno aura. Mi sa che siete in uno stato psicologico di attesa della crisi, così non si può vivere!!! Anche l'idea del casco è sbagliata, va portato solo in moto.
Non dovete pensare sempre la crisi o parlarne continuamente, non sarebbe vita.
Cercate di vivere serenamente in casa e sul lavoro.
Suo marito non è un "diverso", è una persona come tutti gli altri che, se curato, deve vivere normalmente e fare tutto ciò che ha sempre fatto e nello stesso modo di prima.
Non deve cambiare le abitudini e lo stile di vita di sempre.
Mi raccomando.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente 274XXX

salve, ci sono delle novità. Oggi abbiamo sentito neurologo e ci ha chiesto come andava con il tegretol CR...e noi abbiamo detto che le sue assistenti avevano fatto la ricetta con il Tegretol normale....e lui fa che mio marito è il CR che deve prendere. Quindi sta sera di prendere il CR. come detto quindi lui nel 2006 ne prendeva 1 1/2 mattina + 1 1/2 la sera per un annetto..dopo ne ha sempre prese al max. 1 mattina + 1 sera (senza più Clonazepam ma solo tegreto). ed è sempre stato protetto bene per ancora 3 anni e poi ancora dimunuendolo e ancora per 1 anno senza farmaci. Quindi penso che la dose massima per questa cura possa andare bene per lui. Pesa 80 kg ma quando prendeva tegreto nel 2006 pesava 100 e passa.
In più abbiamo scoperto che potrebbe essere stata facilitata dal bere alcool il giorno prima (vino, eh non poco) e dal mangiare pesante e in fretta e dalla rabbia, ansia e nervoso accumulato nei mesi precedenti. Con il suo continuare a pensare, pensare e pensare tutto si è scatenato. Il cervello non ha più retto. Ha anche qualche disturbo al pancreas, deve mangiare meno dolci, lasciare perdere alcol e caffeina, e mangiare sano. Ultimamente mangiava male (carne maiala grigliata, costine, insaccati, e chi più ne ha più ne metta).
La vede possibile la cosa?
saluti e grazie ancora

Beatrice

[#25] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

ok per la rettifica del tegretol CR, il Suo ragionamento è abbastanza razionale.
Circa gli alcolici, se ricorda, le avevo raccomandato di evitare le bevute abbondanti (anche singole). Un'alimentazione più corretta sarebbe certamente da auspicare, così come da evitare sarebbero pure gli episodi molto stressanti.
Per questo Le dico pure di non parlare continuamente delle crisi e della possibilità che si possano ripetere. Sarebbe un pensiero molto stressante.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente 274XXX

grazie infinitamente per le sue risposte.
mio marito ad oggi, sta bene, ora prende 1/2 tegretol la mattina + 1 la sera. più anche il Clobazam.
Sabato arriverÀ a prendere 1 tegretol mattina + 1 la sera.
E speriamo che il farmaco faccia bene il suo dovere.
A volte sente formicolio al braccio destro e si spaventa dato che le crisi di solito cominciano proprio in quel braccio. ma poi gli passa e capisce che magari non era proprio il sintomo uguale.
Dorme molto e a lungo. anche di notte dorme 12 ore.
Volevo chiedere una cosa. Ho letto che i pazienti farmacoresistenti, sono circa il 20-30%. Ma è vero che sono pazienti giovani, bambini con forme epilettiche particolari? oppure delle sindromi particolari?
Lui di notte ora sogna e sogna molto....e si ricorda tutti i sogni. il cervello è come se stesse buttando fuori tutto l'accumulo di pensieri che ha avuto in questi tempi....e sogna anche di avere crisi e poi si sveglia e si tranquillizza perché vede che non è successo veramente.
saluti e grazie.

beatrice

[#27] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

ha letto bene, anche se le epilessie farmaco-resistenri possono sopravvenire a qualsisi età, comunque sono più frequenti in quelle situazioni.
Rilassatevi entrambi e vivete una vita "normale".

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#28] dopo  
Utente 274XXX

salve, mio marito ad oggi sta bene.
abbiamo parlato con il nostro neurologo il quale ha deciso, dato la nostra forte agitazione e insicurezza, che il farmaco tegertol 200 CR può essere aumentato fino al max di 600 mg/giorno suddivio in 1 1/2 mattina + 1 1/2 sera.
Dice che così non dovrebbero essereci più nessun problema.
Cosa ne pensa?
Settimana prossima, proprio per una questione di scrupolo (come ha detto Neurologo) farà una Risonanza Magnetica.
Dal 2006 fino al 2009 dopo le prime due crisi, ha fatto 4-5 risonanze tutte negative...nessuna anomalia, nessuna patologia a carico del cervello. Aveva solo la ghiandola dell'ipofisi più piccola (mi sembra di ricordare questo) ma niente di più e neurologo ha detto che non era niente di rilevante.
Cosa ne pensa? potrebbe evidenziarsi ora qualcosa di grave? oppure possiamo stare tranquilli dato che in 4 anni non hanno trovato niente dopo le crisi anche adesso non ci sarà niente?
saluti e grazie

[#29] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

concordo con quanto Le ha detto il neurologo, vista la Vostra apprensione, sull'aumento del dosaggio del Tegretol.
Se in tre anni Suo marito ha effettuato 4-5 RM encefaliche (secondo me eccessive se negative) tutte nella norma, mi sembra estrememente improbabile che la prossima possa evidenziare qualcosa di importante. Al limite ci sarebbero le stesse probabilità rispetto alla popolazione generale.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#30] dopo  
Utente 274XXX

salve, mio marito ha effettuato la risonanza e abbiamo avuto i risultati...tutto a posto...cervello "bellssimo" come ha detto il neurologo.
ora mio marito, a 3 settimane dalla crisi, non ha più avuto altre crisi. Ora prende tegretol 1 1/2 mattina + 1 la sera. Poi da sabato prenderà 1 1/2 + 1 1/2 e questa sarà la dose massima.
Ha finito settimana scorsa la cura di Urbanyl e ora prende un altro antiepilettico la sera (per 2 settimane) tipo Urbanyl per farlo dormire meglio la notte dato che sogna tantissimo ed è agitato nel sonno. E questo non lo fa dormire bene come dovrebbe. Il farmaco è Clonazepam, 1 tutte le sere. Poi da settimana prossima a sere alternate e poi STOP.
Trova giusto questa prescrizione per farlo dormire meglio? Lui ora la mattina e il pomeriggio è veramente tanto stanco con questo farmaco....ma il dottore ha detto che va preso per solo due settimane.
Cosa ne pensa? Non è che dopo tirandoglielo via magari il suo stato peggiora e magari ha ancora crisi? nel senso che magari agisce come antiepilettico e quando glielo si toglie gli "manca" e il corpo non avendolo più va in tilt.
Attendo una sua risposta.
saluti e grazie

Beatrice

[#31] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

apprendo con piacere l'esito favorevole della RM encefalica, peraltro prevedibile considerata la negatività delle precedenti.
Circa la prescrizione del clonazepam, mi trovo d'accordo col Vostro neurologo in quanto è stato prescritto un anticonvulsivante con una buiona azione ipnotica.
Il Suo sospetto non dovrebbe essere concreto considerata la copertura del tegretol e la breve assunzione nel tempo del clonazepam.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#32] dopo  
Utente 274XXX

salve,
la tengo informata sulla situazione.
mio marito ad un mese dalla crisi sta bene e non ha più avuto niente. Settimana prossima avrà il previelvo di sangue per vedere il dosaggio di farmaco nel sangue.
Come sempre un po di preoccupazione c'è nel pensare se dovesse ancora succedere...ma va meglio.
Mio marito abbinato alla terapia primaria farmacologica sta anche assumendo un rimedio omeopatico per epilessia, e sta facendo delle tecniche di rilassamento e per aituare ossia reiki e riflessologia plantare. Beve molte tisane rilassanti e sta atteto al cibo e sopratutto non beve più alcool!!
Pensa che tutte queste cose, in aiuto alla terapia farmacologia che resta cmq la terapia principale, possa aiutare a non più avere crisi? dato che cmq mio marito possiamo dire che non è un tipo da crisi frequenti. Se pensiamo che a luglio 2006 la prima e a ottobre 2006 la seconda (tra le due prendeva solo urbanil perché si pensava ad una crisi isolata). Dopo la seconda iniziato subito tegretol e più avuto problemi per 5 anni (tra cui 1 anno e passa senza farmaci). Quindi si può dire che cmq non è un ragazzo che ha molte crisi giusto?
Cmq poi in più di un medico, tra cui il nostro neurologo, ci ha detto che quello che abbiamo sentito dire che prendendo il farmaco se la crisi si ripresente non sarà più cmq una crisi intensa...bhe dicono che è vera questa cosa....!
Chissà...speriamo....! giovedì partiamo un paio di giorni per il Pimente...pensa che ci siano problemi? o facciamo bene?
saluti e grazie

beatrice

[#33] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

la terapia farmacologica, come Lei giustamente dice, è quella fondamentale, il resto, se serve a rilassare l'organismo, potrebbe essere utile.
Partite tranquillamente e rilassatevi, non ci sono problemi.

Buone vacanze
Dr. Antonio Ferraloro

[#34] dopo  
Utente 274XXX

solo ancora una domanda..mio marito ora è alla seconda settimana di cura con il farmaco Clonazepam (prima settimana tutte le sere e ora a sere alternate). Ma da quando lo prende è sempre stanco, debole, non ha forze, sale temperatura sente caldo (anche se non ha febbre), stanco sopratutto nel pomeriggio. è questo farmaco che fa questo effetto? con tegretol non aveva mai avuto questi problemi in passato.
è qualche sintomo che non bisogna sottovalutare con il problema che ha lui oppure è semplicemente un effetto del Clonazepam?
saluti e grazie

[#35] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

potrebbe essere un effetto del clonazepam ma ovviamente on line non è possibile stabilirlo con certezza. Ne dovrebbe parlare col neurologo che lo segue.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#36] dopo  
Utente 274XXX

salve, ecco che le scrivo ancora dato che ci sono delle novità.
Mio marito lunedì è andato a fare gli esami del sangue per il dosaggio del Tegretol CR
Dai risultati risulta che è tutto perfetto. ora non mi ricordo quanto era il valore ma il medico gli ha spiegato che era proprio perfetto e che è la dose giusta per lui. Questo dato può tranquillizzare nel senso che se il dosaggio del farmaco è giusto (ne prende 600 mg al giorno) vuol dire che copre in maniera ottimale?
saluti e grazie

Beatrice

[#37] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

certamente, evidentemente la dose prescritta è quella ottimale, stia tranquilla.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#38] dopo  
Utente 274XXX

salve, a mio marito oggi è successa una cosa un po strana.
premetto che ha un controllo alla spalla da degli specialisti perché non si sa ancora bene cosa ha. Spalla lussata e omero fratturato in due punti. ma il fisioterapista pensa che siano rovinati anche i tendini e legamenti ma non è sicuro.
è due mesi che ha il braccio avvolto così che lo tiene piegato all altezza d petto. Questa sera si è accorto che se tiene braccio dritto niente...se lo fa ruotare comincia a tremargli abbastanza forte ma non ha dolore. Poi se torna nella posizione dritta si ferma.
L'altro braccio e gambe niente. Questo può essere legato con le crisi? potrebbe trattarsi di parkinson? la risonanza non mostrava niente...tutto pulitissimo. Potrebbe essere tutto collegato?
Lui quando ha avuto le crisi gli si blocca il braccio il destro (e focolia EEG parte sinistra del cervello). Mentre a lui che trema e ha "rotto" è il sinistro.
Cosa ne pensa? Dal punto di vista neurologico non è collegato a epilessia o parkinson?
saluti e grazie

[#39] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

escluderei un collegamento con l'epilessia considerato che il tremore si presenta solo in determinate posizioni. Per quanto riguarda il parkinson ci andrei molto cauto, probabilmente il disturbo è causato dal problema ortopedico.
Comunque se dovesse persistere sarebbe opportuna una valutazione neurologica.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro

[#40] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille.
oggi, lasciando il braccio un po libero e non fasciato non trema praticamente più se prova a fare lo stesso movimento di ieri quando ancora tremava. Quindi penso proprio sia una questione ortopedica. Andrà cmq a farsi vedere da uno specialista perché da quando ha lussato la spalla 2 mesi fa (durante la crisi) non si è ancora praticamente messo a posto niente. Si presuppone che siano andati tutti i legamenti..ma questo è un campo non neurologico quindi non la stresso.
Voleso solo confermale, dato che abbiamo sentito il dottore, che il valore del tegretol è 36 (in una scala da 20 a 50). Noi in svizzera usiamo questa scala..so che ci sono diverse "scale" di comparazione.
Sapendo ora il dato puô confermarmi che è perfetta?
saluti e grazie ancora di tutto.
Mi tranquillizza davvero ogni volta...grazie dal più profondo del cuore.

Beatrice

[#41] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

Le confermo, come Lei già ha capito benissimo, che il valore è perfettamente nella norma. Stia serena.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#42] dopo  
Utente 274XXX

salve, avrei una domanda da farle.
questo week end siamo andati a Livigno in vacanza.
Mio marito ha mangiato un po male nel senso che ha mangiato di tutto e in grande quantità..come solitamente si fa in vacanza.
Ieri a mezzo giorno ha mangiato al mec donald e dopo proseguito il viaggio di ritorno e tra curve e strade di montagna la sera gli girava la testa e aveva nausea e stanchezza.
Oggi andava meglio fino ad oggi pomeriggio quando ha sentito un forte mal di testa, come la sensazione che gli si tirasse tutta la testa, come se la testa si restringesse...un dolore strano che non ricorda di avere già provato. Una cosa difficile da spiegare! Un dolore in tutta la testa.
Dobbiamo preoccuparci? può essere sintomo che sta per arrivare una crisi? oppure non ha niente a che fare con questo?
Ora gli ho dato una ponstan per il mal di testa...speriamo che sia solo un po tutto assieme ma che non centri con le crisi.
saluti e grazie.

[#43] dopo  
Utente 274XXX

ancora una domanda..ho letto in internet in un sito dove spiegano un po la composizione e l'efficacia dei farmaci antiepilettici, che tegretol (carbamazepine) non è dimostrato che sia efficace per la patologia in quetione....cioè l'epilessia. Sono rimasta scioccata...cosa vuol dire? Pensavo che l'efficacia era molto buona e che era un farmaco antiepilettico vero e proprio.
Non capisco...mi potrebbe dire cosa ne pensa?
saluti e grazie

[#44] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per quanto riguarda la cefalea escluderei che possa essere l'anticamera di una crisi epilettica, infatti quest'ultima non dà preavviso tranne in alcuni casi dove potrebbe manifestarsi un'aura che comunque non è rappresentata dalla cefalea.
Sul tegretol invece Le dico che ha una spiccata azione antiepilettica e spesso è il farmaco di prima scelta. In Rete si trova purtroppo di tutto e..... il contrario di tutto.......

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#45] dopo  
Utente 274XXX

grazie per la sua risposta.
E allora questo mal di testa strano cosa può essere?
ha mangiato diverso formaggio nell'ultima settimana...non ha però bevuto vino!
il mal di testa è davanti è sopratutto sopra gli occhi.
Dopo aver preso la ponstan un po è passato ma si sente "rintronato".
ieri dopo il viaggio di ritorno gli girava la testa. (mangiato male, veloce, pesante, tanto formaggio, mec donald). Oggi appunto, come spiegato, si è sentito come qualcuno che gli schiacciava la testa, come una compressione in tutto il cranio...come se sentisse che il cervello si "ritirasse". Gli danno fastidio anche gli occhi.
è un semplice mal di testa?
saluti e grazie

[#46] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

a distanza non è possibile valutare l'origine della cefalea, dal Suo racconto un'ipotesi potrebbe essere quella dei "disordini" alimentari che a volte può scatenare una cefalea ma per una più corretta valutazione ne parli col medico curante. In passato Suo marito ha sofferto di mal di testa?

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#47] dopo  
Utente 274XXX

il padre di mio marito ha mal di testa tutti i giorni ed è in invalidità per questo.
Mio marito invece soffre spesso di giramenti di testa dovuti a labirintite, allergie pollini, cambiamenti di stagione, ecc ecc.
Per quel che riguarda il mal di testa invece gli viene di meno ma è già capitato parecchie volte che gli faceva male la testa sopratutto sopra gli occhi (fronte). Anche se non ci si faceva caso.
Questo è il motivo per cui sono un po in panico.
Anche come successo oggi gli è già capitato..il sentire il cervello come se si stringesse, come se qualcuno gli schiacciasse da sopra...anche e più raramente. Capita più spesso mal di testa anche in tutta la testa o sopra gli occhi e cervicali. Ma il mal di testa è già cmq di famiglia.
Si è reso conto che oggi anche la spalla (ancora lussata e non messa a posto, magari saltati anche i tendini) e il collo facevano male...potrebbe essere collegato a questo?
ora che le crisi si sono ripresentate ogni mal di testa mi allarma. Anche perché ho letto che molti casi di crisi (sopratutto crisi focali secondariamente generalizzate tonico-cloniche) iniziano con mal di testa forte e malessere (stanchezza, nausea,spossatezza, strana sensazione stomaco, percezione di odori inesistenti, ecc ecc).
Dopo aver preso ponstan gli è passato un po ma si sentiva più frastornato!!
Grazie mille di tutto

[#48] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se ha già sofferto altre volte stia tranquilla, se dovesse persistere lo faccia controllare dal medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#49] dopo  
Utente 274XXX

garzie, grazie infinitametne per le sue risposte.
Mi da sempre molto coraggio in momenti difficili in cui ho paura.
Sto cercando di vivere al meglio senza pensare alle crisi ma quando mio marito ha un "semplice" mal di testa ecco che penso al peggio.
Non devo lo so ma è più forte di me.
Cmq grazie davvero per la sua disponibilità....lo apprezzo molto.
Mio marito oggi sta bene e non ha più mal di testa.
Gli è venuto raffreddore e si sente solo un po debole...mi sa che è la solita sinusite che prende ogni 6 mesi o un po di influenza....
grazie di tutto cuore

bea

[#50] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

cercate di rilassarVi e di vivere una vita normale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#51] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ecco che ci risiamo...ieri sera a mio marito è tornato mal di testa.
Oggi ancora e in più dice di sentire brividi da tutte le parti...e anche mal di testa.
Ha raffreddore e si sente un po come i sintomi dell'influenza ma non ha febbre.
Sente come dopo che si è fatto la ceretta...dei brividi, pizzichii in tutto il corpo.
Questo potrebbe essere legato ad una crsi epilettica? Abbiamo contattato il neurolgo ma oggi non era in servizio.
Che dice lei?

[#52] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che la cefalea non c'entri con un'eventuale crisi epilettica. Potrebbe essere una sindrome da raffreddamento.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#53] dopo  
Utente 274XXX

salve, oggi una giornata tutta per me per rilassarmi...e mio marito è andato in montagna con i suoi genitori...ogni tanto un po di relax separato ci vuole..ehehe!
Il mal di testa è passato, era penso proprio influenza dato che ha avuto anche raffreddore e mal di gola e tutto rintontito.
Oggi sta bene.
Volevo chiederle un parere delle prime due crisi avute da mio marito. In molti ci hanno detto che athos non è epilettico ma ha avuto 3 crisi epilettiche in momenti molto stressanti. E fin qui tutto ok.
La prima crisi agosto 2006 era veramente sotto stress e veramente ko (non sto qui a riscrivere tutto)...la seconda a ottobre 2006 bhe li dovevamo partire per parigi e non mi sembrava stressato (forse un po di pensieri per la paura che gli veniva..bho..cmq è anche vero che lo stress che si ha addosso non svanisce in 3 mesi se è da molto che si accumula). Cosa ne pensa? Prendeva solo Urbanyl (clobazam) e la crisi infatti è ancora arrivata. È normale secondo lei..nel senso che clobazam non era adatto per quel tipo di crisi? e la seconda crisi c'era ancora residuo di stress?
Mio marito ora prende 600 mg al giorno di tegretol 200CR...la dose nel sangue è perfetta ossia 36 (tra 20 e 50). è dose giusta? mi hanno detto che non è neppure una dose non del tutto terapeutica..che vuol dire? che la dose è talmente minima che non agisce come cura terapeutica? bisogna aumentare?
saluti e grazie

Beatrice

[#54] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

non è facile rispondere alle Sue domande perchè spesso in medicina non esiste la verità assoluta. Ci proverò nei limiti del possibile.
Le crisi epilettiche da stress esistono e possono restare isolate nel corso della vita. In generale dopo la prima crisi non è necessario iniziare una terapia, anzi le linee guida internazionali lo sconsigliano. Se questa si ripresenta il paziente va messo in terapia. La dose del farmaco? A parte i dosaggi plasmatici (che valgono per i farmaci di vecchia generazione come il tegretol) un altro criterio è quello della dose minima efficace, che mantiene il paziente senza crisi. Per es., un paziente che non ha crisi da molto tempo ed effettua il dosaggio plasmatico, se questo risultasse inferiore al range di riferimento, non va aumentata la dose della molecola in questione in quanto, biologicamente, quella quantità è in grado di tenere a bada le crisi. Non so se sono stato chiaro.
<<mi hanno detto che non è neppure una dose non del tutto terapeutica..che vuol dire?>> sinceramente non l'ho capito neppure io. In ogni caso non vuol dire che non è una dose terapeutica per due motivi: 1. Suo marito non ha più crisi. 2. il range terapeutico (20-50 nel vostro caso) è pienamente rispettato.
Non ascolti ciò che Le dicono per sentito dire o per "averlo letto in internet". Si affidi sempre all'epilettologo che segue Suo marito e soprattutto stia serena senza avere il pensiero fisso su questo problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#55] dopo  
Utente 274XXX

grazie grazie mille.
Un'altra domanda per essere informarti...se dovesse succedere metre siamo in auto? (nel senso che io sto guidando e gli viene? che devo fare?) sbattendo rischia di rompere vetri dell'auto o ferirsi? Lui cmq ha sempre la cintura allacciata...che ne pensa?
Poi una domanda un po intima e personale...ma per i rapporti dobbiamo fare attenzione? nel senso che ho sentito dire che se si hanno rapporti e lui si eccita i neuroni vanno a tutto gas e si rischia la crisi...che ne pensa?
Lui cmq ha sempre avuto nelle ore serali..e spesso le ore serali è in giro con me in auto...ormai lui non guida..e non saprei come comportarmi se gli viene...sarei in panico.
Poi un altra domanda già che ci siamo...per l'assunzione del tegretol...lui la prende la mattina (di solito tra le 9 e le 10). poi la sera (di solito tra le 7 e le 8)...può andare bene? oppure dobbiamo modificare gli orari). Da appunto tenere prensente che lui le 3 crisi le ha avute 23.30/17.00/19:30.
Grazie mille
Bea

[#56] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

se l'attacco dovesse venire in auto non succederebbe nulla. Lei accosti semplicemente l'auto. Non ci sono problemi per i rapporti sessuali.
L'ora di assunzione del farmaco va bene ma è buona norma assumerlo sempre allo stessa ora.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#57] dopo  
Utente 274XXX

ah ok. grazie mille.
cmq per il farmaco ora lo prende la mattina alle 9.30 e la sera sempre attorno alle 18.30. e teniamo questi orari...va bene?
Con essere che le 3 crisi le ha sempre avute la sera (23.30 / 17.00 / 19.30) è meglio prenderlo prima la sera`? oppure gli orari indicati sopra vanno bene (e teniamo sempre quelli (a parte rare eccezioni)?

[#58] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

qusto orari li avete scelti voi o li ha consigliati il neurologo?
Dr. Antonio Ferraloro

[#59] dopo  
Utente 274XXX

ma sinceramente il neurolgo fa di essere regolari..ma non ci ha detto nessun orario. ci ha solo detto mattina e sera...nient'altro.
In ospedale li prendeva alle 9.30 circa e alle 17.30 quando mangiava...e da li abbiamo circa tenuto gli orari fissati in ospedale.
Ma il neurologo di orari non ci ha mai detto niente

[#60] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

sarebbe opportuno che li prendesse alla stessa ora, magari anticipando mezz'ora la mattina e posticipando mezz'ora la sera in modo da accorciare la pausa notturna altrimenti sarebbe molto sbilanciata in favore di quella diurna. Non so se sono stato chiaro.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#61] dopo  
Utente 274XXX

ah ok perfetto. quindi allora alle 8.30 la mattina e alle 19.00 la sera? così va bene? o è meglio che non si superano le 12 ore?
grazie mille per i consigli

[#62] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Vanno bene questi orari di assunzione del farmaco.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro

[#63] dopo  
Utente 274XXX

salve, come va?
noi tutto bene....oggi abbiamo avuto la visita con il neurologo..ma questa volta non mi ha convinto molto...non so come mai.
Vorrei far vedere mio marito anche da un altro specialista ma lui non vuole...si trova bene con questo....e dice che si fida di lui!!
Ci ha visitato in 10 minuti (a 3 mesi e mezzo dalla crisi) ha chiesto ad athos come andava e lui ha raccontato un po e fnita lì.
Forse sono io a non essere tranuquilla e vedo insicurezza anche qui...cosa ne pensa? Cè da dire che mio marito sta bene, prende sempre i farmaci e dorme molto. L'unica cosa, come detto al neurologo, a volte fa fatica con la memoria..nel senso che magari fa fatica a ricordarsi la data in cui siamo, il giorno...un po di confusione. (niente di grave cmq) poi capita qualche volta che mi dice una parola per un altra o fa fatica a tirare qua le parole. Ma il neurologo detto che non cè nessuna lesione in testa è tutta perfetta e pulita. E quindi è una conseguenza della crisi...lei cosa ne pensa? Abbiamo detto anche dei mal di testa e non ha detto niente...fa che è difficile dare una spiegazione. Poi detto che a volte lo chiamo ma non risponde e dopo lo chiamo più forte e dopo li mi risponde ma non aveva sentito che prima lo chiamavo...e anche li ha detto "interessante da sapere e che in caso si ripetano più spesso o ogni giorno queste cose bisongerà guardare un po cosa sta succedendo"...tutto lì!
E poi, cosa che le dico in tutta confidenza, che non capisco...è che di solito qui in svizzera per una persona che ha fatto una crisi e sotto stretto consultazione con neurologo il tempo di sospensione patenti è di almeno 6 mesi!!
Infatti nel 2006 è stato 6 mesi senza guidare. Ora ci ha detto che, conoscendo già il paziente, il caso, come avvengono le crisi (sempre nelle ore serali) e avendo già assunto tegretol con grande successo...bhe la revoca di guida viene dimezzata a tre mesi. Praticamente mio marito ora potrebe già guidare....ma è normale questa cosa? gli ha raccomandato di non guidare le prime ore di mattina e nelle ore serali.
Ma durante il giorno no problem...e che basta cmq che se guida eviti di bere, eviti la privazione di sonno e la stanchezza alla guida.
Cosa ne pensa?
Da un lato ci rassicura che si sente sicuro che non dovrebbe più succedere niente ad Athos..ma dall'altra parte...bhe spaventa un po questa cosa...!
Inoltre ci ha detto che tra un po di tempo si può magari provare a diminuire ancora il farmaco..ma come?? dopo la ricaduta si proverà cmq a sospendere? io pensavo che li dovesse prendere a vita....!
Grazie infinitamente per la sua pazienza e per le sue sempre veloci risposte che non mi fanno sentire sola!!!
un caro saluto
Bea

[#64] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

anch'io tutto bene, grazie.
Sulle modalità di sospensione della patente in Svizzera non conosco il regolamento locale per cui non posso rispondere. Non mi trovo d'accordo su una possibile riduzione del farmaco in quanto ancora è davvero prematuro, in assenza di crisi il farmaco andrebbe assunto per alcuni anni, soprattutto se è recidivata come nel caso di Suo marito. Per il resto non mi pare che ci siano grossi problemi, la cefalea sporadica può essere causata da stanchezza o dal farmaco stesso.
Dopo sei mesi dall'ultimo potrebbe ripetere l'EEG, se consigliato dal neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#65] dopo  
Utente 274XXX

salve, come va?
noi andiamo abbastanza bene...mio marito sta bene e per ora tutto sotto controllo.
Io va un po a momenti...a volte non ci penso e riesco a vivere la mia vita in modo sereno con lui, mentre a volte ci penso parecchio.
Ho saputo che per un epilettico cè il rischio di morte improvvisa (sopratutto nei giovani di 30 anni) senza motivo e che è abbastanza frequente. Inutile dire che mi ha fatto pensare molto...tutti dicono che l'epilessia non è pericolosa...mentre invece si può morire e anche trovarsi in situazione dove ci sono crisi continue che richiedono emergenza....sono un po spaventata di questo.
Ma, nel caso di mio marito, potrebbe succedere? oppure sono casi rari che si manifestano giâ dalla prima crisi? mio marito come già detto ha avuto 3 crisi tutte uguali e senza complicanze. Con i farmaci cmq dovrebbe limitare almeno le crisi più gravi..o non è così?
Con lui non ne ho parlato, mi tengo dentro tutto....lui ora sta bene ed è apparentemente tanquillo e dice di esserlo...!
Ora sono quasi 4 mesi che è senza crisi e che il farmaco sta facendo bene. Ma abbiamo sempre paura che si crei farmacoresistenza....questo è un pensiero fisso!
C'é chi dice che il farmaco ha fatto bene prima e sarà sicuramente efficacie anche adesso, chi dice che la farmacoresistenza subentra quando meno te lo aspetti, chi dice che la crisi con il farmaco sarà più lieve, chi dice che invece non lo si può sapere, non so più che pensare...come detto lui assume in tutto 3 pastiglie di tegretol 200 CR (totale una dose di 600 e non ne ha mai presi più di così..anzi, sempre meno).
Tanti mi hanno detto che se è stato 1 anno e passa senza farmaci ora che è in terapia sarà sicuramente senza crisi...dato che con il farmaco è stato 4 anni senza averne. Cosa ne pensa lei?

Volevo augurarle di tutto cuore Buone feste!!!
Saluti
Beatrice

[#66] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora Beatrice,

nel complesso capitolo delle epilessie non è mai possibile ipotizzare il futuro, si può solo ragionare con la "probabilità". E allora, Suo marito ha scarse possibilità (in base alla storia clinica passata) di andare in "stato di male" (crisi subentranti continue), ottime possibilità che sotto terapia non si verifichino crisi, sempre in base alla storia clinica.
Non si faccia molti problemi e viva la Sua vita tranquillamente.

Grazie, ricambio gli auguri.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#67] dopo  
Utente 274XXX

salve, come va?
è passato un altro mese dall'ultima volta che ci siamo sentiti.
siamo andati in vacanza e in montagna e mio marito sta bene.
sono quasi 5 mesi che non ha crisi (5 mesi senza crisi è un buon risultato? possiamo sempre più stare tranquilli). è andato dal otorino perché ha ancora tutto toppo il canale nasale e orecchie...ha un infiammazione. Ora gli hanno dato il cortisone da spruzzare nel naso. Questa componente (cortisone) può causare inassorbenza del tegretol?
Oppure può usarlo tranquillamente?
Un altra cosa...mio marito è andato ad una mostra sul epilessia e parlando con l'esperta hanno capito che la crisi parte dal lobo temporale per poi generalizzarsi.
Ora ho letto che le crisi del lobo temporale sono difficili da curare e sono le più farmarcoresistenti...è ero questo?
in questo centro abbiamo trovato grande conforto, e hanno spiegato tutto bene a mio marito. Dicendoci che in teoria non dovrebbe più venirgli crisi dato che in fondo non è un vero epilettico. Ma che se dovrebbe ancora succedere di stare tranquilli e che probabilmente saranno crisi più "tranquille". Io il mio pensiero fisso è quello che potrei perderlo,perché mi fa paura pensare che cadendo si faccia male oppure che subentrino molte crisi (stato epilettico) o che non respiri come si deve, o che soffoca, ecc ecc. Queste sono le mie preoccupazioni. E anche il fatto di assistere ad una crisi...io non l ho mai visto durante la crisi.
che ne pensa di tutto questo?
grazie infinite

Bea

[#68] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Beatrice,

mi fa piacere apprendere che tutto proceda bene.
Per il cortisone per via nasale non ci sono problemi ma è ovvio che non debba abusare.
Sugli altri argomenti mi sentirei di tranquillizzarvi, così come hanno fatto i colleghi.
Non si faccia prendere dal panico e stia serena, dando così serenità anche a Suo marito.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#69] dopo  
Utente 274XXX

salve, come va?
noi tutto bene...in questo periodo sto meglio e sono più rilassata.
Mio marito è un po influenzato e ha ancora giramenti di testa e mal di testa penso dovuto al fatto che, come ha sempre avuto, ha i naso toppo.
Da quando lo conosco (11 anni) ha sempre avuto sti raffreddori, sinusiti e giramenti di testa anche se negli ultimi anni è peggiorato. Potrebbero essere correlate con l'epilessia?
Ha notato che suda anche sempre sotto un ascella in modo abbondante..mentre dall'altra no!
Volevo solo chiederle un paio di cose.
Mio marito tra due settimane farà un artoscopia con anestesia locale + un po di dormia. Questo per lui è pericoloso? (intendo per l'epilessia)?
Tegretol da assumere normalmente (cosi ha detto l'anestesista). corretto?
Poi un altra domanda..andremo in vacanza due settimane in austria in un bellissimo centro termale. Così almeno lui potrà fare anche riabilitazione per il braccio. Questo è un problema per via delle crisi che ha avuto? può entrare in acqua oppure no? Lui adoro l'acqua e mi dispiacerebbe vedere che io entro e lui no...tutto qui.
Mi dica lei cosa ne pensa...
grazie mille e saluti.

[#70] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa piacere che tutto proceda bene.
Per quanto riguarda i Suoi quesiti Le rispondo in modo tranquillizzante su tutto, cioè che Suo marito può assumere il tegretol (come detto dall'anestesista), che l'intervento non comporta rischi circa l'epilessia e può fare tranquillamente le cure termali in acqua. Inoltre suppongo che, essendo un centro di riabilitazione, ci sia la presenza di un medico a cui può rivolgere le domande che desidera e fare presente la condizione di Suo marito.
Mi fa piacere che anche Lei si senta finalmente più rilassata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#71] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille
E se dovessimo essere in piscina io e lui (piscina dell albergo) cosa devo fare? può cmq entrare in acqua?
lui crisi le ha avute solo in serata sempre...quindi sul giorno dovrebbe cmq essere tranquillo!!
che ne pensa?
cmq come detto ad inizio marzo saranno 6 mesi che è senza crisi.

[#72] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

Le avevo già rispsosto che non ci sono problemi ad entrare in acqua in piscina, l'unica precauzione potrebbe essere quella di non stancarsi eccessivamente, per il resto non ci sono controindicazioni.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#73] dopo  
Utente 274XXX

salve, grazie grazie per la risposta.
Ieri sera siamo andati ad un incontro con la responsabile della società SESI (società epilettici del canton ticino).
Invece di tranquillizzarmi mi ha messo tanta tanta paura questa persona. Ho detto lei che mio marito stava bene, che in aprile andavamo 3 settimane in vacanza ed eravamo felici e ci saremmo rilassati tutti e due in piscina.
Mi ha detto senza mezze parole che devo rendermi conto che se athos entra in acqua e dovesse avere una crisi morirebbe di sicuro perché io non sarei in grado di tenerlo a galla e che solo i bagnini professionisti possono farlo e quindi sarebbe meglio non fare piscina.
Mi ha spaventata, spiazzata e veramente non so più che pensare.
Da tanto aspettavamo, come tutti gli anni, questa vacanza con relax e divertimento in acqua...e ora son spaventatissima.
Mio marito lui mi ha detto che sono 5 anni che andiamo sempre in centri wellnes e anche l'anno scorso, senza più farmaco, ci siamo divertiti tantissimo in acqua..e non ci si pesava piu.
Lui è tranquillo ed è sicuro che non gli verrà più niente...ma non cè niente di sicuro nell epilessia :O(
saluti e grazie per la sua sempre disponibilità e pazienza

[#74] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

che nell'epilessia non ci sia nulla di certo è chiaro ma se in acqua non ha avuto mai problemi, nemmeno quando ha sospeso la terapia, statisticamente le possibilità sono minime ma ovviamente ci sono. Andare in acqua di per sè non è una controindicazione nei soggetti epilettici ma sarebbe prudente prendere qualche precauzione, per es. un esperto nuotatore a bordo piscina e, come Le dicevo precedentemente, senza stancarsi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#75] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ecco che la aggiorno. Mio marito settimana scorsa ha subito l'intervento alla spalla ed è andato tutto bene.
Ora dovrà tenere per 1 mese il tutore al braccio (per tenerlo su bene).
Sono 6 mesi che non ha più crisi, sta bene...ma vorrei solo chiedere per precauzione come comportarci se, sfortuna vorrebbe, che gli venisse una crisi ora che ha questa situazione al braccio...nel senso...se gli venisse una crisi cosa bisogna fare durante le scosse convulsive alle braccia? Chiesto questo perché col braccio legato rischierebbe di farsi molto male ma lasciarlo libero ancora di più....
cosa consiglai? cmq siamo molto fiduciosi e convinti che non avrà più crisi....ora sono 6 mesi senza e già questo è molto positivo.
Settimana prossima andrà fare esami tegretol nel sangue e tra due settimane EEG+visita dal nostro neurologo.
Poi discuterà con lui anche l'eventuale possibiltià di fare o meno piscina. (dato che come detto ci saremo solo io e lui e nell'albergo della piscina non ci sono bagnini o esperti nuotatori). Sicuramente il nostro neurologo che conosco bene mio marito saprà sicuramente dirci se è il caso o meno....
che ne pensa?
saluti e grazie

[#76] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

l'evenienza più probabile è che, in base alla storia clinica di Suo marito, non si scatenino crisi epilettiche ma nell'eventualità peggiore ritengo che non occorra rimuovere il tutore (comunque non so quale tipo di tutore sia).
Il neurologo Le saprà dare le risposte più appropriate, anche in merito alla piscina.
Se vuole, può farmi sapere l'esito della visita neurologica.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#77] dopo  
Utente 274XXX

salve, mio marito ha fatto gli esami per il dosaggio di tegretol nel sangue.
L'ultima volta aveva un valore di 36 ( in una scata tra 20 e 50).
Questa volta il risultato è leggermente più basso ossia 30. (sempre in una scala tra 20 e 50).
Va bene ugualmente secondo lei? oppure questo abbassamento di "6 punti" sta a significare che il tegretol sta perdendo di effetto?
saluti e come sempre, grazie infinitamente.

[#78] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

il valore è di poco sotto quello precedente e la differenza non è da considerarsi significativa. Consideri che questi valori variano (anche se di poco) quotidianamente, pertanto non starei a preoccuparmi in quanto il dato rientra perfettamente nel range di riferimento. State tranquilli.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#79] dopo  
Utente 274XXX

salve,
mio marito ha fatto la visita neurologica.
EEG senza alterazioni, tutto normale. valore tegretol perfetto anche secondo il neurologo.
Per quel che riguarda la piscina ha detto che può farla basta fare attenzione...questo penso significhi fare il bagno inizio pomeriggio dato che le sue crisi sono sempre nelle ore serali....!
e come ha detto lei senza stancarsi!
Se calcola che ora può anche guidare non so cosa sia meglio/peggio!
ma mi dica, ammettiamo che succeda una crisi..io che dovrei fare in acqua? potrei "salvarlo"? nel senso che io sono cmq sempre vicino a lui perché col braccio ancora fuori uso dovrò tenerlo e accompagnarlo....quindi sarò sempre vicina a lui pronta a prenderlo se scivola...e quindi se succede la crisi...riesco a "salvarlo"?
saluti e grazie ancora

[#80] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa piacere che tutto proceda bene. Per quanto riguarda l'eventuale crisi, le probabilità statistiche che si manifesti sono molto poche ma nel caso dovesse avvenire Lei potrebbe iniziare a sostenerlo chiamando nel contempo gli aiuti necessari.
E' giusto essere preparati ma cerchi di stare serena e tranquilla.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#81] dopo  
Utente 274XXX

grazie grazie grazie...ma gli aiuti come li chiamo se siamo solo io e lui? ehehhe mi faccio troppe storie.
ma da quando la responsabile di associazione epilessia mi ha detto che se succede muore di sicuro perché io non riesco a sostenerlo da sola quando sbatte e va sotto acqua e annega...mi ha terrorizzata...!
Gli altri anni manco ci pensavamo a questa possibilità....uffi non so piu che pensare...!
grazie grazie infinamente

[#82] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

eh sì, si fa troppe storie. Comunque potrebbe allertare qualcuno del personale dell'hotel. Stia serena.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#83] dopo  
Utente 274XXX

salve,
posso chiederle una cosa?
per l'epilessia ci sono controindicazioni a fare sauna e bagno turco?

(diciamo fare un paio di minuti e poi uscire, poi dopo un po fare ancora un paio di minuti e poi uscire e rilassarsi, ecc ecc).

grazie mille

[#84] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

in linea di massima non è consigliabile perchè l'eccessiva sudorazione può provocare disidratazione che non sappiamo dove poi va a parare....
Personalmente lo sconsiglio.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#85] dopo  
Utente 274XXX

salve, ecco che la aggiorno.
la vacanza è andata benissimo...due settimane stupende...fatto piscina e un po di sauna e bagno turco...senza stancarsi ed è andato tutto bene. Sono 8 mesi mezzo che non ha crisi.
continua a prendere 1 1/2 mattina + 1 1/2 la sera di tegretol.
Dopo 8 mesi e considerata tutta la sua storia possiamo dire che il farmaco per lui va ancora bene e fa effetto?
possiamo ora veramente considerare che non è farmacoresistente del tegretol?
saluti e grazie

[#86] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa particolarmente piacere sapere che la vacanza sia stata vissuta nel migliore dei modi. Certamente la forma clinica di Suo marito non è farmacoresistente, ma questo lo sapevamo già dalla prima assunzione (mi riferisco al primo ciclo, prima dell'interruzione).
State tranquilli.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#87] dopo  
Utente 274XXX

salve,
come va? volevo chiederle un parere...
mio marito questa sera...dopo ben 1 mese che non aveva più giramenti di testa ecco che ha ricominciato. è andata da uno specialista e gli aveva detto che non c'era niente di serio.
Ha preso i betaserc e tutto andava bene...ora sono 2 settimane che non le prendeva più ma stava bene. Sta sera era al computer e tutto in un colpo ha cominciato a sudare freddo ed è venuto subito sul divano a sdraiarsi e diceva che girava tanssimo e aveva il respiro affannato...forse anche per lo spavento...poi ora gli è passato. Gli gira un po ma non più come prima.
cosa ne pensa? preciso che ieri ha mangiato come un porcellino (3 haburgher con formaggio fuso sopra e la sera carne a volontà unta, e arrostita, pancetta di maiale, ecc ecc, patate fritte) e non era più abituato.
Questo potrebbe avere a che fare con le crisi o secondo lei sono due cose separate?
Ha sempre avuto fino da quando lo conosco e anche da piccolo problemi di allergie ai pollini, raffreddore e giramenti di testa. Ed è spesso soggetto anche a labirintiti. Potrebbe essere collegato con le crisi?
Le ricordo che lui prima di avere la crisi sente il braccio bloccarsi ed irrigidirsi...non gli sembra di ricordare che sente giramenti di testa.
saluti e grazie.

[#88] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

le cause delle vertigini possono essere varie e certamente non è questo il luogo adatto per parlarne. Problemi posturali, cervicali, labirintite di cui in passato ha sofferto potrebbero essere delle cause scatenanti. Anche disturbi della digestione potrebbero contribuire anche se non tutti i medici concordano.
Se il disturbo dovesse persistere ne parli col medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#89] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille per la sua risposta.
si si si è già fatto vedere molte volte...è sempre stato soggetto a giramenti di testa..ma sta sera è stato particolarmente forte.
Lo so che potrebbero essere molte cose...ma a livello del cervello non cè niente (dato le varie risonanze che ha fatto).
Volevamo solo sapere se questi giramenti potrebbero essere delle crisi epilettiche parziali....oppure se non sono collegate a epilessia.
saluti

[#90] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

questo non è possibile stabilirlo a distanza, intuitivamente mi viene da escluderlo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#91] dopo  
Utente 274XXX

salve, ecco che le scrivo ancora.
oggi sono 10 mesi che Athos non ha crisi...e siamo molto felici per questo.
Possiamo stare sempre più tranquilli?
Cè ancora questo giramento di testa persistente e lunedi abbiamo appuntamento dall'otorino per vedere se è un problema di sua competenza.
Il nostro neurologo ci ha detto che secondo lui non è collegato con le crisi.
Potrebbe essere il tegretol che, in un soggetto già predisposto a labirintiti e giramenti, peggiora un po (effetti collaterali del farmaco). Ma se fa effetto trovo che non sia cmq pensabile di cambiare o modificare...dato la sua efficacia.
In questo ultimo mese quasi tutti i giorni, non fortissimo ma cmq fastidioso.
Non ha mal di testa e le risonanze sono cmq sempre state tutte perfette quindi penso che non sia niente a livello celebrale.
Vediamo lunedì...cmq lui è da quando ha 10-12 anni che ha questi giramenti di testa...ma nessuno ha mai trovato niente.

grazie ancora di tutto.

ps= volevo chiederle ancora un parere. ho sentito parlare delle gocce rechweg33 omeopatiche. Pensa che potrebbe prenderle athos? chiaro sempre continuando a prendere l'importantissimo tegretol. Ma in abbinamento potrebbe giovare? ho sentito pareri di tutti i tipi....

saluti e a presto

[#92] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

ritengo che non ci sia alcuna correlazione tra le vertigini e l'epilessia, potete tranquillizzarvi.
Per quanto concerne il rimedio omeopatico non ho conoscenze specifiche di omeopatia, pertanto non Le posso rispondere. Potrebbe chiedere nella sezione "Medicine non convenzionali" di questo sito.
In linea di massima, se il tegretol funziona bene perchè dobbiamo fare ulteriori interventi?
Un consiglio per Suo marito, eviti di prendere sole in testa e beva molta acqua.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#93] dopo  
Utente 274XXX

salve,
le scrivo per ringraziarla ancora di tutto quello che ha fatto in questo quasi anno...tra qualche giorno sono 11 mesi che mio marito sta bene...continuiamo a tenere le dita incrociate.
A settembre avrà visita neurologica + EEG
Anche i giramenti di testa gli sono passati. era andato dall'otorino e a livello di orecchie e ora ha mandato tutto al neurologo perché si pensa che possa essere qualcosa di competenza neurologica. Ci ha detto che è come se ogni tanto il cervello manda impulsi anomali alle orecchie e fa venrie questi giramenti. Cmq come già detto ha fatto dal 2006 ad oggi 6 risonanze...se ci fosse stato qualcosa si sarebbe visto vero? E poi ora è da 14 luglio che non prende più betaserc e non ha più giramenti...ed è un bel traguardo dato che è da quando ha 14 anni che li ha sempre avuti...si erano intensificati un po...e ora più niente. Solo una sera dopo aver mangiato male...
saluti e grazie di cuore

[#94] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa piacere che tutto proceda bene e che anche le vertigini siano regredite. Certamente non è nulla d'importante considerato che li ha dall'età di 14 anni e che le numerose RM encefaliche siano sempre state negative.
Buone vacanze.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#95] dopo  
Utente 274XXX

salve, come va?
noi tutto bene....ieri abbiamo festeggiato 1 anno senza crisi di mio marito.
sta bene e incrociamo le dita penso possiamo essere soddisfatti di questo traguardo.
lei cosa ne pensa? dopo 1 anno senza crisi possiamo stare tranquilli?
(cmq giramenti di testa non ne ha più avuti).
Un anno, cavoli siamo veramente felici...certo ogni tanto ci ripensiamo ma va molto meglio...speriamo di non avere brutte sorprese...
Dopo un anno senza crisi e con la tipologia e storia di crisi di mio marito (sempre completamente sotto controllo per 4 anni con dosaggio inferiore ad ora)
possiamo stare tranquilli?
saluti e grazie di tutto

[#96] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

tutto bene, grazie.
Mi fa piacere che da Voi tutto proceda al meglio.
Statisticamente ed in base alla storia clinica di Suo marito non dovrebbero esserci problemi.
Cercate di non pensarci e vivete serenamente.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#97] dopo  
Utente 274XXX

salve,
come va? mio marito è andato ieri a fare la visita dal neurologo.
putroppo io per motivi lavorativi non ci sono potuta andare. Quando è tornato mi ha spiegato un po anche se non ci ho capito molto bene.
Ora ho scritto al neurologo di contattarmi per discutere un attimo e capirci bene.
Dosaggio di tegretol nel sangue ancora molto buono e va benissimo...su una scala da 15 a 60 lui ha 30 e il neurologo dice che perfetto.
Però, durante l'EEG è stata vista una piccolissima attività nel lobo temporale sinistro. Il dottore gli ha detto che non è niente di grave e che non è di rilevanza clinica nel senso che non centra con le crisi.
Eppure le crisi di mio marito partono si sempre dal emisfero temporale sinistro.
Questa cosa secondo lei è grave? o davver potrebbe essere come dice i neurologo ossia che non ha rilevanza clinica?
E se fosse qualcosa che in giorni si ingrandisce fino a creare le crisi per poi scomparire? o questo non è possibile?
ha fatto 4-5 risonanze con metodo di contrasto e l'ultima l'anno scorso a settembre e tutto era a posto.
Non è che questa attività vuol dire che sta per venire una crisi in questi giorni?
Questa attività dalla RNM non era stata vita....è giusto? o si doveva vedere?
Possiamo stare tranquilli che il nostro neurologo abbia davvero visto bene che TUTTE le risonanze erano perfette e non c'era niente? è il caso di rifarne una ora?
Per quel che riguarda i giramenti di testa gli ha detto che secondo lui non è a livello neurologico ma a livello dell equilibrio (quindi competenza di un otorino). Ora una brava dottoressa arriverà da un centro specializzato e quindi prenderà appuntamento per un consulto per questi giramenti di testa ma secondo il neurologo non sono collegati con le crisi. Gli ha detto che dovrebbero fare accertamenti se gli girasse ancora fortissimo e con anche assieme mal di testa. Altrimenti lui non farebbe niente di esami ulteriori.
saluti e grazie per la sua disponibilità

[#98] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

si tranquillizzi, da quel poco che ho potuto capire è stata riscontrata una piccola attività nel lobo temporale. Queste alterazioni fugaci sono spesso presenti in soggetti del tutto normali, cioè senza alcuna patologia neurologica, epilettica compresa.
Queste attività non sono rilevabili alla RM encefalica in quanto sono espressione di una certa attività elettrica.
Pertanto non mi pare che ci siano motivi di preoccupazione, come ha detto anche il neurologo che segue Suo marito.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#99] dopo  
Utente 274XXX

gentile dottore,
come va? le scrivo per aggiornala un po sulla situazione.
Qui va tutto bene...athos è 1 anno 3 mesi che non ha crisi.
la piccola attività del lobo temporale sinistro che si era visto nell EEG di settembre ho chiesto al neurologo che mi ha detto di stare tranquilli che è banale e non ha rilevanza clinica per le crisi.
Nei messaggi precedenti avevo accennato a questi frequenti ma sopratutto continui giramenti di testa...che prendendo betaserc va molto meglio. Periodi di più, periodo di meno..ma sempre un po in sottofondo e fastidiosi. Dopo tutte le risonanze fatte 6-7 dal 2006 fino ad ora...è possibile che sia sfuggito qualcosa? il nerulogo ha sempre detto che erano pulitissime e non c'era assolutamente niente. L'otorinolaringoiatra non ha trovato niente.Ora domani andrà da una specialista per vedere ancora un po di cose se si riesce a trovare da dove "arrivano" questi giramenti di testa che ha fin da quando aveva 14 anni e che si intensificano nei cambi stagione.
Possibile che sia qualcosa di grave? hanno detto che potrebbe essere tipo che il arrivano impulsi non corretti nel cervello e ci sono questi giramenti di testa...ma si sarebbe visto dalla risonanza o dall eeg? no? cosa vuol dire questa cosa? possiamo cmq escludere cose gravi?
Poi ho notato che se ci pensa peggiora...lui dice di no...ma un po è cosi..non dico che è questa la causa ma secondo me aiuta a peggiorare.
uffa non possiamo mai stare tranquilli.
saluti e grazie.

[#100] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se la sintomatologia vertiginosa è presente dall'età di 14 anni starei tranquillo in quanto qualcosa di grave nel frattempo sarebbe già emersa da tempo.
In questi casi anche la RM encefalica e l'EEG sono quasi sempre normali.
Un problema cervicale potrebbe essere all'origine della sintomatologia ma ovviamente va verificato mediante visita medica. La preoccupazione del sintomo potrebbe accentuare le vertigini.
In ogni caso ritengo che non dobbiate preoccuparVi di patologie importanti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#101] dopo  
Utente 274XXX

salve, ecco che torno a scrivere.
ci tenevo ad aggiornala sul fatto che qui procede tutto bene....da settembre 2011 mio marito sta bene e non ha più avuto crisi.
Prende sempre tegretol 1 1/2 mattina e 1 1/2 sera.
I giramenti di testa sono passati da quando la diagnosi è stata "emicrania con giramenti di testa" da una neurologa specialista.
Prende una pastglia per il mal di testa e gli passa. Da un anno non ha più quei forti giramenti quasi da cadere.
Possiamo quindi essere contenti.

grazie ancora di tutto

[#102] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

La ringrazio per l'aggiornamento, mi fa estremamente piacere che tutto proceda bene e che Suo marito non abbia più avuto nessuna crisi.
Invio tanti auguri per le prossime festività.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#103] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ecco che la tengo ancora aggiornato. Ad oggi mio marito sta bene, nessuna crisi e prende sempre 1 1/2 tegretol mattina e 1 1/2 la sera.
Da quando ha ripreso il farmaco dopo la recidiva del mese di settembre 2011 tutto procede bene. (a giugno avrà il controllo con EEG).

Ha cambiato lavoro, ora lavora in un istituto per anzini come operatore socio sanitario.
La ristorazione era un campo troppo stressante per lui...e lavorare con gli anziani è sempre stato il suo sogno. ora sta facendo la formazione e lo vedo contento.

I giramenti di testa che ora vengon curati come un mal di testa...bhe sono quasi spariti...li ha occasionalmetne e non molto forti come prima,
(Prima erano tutti i giorni e forti da doversi sedere altrimenti cadeva).
Quando sente il giramento prende un antiinfiammatorio e gli passa.
Dalla più grande specialista in Neurologia (qui in svizzera) ci è stato detto che la sua è un'emicrania a grappolo e invece di fargli male a lui gira la testa

Ora vorrei chiedere un po cosa ne pensa...se per tutto questo tempo mio marito è stato bene e con il farmaco per ora non ha più avuto nessuna crisi...possiamo stare tranquilli? Nel senso che non dovrebbero esserci brutte sorprese dato che sembra che il farmaco fa effetto. Le chiedo questo perché andiamo in vacanza e ho sempre un po paura che succeda qualcosa.

grazie mille per la sua sempre infinità professionalità e gentilezza.

un caro saluto

[#104] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Bentornata gentile Signora,

apprendo con piacere che tutto vada al meglio, compreso il nuovo lavoro che a Suo dire è molto meno stressante del precedente. Anche questo particolare gioca a favore di Suo marito, essendo una crisi epilettica spesso scatenata da stress.
Da ciò che Lei scrive mi pare che possiate stare tranquilli e godervi le vostre meritate vacanze.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#105] dopo  
Utente 274XXX

salve,

ecco che le scrivo per chiedere un parere.

comincio col ricordarle che mio marito da settembre 2011 non ha piu crisi e prende 3 tegretol 200 CR al giorno (1 1 /2 + 1 1/2).

Premtto che mio marito ha cominciato a lavorare ad inizio luglio in casa anziani ed è molto stancante dato che deve imparare tutte le cose. Arriva la sera che è felice ma piuttosto cotto per i ritrmi. non era più abituato dato che erano 3 anni che era a casa.

Oggi ha iniziato alle 7.00 fino alle 15.30. Alle 11.30 ha fatto pausa ed ha magiato solo un insalatina...e ha bevuto pochissimo...quasi niente. Ed era cmq molto caldo oggi.
Alle 15.30 finisce lavoro, viene a casa, solleva due pacchi pesanti tutto d'un colpo. Poi ha preso su il cane ad andare a spasso.
quando è tornato a casa era bianco e mi fa che non stava bene e che era successa una cosa strana.
Ha camminato a passo sostenuto con il cane nell'andata (per 20-25 minuti) poi nel ritorno ad un certo punto ha sentito un formicolio alle gambe (parte superiore della gambe), una cosa simile ad intorpedimento e indebolimento. Sentiva come se erano fredde. Poi però riusciva a continaure a camminare..non si sono "paralizzate". Sentiva come se non aveva più i pantaloni addosso nella parte dove sentiva questi sintomi. (i pantaloni li aveva ma era come se non se li sentiva addosso). Poi gli è venuto da sudare.Ha avuto come da svenire via..ma non è svenuto...anzi ha camminato ancora fino alla macchina e poi gli è passato un po e ha guidato 5 minuti fino a casa. Arrivato a casa aveva fame..ha mangiato e poi si è sdraiato a dormire un po e alzandosi poi gli era passato.
Ha anche bevuto molto quando è arrivato a casa...aveva cmq sete e aveva la gola secca non avendo bevuto quasi niente durante il giorno.

ora ci siamo messi in testa, ed abbiamo paura che sia un tipo di crisi epilettiche che parte dalla gamba. Lui le 3 crisi avute sono sempre partite con formicolio al braccio e indurimento..ma lui dice che non era la stessa sensazione...era diversa..ma strana cmq.

ha fatto il controllo a giugno ed era tutto ok.

Pensa che possiamo stare tranquilli? o potrebbe essere una crisi? Lui si è spaventato anche se non pensa che sia una crisi perché i sintomi di formicolio erano diversi da come li ha sentiti oggi...però ha anche pensato che poteva essere quella...

Spero di ricevere una risposta che possa tranquillizzarci un po.
Io ho pensto che magari, un mese che lavora, e non essendo più abituato ai ritmi magari è andato in Tilt con magari questa crisi...ma penso che non sono ritmi da crisi come quelli che faceva prima. Anche perché da sabato fino a ieri (3 giorni) ha fatto libero ed ha riposato.

nelle ultime settimana ha mangiato male (mayonese e molti salumi e cose grasse) non so se possa servire ma glielo dico.

grazie mille per tutto.

un caro saluto.

[#106] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

come impressione a distanza la sintomatologia descritta non sembrerebbe di tipo epilettico. Consideri lo stress della giornata e la passeggiata col caldo pomeridiano, ecco, potrebbero essere delle cause scatenanti il disturbo.
Ripeto, non sembrerebbe di tipo epilettico ma contatti il neurologo per avere un parere più attendibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#107] dopo  
Utente 274XXX

grazie, grazie mille per la sua gentilezza e umanità.
Le sue risposte sono davvero preziose per me e per tutti coloro che le scrivono....è davvero bellissimo vedere che ci sono medici come lei su questo sito...che danno aiuto e forza alle persone che, come me, sono ansiose e pensano subito al peggio.

Abbiamo contattato il neurologo che è in vacanza e tornerà tra due settimane. Possiamo aspettare fino a lì?
Mio marito sta bene...già la sera stessa del fatto gli era passato tutto.

la signorina che mi ha risposto quando ho chiamato il neurologo e dopo averle spiegato un po l'accaduto..mi ha detto che lei pensava non si trattasse di crisi perché solitamente le crisi tendono a ripresentarsi sempre alla stessa maniera. Ipotizzando che la crisi invece di secondariamente generalizzata sia venuta più debole (grazie alla copertura dei farmaci) sarebbe venuta colpendo una gamba o l'altra...e non tutte e due le gambe nella stessa zona e con gli stessi sintomi. (gamba sinistra e destra, parte sopra, interno coscia) e si sarebbe bloccato mentre invece ha continuato a camminare. Questo il parere della signorina che crede si altamente improbabile che sia una crisi..anche perché a mio marito è sempre partita dal braccio.

Cosa pensa di questa spiegazione?

ora attendiamo due settimane il neurologo...sperando non succeda niente.
Mi era passata la paura di queste crisi e ora con sta cosa successa mi si è ancora aperta un agitazione e una paura piuttosto forte.
Ieri sera qui a casa con lui ancora quella sensazione di paura che succedeva...e dire che in questi anni ha avuto anche giramenti di testa e malori e pur pensando alle crsisi si è rilevata tutt'altra cosa...quindi mi sa che devo veramente mettermi in testa che le crisi non centrano e che il farmaco fa il suo dovere come lo ha sempre fatto....

un caro e affettuoso saluto
grazie davvero




[#108] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
come impressione a distanza ritengo anch'io che non si tratti di crisi epilettica per le modalità descritte.
Certamente, può attendere due settimane per la visita neurologica, non c'è urgenza.
Si tranquillizzi e non metta ansia anche a Suo marito.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#109] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ecco che le scrivo...mio marito (32 anni) ad oggi sta bene.
è stato a giugno dal neurologo e l'EEG era tutto ok. ora a cambio stagione ricominciano un po i giramenti di testa ma niente di grave...li gestisce piuttosto bene con Ponstan 500.
L'unica cosa è che adesso è sempre parecchio stanco la sera (premetto che come giâ detto da luglio ha cambiato lavoro e lavora in ambito di case di cura per anziani ed è molto stancante come lavoro. hai i turni dalle 7.00-15.30 con mezz'ora di pausa a pranzo, oppure 7.00-11.00 / 15.30-19.30.
Non è mai fermo perché tra fare le doccie agli anziani, portarli a spasso..bhe è sempre in movimento. Dopo di questo va ancora un oretta a spasso col cane per sfogarsi). Mangia come prima (anzi, forse mangia anche meglio perché abbiamo regolato un po l'alimentazione...solo qualche volta si concede una mangiata di schifezze). Eppure dimagrisce...lui non si pesa ma a vederlo si nota subito che è dimagrito. Quando qualcuno glielo dice ecco che comincia a pensre al peggio e a correlare tutti i sintomi che sente a volte (giramenti di testa, stanchezza, ogni tanto sudorazione notturna).
Dice che avrà qualche tumore (tipo linfoma di Hodgkin o linfoma non Hodgkin) che da questi sintomi. Oppure la Sclerosi multipla....!
esami del sangue completi a giugno tutti nella norma. Fatto test HIV (perché ha contratto il papilloma virus) ed epatite C tutto ok.
EEG a giugno tutto ok. Risonanze magnetica ultima fatta a settembre 2011 (e tutte le precedenti) erano perfette.
Mangia, ha sempre appetito, non ha nausea o febbre, dorme bene di notte.
cosa pensa? sopratutto della SM?
Cari saluti e grazie infinitamente.

[#110] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Pensare al dimagrimento come ad un sintomo d'insorgenza di SM mi sembra eccessivo, piuttosto ha fatto recentemente i dosaggi ormonali della tiroide? Anche lo stress potrebbe essere un'altra causa frequente.
Dr. Antonio Ferraloro

[#111] dopo  
Utente 274XXX

salve,
ecco che le rispondo...si si a giugno ha fatto tutti esami del sangue compresa la tiroide ed era tutto ok.
lui pensa a SM perché si sente stanco, affaticato, la sera si addormenta sul divano e fa fatica a stare sveglio.
però sul giorno è attivo..stanco ma attivo e sempre in movimento.
Forse occorrerebbe solo stare un po più sereni e non continuare a vedere cosa su internet e associare tutti i sintomi a tutte le cose più brutte.
grazie mille

[#112] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Infatti....la pratica dell'autodiagnosi mediante Internet è da evitare.
Se il problema persiste si rivolga al medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#113] dopo  
Utente 274XXX

Ecco che torno a scrivere...
dal 20 settembre quandi da due settimane, a mio marito è tornata a girare la testa.
prende Ponstan 500 (infatti una delle dottoresse più esperte di a livello svizzero di vertigini gli aveva detto che la sua era un emicrania a grappolo con giramenti di testa da curare come un emicrania) ma questa volta è sempre presente un po in sottofondo.
premetto che è anni e anni che ha questi forti giramenti di testa anche se a volte sembrano peggiorare.
Li aveva già da diverso tempo questi giramenti di testa...già prima di fare le risonanze magnetiche...
Ma dopo quello che gli è successo in agosto (vedi mio scritto del 5 agosto 2014) e questi giramenti di testa e formicolii che a volte sente nelle mani, stanchezza serale, fatica a vederci mentre guida la notte...ecco che pensa alla Sclerosi Multipla. Ha fatto ultima risonanza nel 2011 (e tutte le altre fatte negli anni prima erano tutte perfette) e controlli neurologici ogni 6 mesi circa (EEG e analisi sangue) ed era sempre tutto ok.
Il neurologo é al corrente di questi giramenti e di quello che gli è successo il 5 agosto....ma non ha ritenuto opportuno fargli fare la risonanza. Mi aveva detto di stare tranquilla e che per ora andava bene così.
non spappiamo piû cosa pensare...e se fosse davero Sclerosi multipla? (mio marito ora ha 32 anni).
saluti e grazie

[#114] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se la sintomatologia attuale era presente anche prima delle RM riterrei che possa stare tranquilla, inoltre il neurologo non avendo riscontrato nulla di anomalo all'esame neurologico non ha ritenuto opportuno prescrivere un'altra RM.
State tranquilli.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#115] dopo  
Utente 274XXX

per quel che riguarda i forti giramenti di testa erano si presenti già prima della risonanza di settembre 2011...e presumo anche delle altre dato che ha da anni questi giramenti di testa.
A volte lunghi periodi, a volte corti..dipende un po.
Dal neurologo era andato a Giugno e ha fatto EEG + esami sangue completi.
tutto ok.
Ad Agosto (quindi 2 mesi dopo la visita) è successo quella cosa (vedi consulto 5 agosto che riscriverlo è complesso).
Chiamato neurologo e chiesto parere e ci ha detto che non riteneva opportuno fare altri esami e di stare tranquilli.
Noi pensiamo a questi giramenti di testa, formicoli, al 5 agosto che ha avuto formicoli e pensantezza alle gambe con quasi svenimento e formicolii, al fatto che ogni tanto ha su i vestiti ma è come se non se li sente addosso (sensazione strana ma gli succede pochissime volte), disturbi visivi di notte quando guida, stanchezza la sera. Questi disturbi gli capitano ogni tanto già di diverso tempo...questo si.
Altri disturbi non ne ha...non ha perdita di forze nelle mani o nelle gambe.
Speriamo davvero non sia SM!!!

[#116] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
A distanza non si può essere certi di nulla, come impressione sembrerebbe che non ci sia niente d'importante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#117] dopo  
Utente 274XXX

salve,
la scrivo per tenerla aggiornata....mio marito ha cominciato a lasciare via il glutine...perché ha una specie di allergia-intollerante (non forte ma ce l'ha).... bhe i giramenti di testa e gli altri sintomi sono spariti.
Però l'altra sera è successa una cosa che lo ha messo un po in agitazione.
Premetto che in queste due settimane di scuola ha avuto molto da studiare, stiamo ristrutturando la casa, siamo sballottati un po di qua e di là per dormire perché ormai in casa nostra hanno smontato tutto.
Quindi posso dire che abbiamo, lui compreso, la testa piena di molte cose.
Sta studinado in ambito sanitario e quindi le cose da studiare sono moltissime e sopratuto tanti terminini che fanno fatica ad entrare in testa.
Cmq mercoledì sera stavamo andando in auto..si è fermato a fare benzina.
Scende dall'auto, apre lo sportellino della serbatoio, prende la carta per pagare la benzina, digita il codice, immette il numero della pompa delle bezina...e poi...senza fare benzina chiude lo sportellino, mi passa la tessera e me (che ero in auto) e poi sale anche lui e andiamo.
Io mi sono resa conto che ci aveva messo poco...però non mi sono accorta che non l'aveva fatta.
dopo 1 km si è reso conto che non ha fatto benzina perché il display dava ancora che era in riserva.
Praticamente lui da quando ha fatto il codice a quando si è reso conto che l'auto era ancora in riseva ha un vuoto..l'ultima cosa cosa che si ricorda è di aver fatto il codice e aver immesso il numero di pompa della benzina.
Saranno passati circa 30-40 secondi a dir tanto....eppure non si ricorda.
Con me parlava normalmente e non è che aveva sguardo bloccato o così…e guidava anche.
Ora abbiamo paura che sia una crisi leggera…ieri stava bene…ieri sera ha esagerato un po con il mangiare (latticini, glutine..un mix perfetto per lui che è intollerante) e oggi ha malessere generale e gli è venuto in mente che magari è la “conseguenza” di mercoledi sera e che magari era davvero una piccola crisi epilettica.
cosa ne pensa lei?

[#118] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
È difficile dare una risposta precisa, diciamo che l'ipotesi che l'episodio sia assimilabile ad un'assenza di tipo epilettico possa essere teoricamente possibile, deve però rivolgersi al neurologo che segue Suo marito per avere un parere attendibile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#119] dopo  
Utente 274XXX

salve,

ecco che torno a scirvere. Sarò un po lunga ma voglio scrivere bene tutti i passaggi per farle capire al meglio la situazione.

Mio marito domani mattina ha il controllo dal neurologo con EEG + esami sangue completi + controllo dosaggio Tegretol e farà anche per scrupolo una risonanza magnetica dato che pur non avendo più crisi da ben 4 anni l'ultima risonanza è stata fatta nel 2011 (dopo l'ultima crisi).
Putroppo ci siamo messi in testa che troveranno la SML (Sclerosi Multipla).
Probabilmente saranno cose che mi sono messa in testa guardando in internet ma le spiego bene.
Dal 2006 al 2010 fatte 4-5 risonanza al cervello e tutte erano perfette senza nessun segno di patologie o di alterazioni.
- Giugno 2010, causa forte dolore, ha fatto un controllo al ginocchio sinistro tramite radiografia e risultato una condriopatia rotulea non cmq da operare ma da vedere come andava nel tempo.
- Settembre 2011 crisi epilettica (per fortuna l'ultima fino ad ora).
Fatto risonanza e visita medica tutto ok.
- settembre 2012 visita da Otorino per giramenti di testa che dice essere di Competenza neurologioca. Andato quindi a farsi vedere dal suo Nuerolgo e fatto EEG + visita tutto ok.
- marzo 2013 visita oculistica tutto ok. Mio marito porta occhiali per un po di miopia e stigmatismo. Fa più fatica a vederci la notte. inoltre ha dei puntini che vede se si concentra su un punto. Li ha da diversi anni e oculista deetto che è normale e che li avrà sempre ma non è nulla di grave.
Quando guida tanto capita che ha la vista stanca ma niente di più.
- agosto 2013 Mio marito è stato poi indirizzato ad un esperta Neurologa specializzata in emicranie (la più esperta di tutta la svizzera che viene nella nostra città solo 1 volta all'anno e giramenti di testa. è stato appurato che il suo probalme era una emicrania con giramenti di testa e a volte mal di testa e di curare con Ponstan 500 come un qualsiasi mal di testa. Premetto che gli hanno fatto ore e ore di test dal muovere le braccia, allo stare in equilibro, al parlare, alla memoria...tutto tuttuto tutto.
Prendendo Ponstan il tutto sembra molto migliorato.
Questa diagnosi gli era già stata fatta da giovanissimo dal suo pediatra ma i medici arrivati dopo il pediatra hanno sempre smentito...mentre invece era la diagnosi corretta.
- Giugno 2014: esami del sangue completi (compresi anche tiroide) più dosaggio tegretol nel sangue + EEG e conuslto medico col neurologo tutto nella norma.
- Luglio 2014 Mio marito cambia lavoro e comincia a lavorare in casa anziani. Lavoro molto stancante e pesante sia a livello fisico che mentale
- Agosto 2014 dopo aver lavorato tutto il giorno e aveva mangiato solo un insalatina e bevuto pochissimo nonostante il forte caldo è andato a spasso col cane a passo sostenuto per circa 30 minuti...nel ritorno ad un certo punto ha sentito un formicolio alle gambe (parte superiore della gambe), una cosa simile ad intorpedimento e indebolimento. Sentiva come se erano fredde. Poi però riusciva a continaure a camminare..non si sono "paralizzate". Sentiva come se non aveva più i pantaloni addosso nella parte dove sentiva questi sintomi. (i pantaloni li aveva ma era come se non se li sentiva addosso). Poi gli è venuto da sudare.Ha avuto come da svenire via..ma non è svenuto...anzi ha camminato ancora fino alla macchina e poi gli è passato un po e ha guidato 5 minuti fino a casa. Arrivato a casa aveva fame..ha mangiato e poi si è sdraiato a dormire un po e alzandosi poi gli era passato.
Ha anche bevuto molto quando è arrivato a casa...aveva cmq sete e aveva la gola secca non avendo bevuto quasi niente durante il giorno.
Chiamato il neurogo e ci ha detto di non preoccuparci e che andava bene cosi senza fare ulteriori esami.
- dal 2014 in avanti col nuovo lavoro è sempre stanco la sera e dorme molto. Appena tocca il divano o il letto si addormenta. Però non è una stanchezza che non riesce a lavorare o invalidante...infatti se è attivo è attivo e non si ferma ed è in forma. è stanchissimo la sera quando arriva a casa e dormirebbe dopo 2 minuti senza neppure accorgersi che si addormenta. questo è cominciato dopo questo nuovo lavoro.
- settembre 2014 virus HPV con condilomi. Fatto tutti i test anche per hiv, epatiti, ecc ecc...tutto negativo e fatto cura con crema. Condilomi ancora presenti ma stanno piano piano regredendo con varie terapie insieme (medicina tradizionale più piccolo aiuto con cose naturali).
- dicembre 2014 piccolo blackout di memoria. Ha fatto per fare benzina. Ha iserito tessera, composto codice....dopo di ché entrato in auto...dopo qualche secondo si è reso conto di non aver fatto benzina. Ma da quando ha inserito la tessera a quando è entrato in auto (1-2 minuti) non si ricorda niente.
(era in un perido di forte stress tra casa in costruzione,esperimenti importanti, studio, ecc ecc)
- maggio 2015 a scuola dopo aver studiato tantissime pagine per un test molto imporatate (aveva la testa davvero piena zeppa). Ha sentito una canzone del 2004 e lui gli ha detto ad una sua compagna che era recente dato che erano nel 2005 (convinto che erano nel 2005. poi lei gli ha chiesto cosa stava dicendo e lui si è reso conto e gli fa che no è vero siamo nel 2015). Li si è ricordato che aveva detto sbagliato ed era un po in confusione. Prmetto che appunto avrà studiato tantissimo per giorni e giorni e ancora ore prima di questo fatto.
- luglio 2015 dolore al ginocchio sinistro ritornato. fatto radiografia e ancora diagnosi di condriopatia rotulea da curare con antiinfiammatori e vitamine per la cartilagine e con bicicletta tutti i giorni. Il ginocchio gli fa male sopratutto a fare le scale, a piegarsi e a fare pezzi in discese e salita dove piega le ginocchia.

ed eccoci arrivati ad oggi....domani avrà questo esame e ho una paura pazzesca. Non lo dico a lui per non farlo agitare...ma spero davvero non abbia niente.
Ci siamo messi in testa che i condilomi non vanno più via perché ha SML ..nel senso che fanno fatica ad andare via perché ha il sistema immunitario indebolito o compromesso. Oppure perché cè semrpe questa stanchezza, oppure perché ha avuto questi blackout, oppure perché a volte fa fatica tirare qua le parole che vuole dire...capita raramente nhe, oppure non si ricorda cosa stava per dire e deve pensarci un po, oppure perché a volte sente formicolii alle braccia o nelle mani o nelle gambe sopratutto quando è da un po che è disteso sul divano, oppure perché adesso ha questo ginoccio che fa male e ha letto che la SML si manifesta anche con compromissione degli arti inferiori e di dolore alle giunture del ginocchio.
Come può vedere siamo un po in panico.
Il neurologo non voleva fargliela fare domani la risonanza...ma ho insistito io per non vivere in questo dubbio e rovinarci le giornate.
Ma ho molta paura del risultato....davvero tanta paura.

lei cosa ne pensa? cè qualcosa di preoccupante negli eventi successi a mio marito in tempo cronolgico?

cari saluti e buon pomeriggio e grazie per essere sempre gentile e professionale....grazie davvero!

[#120] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

innanzitutto mi sento di tranquillizzarLa in merito alla paura di una SM, infatti dalla descrizione che Lei fa non trovo elementi tali che possano fare sospettare questa malattia. Aspetti serenamente l'esito dell'esame senza particolari preoccupazioni.
Se Le farà piacere potrà comunicarmi l'esito.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#121] dopo  
Utente 274XXX

salve,
eccomi qua..ieri mio marito ha fatto la Risonanza magnetica all'encefalo con metodo di contrasto.
Gli hanno dato il CD con le immagini. Avrà la visita dal neurologo mercoledi prossimo.
Questa mattina però è andato dal suo medico di famiglia e risultati esami del sangue completi tutti ok. Dosaggio tegretol perfetto.
Poi il medico di famiglia ha guardato la risonanza e ha detto che secondo lui non cè niente...e di guardare ancora col neurologo.
Ora mi chiedo...se ci fosse cmq stato qualcosa di serio...anche il dottore di famiglia lo avrebbe visto sulla risonanza vero? non dico che debba avere la specializzazione di un neurologo ma come medico dovrebbe cmq vedere delle alterazioni vero?i
Grazie mille davvero per tutto.

Cari saluti

[#122] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

non Le posso dare nessuna risposta attendibile in quanto non conosco le competenze del Vostro medico di famiglia nell'interpretazione di una RM encefalica.
Ma in Svizzera non danno, oltre il CD, anche un referto che spiega ciò che è stato riscontrato sia in termini di normalità che di patologia?
Dr. Antonio Ferraloro

[#123] dopo  
Utente 274XXX

buongiorno...il nostro neurologo ha guardato assieme ad un altro specialista la risonanza magnetica di mio marito e ci hanno comunicato che era tutto perfetto e non c'era nulla di anomalo.
ora però dopo 10 giorni da questo verdetto ecco che mio marito è stato male! Durante giorno andato in montagna a pescare e mangiati e bevuto poco niente! Ieri sera ore 18.15 ha mangiato un piatto a base di carne cruda ....alle 19.00 è andato a fare 30 minuti di corsa sul tapis roullant in salita. poi doccia e quando si è messo sul divano dopo 10 minuti ha cominciato a sudare. Si è alzato velocemente e poi è uscito mezzo nudo a prendere un po di aria (mutande, canottiera, sudato). tornato sul divano (20.30)...cominciato fortissimi giramenti di testa...pensando ad un calo di zuccheri beve succo d'arancia dal frigo...sudava...e poi ha vomitato tutto e sentiva formicolii alle braccia. Lo hanno portato all ospedale e qui gli hanno detto che era ancora una labirintite bella forte e che tutto ha aiutato a scatenarla! in ospedale appena spostavan il letto girava testa e vomitava.Gli gira in modo continuato e deve tenere occhi chiusi...se apre è peggio! Nausea oggi passata. Ha mangiato un panino e beve acqua e non ha piu vomitato Ora prima della diagnosi finale vogliono ancora un consulto col neurologo...il suo da cui è in cura. Ora le volevo chiedere se fosse stato un tumore nella risonanza di 10 giorni fa si sarebbe visto? Questi suoi giramenti di testa li ha da molto e risonanze sempre perfette. Dal lato di cose brutte possiam stare tranquilli? è necessario fare ancora una risonanza? Tutti i valori del sangue e elettrocardiogramma e pressione tutto ok.
attendo una sua risposta. Grazie mille.

[#124] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa piacere apprendere che la RM encefalica abbia avuto esito negativo, mi aspettavo questo risultato, infatti, se ricorda, l'avevo rassicurata su una eventuale SM che Lei temeva.
La stessa cosa Le dico oggi, può certamente escludere tumori cerebrali considerata la RM di appena dieci giorni fa. Può escludere pure altre malattie neurologiche.
Ovviamente non è necessario effettuare altre RM.
Stia tranquilla.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#125] dopo  
Utente 274XXX

buongiorno....grazie mille. Oggi son passati 1 giorno e mezzo e la nausea è sparita ma i giramenti di testa ci sono ancora e anche forti. Provato ad alzarsi piano a lavarsi ma dopo un po sembrava di cadere. Ha presso ieri 2 Betaserc da 250 e oggi (per adesso) 1.
Eppure non passa. Oggi volevano vedere se cambiargli la cura!
le altre vole il giramento di testa durava un po di giorni...ma non cosi forte...! puo essere davvero solo una forte labirintite e congestione che ha scatenato piu forte del solito?
E se ci fosse qualche altra brutta cosa grave nel corpo? tutti esame sangue completi perfetti. epatiti tutte negative.
Puo una labirintite far girare tanto la testa e betasercnon fanno effetto. A lui gira molto non appena tira su la testa dal letto e deve ristendersi.
Ho molta paura di tumori nel corpo...

[#126] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sintomatologia descritta è compatibile con la diagnosi di labirintite.
Non vada a pensare improbabili tumori e si tranquillizzi.
RM encefalica negativa, per cui stia serena.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#127] dopo  
Utente 274XXX

Buongiorno...ecco che le scrivo.
Ieri, dopo 10 giorni all'ospedale, mio marito è tornato a casa.
Diciamo che va meglio anche se i giramenti di testa ci sono ancora.
La nausa è quasi del tutto passata...solo a volte gli viene un po..ma poco!
Hanno escluso che sia qualacosa a livello Neurologico e il suo Neurologo non gli ha fatto fare nessuna risonanza (giÀ negativa due settimane prima).
Inoltre ci ha detto di stare tranquilli che non è niente di legato alle crisi epilettiche.
Infatti la diagnosi definitiva è stata: Neurite Vestibolare.
Ora prende Betaserc (3 pastiglie al giorno) e inoltre prende una pastglietta al giorno per la pressione perché era un po alta.
C'è da dire che lui solitamente quando gliela misuro a casa è perfetta...dal dottore e ancora di più in ospedale invece è parecchio alta...anche perché é sempre molto agitato (quasi sempre un 15 -20 in più).
Ora abbiamo deciso di perdere qualche kg e metterci un po a dieta e questo sicuramente aiuterà. Tutti gli esami cardiologici eran perfetti. Inoltre tutti nella sua famiglia prendono la pastiglia per la pressione. Quindi ora vogliamo davvero non correre rischi per la pressione, dato che è giovane, anche se sono quasi sicura che se la proverà a misurare da tranquillo sarebbe quasi giusta.
Cmq adesso dopo 10 giorni la testa gli gira ancora e gli hanno detto che ci vorrÀ parecchio tempo....questo ci spaventa perché il week end prossimo avevamo un matrimonio di due giorni molto importante....e poi il lunedi 31 agosto comincierà la scuola e non può saltarla altrimenti boccia già l'anno scolastico.
In una settimana di risposa dovrebbe stare un po meglio? C'è da dire che il farmaco che prende Betaserc...non gli fa niente...ora chiedeva al suo dottore se c'era qualche altro farmaco da provare....vedremo.
lei cosa ne pensa?
inutile dirle che lei è davvero un medico molto professionale e allo stesso tempo vicino a noi persone che abbiamo bisogno di umani consigli.
Grazie davvero di tutto cuore.

[#128] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

non posso che confermare quanto Le hanno detto i medici, state tranquilli perché non ci sono problemi neurologici né legati all'epilessia. Non fatevi prendere da inutili preoccupazioni perché il disturbo col tempo passerà.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#129] dopo  
Utente 274XXX

buongiorno....ecco che le scrivo ancora.
A mio marito hanno cambiato farmaco...ora prende Arlevert.
(betaserc non faceva nessun effetto).
cmq ora è passato quasi un mese (tra tre giorni sarà un mese esatto) eppure le vertigini ci sono ancora. Ora mio marito va a scuola ma fa molta fatica ed è un giramento continuo.
Non guida perche non riesce. Siamo andati via un weekend (4 ore di viaggio) e ha sopportato bene anche se girava parecchio.
Diciamo che riesce a conviverci ma gira di continuo...nonostante sia passato un mese!!
Cosa ne pensa?
Se fosse stato qualcosa a livello neurologico si sarebbe visto anche 10 giorni prima? (tipo anche la sclerosi multipla)
oppure le vertigini, essendo insorte dopo questa risonanza, potrebbe essere comparso qualcosa di nuovo (dopo 10 giorni dalla RMN con contrasto).
Ho letto che potrebbe essere anche malattia di meniere...però li le vertigini durano molto poco e causano abbassamento dell udito. mio marito ci sente normalmente!
ho letto che la neurite vestibolare puo mettervi anche diversi mesi a passare!
ora settimana prossima comincia con la fisioterapia vestibolare...e speriamo in bene!
al 10 ottobre andremo in vacanza e spero che gli passi...!! Ho tanta paura!!
Posso/possiam stare tranquilli??

[#130] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

considerato quanto vi hanno detto gli specialisti che hanno visitato Suo marito, ritengo che possiate stare tranquilli. La RM encefalica effettuata una decina di giorni prima dell'insorgenza della sintomatologia vertiginosa, in caso di SM, avrebbe evidenziato le aree di demielinizzazione tipiche della malattia in quanto queste si producono tempo prima dell'insorgenza dei sintomi che sono proprio causati da queste lesioni, cioè prima le lesioni e poi i sintomi.
Non so se sono stato chiaro.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#131] dopo  
Utente 274XXX

salve,
si si è stato chiaro...e ora sono più tranquilla.
Cmq, per sua esperienza, è possibile che dopo un mese i sintomi di vertigine siano ancora presente in una neurite vestibolare?
cari saluti

[#132] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Teoricamente è possibile.
Dr. Antonio Ferraloro

[#133] dopo  
Utente 274XXX

buongiorno...
ho sotto mano il referto (scritto) della risonanza...mi piacerebbe farglielo leggere. Devo trascriverlo tutto oppure si puo allegare qui in qualche modo? Mi scusi ma non l'ho mai fatto e non so come fare!

Cmq il giramento di testa c'è ancora anche se appena un pochino migliorato. Ieri ha fatto fisioterapia con le manipolazioni e penso sia servito un po. Però gira ancora.
Martedì andiamo dal otorino.
mio mariti ora pensa che magari è qualche tumore all'orecchio che dia vertigini. Ma dalla risonanza si sarebbe visto? E poi ho letto che i tumori maligni all'orecchio son molto rari...è corretto?
(però ho letto anche che la neurite vestibolare è rara...ma è vero???).

ma se un otorino fa la visita e diagnostica une neurite vestiblare...diciamo che si basa su delle cose che vede realmente durante gli esami. E se ci fosse stato qualche sospetto di tumore lo avrebbe capito?

Lui a parte vertigini non ha altri sintomi...alle orecchie non ha problemi.

ha preso un farmaco per la pressione alta che non gli faceva nulla e abbiamo visto che da frequentemente vertigini. Ora abbiam cambiato farmaco...chissá che magari pure quello non aiutava le vertigini.

mi faccia sapere come fare per risultato risonanza.

cari saluti

[#134] dopo  
Utente 274XXX

salve, dottor Ferraloro.
qui sotto le riporto tutto quanto scritto sul referto della RMN.

RM dell’encefalo senza e con metodo di contrasto
Angio-RM arteriosa intra-cranica senza mezzo di contrasto

TECNICA DELL’ESAME
Lo studio morfologico è stato eseguito con tecnica T2 Propeller, Flair Propeller, CUBE T1, SWI, Inversion Recovery , T2 stir e DWI nella condizione di base e con tecnica 3D FSPGR T1 e T1 Fat-Sat dopo somministrazione endovenosa di metodo di contrasto paramagnetico (0.2 mg/kg di gadobenato dimeglumina).
L’indagine Angio-RM arteriosa intra-cranica è stata effettuata con tecnica 3D TOF MOTSA nella condizione base.

REFERTO
In fossa cranica posteriore il quarto ventricolo è mediano, normale. In sede le tonsille cerebellari.
Libere le cisterne degli angoli ponto-cerebellari. Non si documentano aree facoli di alterato segnale a carico del tronco encefacilo e del cervelletto.
A livello sovra-tentoriale, le strutture della linea mediana sono in asse.
Il sistema ventricolare e gli spazi subaracnoidei presetano dimensioni nei limiti della norma.
Non evidenti aree focali o diffuse d’alterato segnale a carico del parenchima celebrale, in particolare non immagini riferibili a lesione espansive , eterotopia della sostanza grigia o displasia corticale.
Nei limiti le dimensioni e le caratteristiche di segnale delle strutture temporo-mesiali.
Dopo iniezione endovenosa di Gadolinio non si apprezzano impregnazioni patologiche.
L’indagine di Angio-RM ha documentato un regolare calibro e segnale di flusso a carico delle principali strutture arteriose endo-craniche.

CONCLUSIONI
Esami nei limiti della norma.

ecco...in questi esami se ci fosse stato qualcosa di brutto alle orecchie si sarbbe visto?
La risonanza magnetica è davvero tutto ok? ho visto che in un paio di punti c'è scritto che gli esami sono nei limiti della norma...vuol dire che sono al limite?? cosa è al limite?
Scleros multipla non c'è giusto? si sarebbe vista??

ecco fatto.

per quel che riguarda la visita ospdaliera di neurite vestibolare la diagnosi riporta questo:

All'esame clinico osserviamo la presenza di un nistagmo orizzontale, battente a sinistra all'apertura degli occhi ed all'inseguimento.
lo specialista ORL conferma una NEVRITE VESTIBOLARE.
Dopo qualche giorno di degenza osserviamo un lento miglioramento nel paziente con scomparsa quasi totale del nistagmo.

Potrebbero esserci tumore alle orecchie o agli occhi?

grazie mille e buona giornata

cari saluti



[#135] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la RM encefalica e l'Angio-RM sono perfettamente nella norma.
La dicitura "nei limiti della norma" indica che l'esame è normale.
Ovviamente eventuali tumori sarebbero stati riscontrati, compreso il neurinoma dell'acustico che è stato ricercato appositamente mediante lo studio dell'angolo pontocerebellare.
<< non immagini riferibili a lesione espansive>> significa che non sono stati rilevati tumori.
Ovviamente nemmeno immagini riferibili alla SM.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#136] dopo  
Utente 274XXX

grazie grazie infinitamente per la sua risposta e il suo aiuto nel tranquillizzarmi.
Domani matti a abbiamo la visita con Otorino....speriamo bene.

Quindi, da come mi dice lei, qui l'orecchio è stato studiato? oltre il neurinoma acustico si sarebbero visti anche altri tumori orecchio?
O deve richiedere un altra risonanza per le orecchie??? Ho visto in internet che parlano
sempre di risonanza ma non riesco a capire se è come quella fatta da mio marito.
Ho pure letto se ci fosse tumore orecchio i sintomi non sarebbero solo vertigini ma anche altri più importanti che simulano otite...mio marito alle orecchie non sente nulla di strano.

Siam molto agitati per domani...speriamo bene di non trovare sorprese

tra 26 giorni ci aspetta una stupenda vacanza...speriamo davvero...

cari saluti

[#137] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
State tranquilli e affrontate serenamente la visita otorino di domani, se vuole può farmi sapere l'esito.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#138] dopo  
Utente 274XXX

buongiorno...ecco che la aggiorno. Ad oggi mio marito va un po meglio. La neurite vestibolare diciamo che sta piano piano svanendo. Siamo andati in vacanza ed ha guidato lui tutto il tempo. L'unica cosa è che essendo stata così forte si è cronicizzata..anche se il suo Otorino ha detto che è meglio così perché poteva andare peggio (tipo la sindrome di Meniere). Mentre cronicizzandosi così forte viene una volta sola e poi saranno giramenti leggeri con i quali già convive. Cmq gli ha detto che ci vorrà molto tempo e molta pazieza prima che tutti i sintomi scompaiono del tutto.
Ora dopo 2 mesi ha ricominciato a lavorare e fare attività fisica ma si stanca molto facilmente. Ormai è normale dopo 2 mesi che non faceva niente se non spostarsi dal letto al divano.

Dato che ho già aperto questo consulto mi permetto di chiederle un informazione per me (quasi 33 anni)
Premetto che come già sa sono molto ansiosa, tutta questa storia di mio marito mi ha spaventata e stressata molto. inoltre la settimana scorsa è morta mia nonna (storia molto particolare nel senso che la conoscevo da poco, famiglie che non si parlano, ecc ecc ma è cmq stato un duro colpo). Questo evento mi ha portato alla mente ancora la morte di mio padre di due anni fa e mi è sembrato di rivevere tutto.
Ecco che è da un paio di settimane che sono sempre stanca, la sera sveglia fino alle 24 o alla 1 e poi se non lavoro dormo fino alle 10.30-11.00 oppure se lavoro alle 06.00 mi alzo.
A casa dormo spesso sul divano con cuscini e posizione scomoda.
In vacanza anche andavo a letto alla 1- 1.30 (prima guardavo la televisione e spesso mi addormento con la televisione accesa) e la mattina mi alzavo alle 9.00 e senza fare niente dopo un po ero di nuovo stanca.
Il pomeriggio se mi sdraiavo un attimo dormivo ancora.
Premetto che il mio cervello è talmente ansioso che continua a pensare pensare e pensare...sempre!
È qualche giorno che ho mal di testa (tra 5-6 giorni) dovrebbe arrivarmi pure il ciclo e ho sbagliato anche a prendere la pillla dimenticandomene un po, ho fatto un casino..praticamente due giorni le prendevo e due le dimenticavo..cosi diverse volte).
Ho preso farmaci ma non mi passa...si attenua un po' ma è sempre in sottofondo..sopratutto davanti al computer (io lavoro tutto il goirno davanti al computer e la sera guardo anche molta televisione).
Se tocco il collo dietro (cervicali) fa male...ed ecco che subito ho pensato al tumore al cervello. E da li continuo a pensarci e cercare in internet...e sono molto molto in apprensione per questa cosa.
Sento dolore più nella parte sinistra davanti sulla fronte e mi prende anche un po l'occhio sinistro (sento come se fosse un po pesante l'occhio) e anche un po la zona mascella/orecchio.
Anche in vacanza a volte mi faceva male....e pur prendendo i farmaci non mi passava!
Fa male tutto il collo dietro, fronte e occhio.....! In pausa pranzo sono andata a fare una passeggiata e rilassandomi mi è passato un po...poi appena ricominciato a pensare ecco che fa ancora male e non va via.
ora sono 2 giorni consecutivi...non ho sempre male...ci sono dei giorni che non sento niente.
Il mal di testa è già di famiglia...mia madre addirittura quando gli sta per arrivare l'emicrania gli va via la vista qualche secondo e poi comincia il mal di testa per un paio di giorni.
I miei due zii (fratelli di mia madre) pure loro mal di testa spessissimo.
Cosa ne pensa? posso stare tranquilla? ho appuntamento dal mio medico di famiglia l'11 novembre e oculista il 20 novembre....devo anticiparlo?
Ho tanta paura di un tumore primario al cervello.
grazie per la sua professionalità e gentilezza.



Dormire dormo bene ma

[#139] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

che fosse ansiosa l'avevo capito nel corso degli anni durante questo lungo consulto.
Stia tranquilla perchè la sintomatologia descritta non fa pensare nulla d'importante.
Il mal di testa sembra di tipo tensivo in cui non sempre gli antidolorifici sono efficaci.
Il dolore suscitato dalla pressione delle dita nella parte posteriore non ha nulla a che vedere con un tumore cerebrale, spesso si tratta di una contrattura muscolare da posture scorrette o prolungate. Anche l'ansia amplifica i disturbi.
Le sarebbe utile una consulenza presso uno psicologo.
Stia serena.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro